Naviga in questo forum:   1 Utenti anonimi


 In fondo   Discussione precedente   Discussione successiva  Registrati per inviare messaggi



Christian, l’incidente in moto e le gambe amputate: «Il mio esempio è Zanardi. Ho visto il buio, ma
Webmaster
Iscritto il:
4/1/2007 19:21
Da VERONA
Gruppo:
Webmasters
Utenti registrati
Messaggi : 21966
Offline
Christian, l’incidente in moto e le gambe amputate: «Il mio esempio è Zanardi. Ho visto il buio, ma ora sono felice»

Campione di canottaggio, 22 anni, Christian Volpi, livornese, racconta la sua rinascita. Gli amici lanciano una raccolta fondi per le protesi che in pochi giorni raggiunge 200mila euro
Jacopo Storni / Jacopo Storn i / CorriereTv
Adesso vuole tatuarsi una fenice. Perché lui questo si sente, una fenice. È morto, quasi morto, la notte del 12 maggio. E poi è risorto, il giorno successivo, salvato per miracolo. Risorto dalle sue ceneri, come una fenice. Christian Volpi, 22 anni, stava tornando a casa, nella periferia di Livorno, quando il suo motorino ha impattato il marciapiede. Era la sera dello scorso 12 maggio. Un urto terribile, le gambe contro un palo. La prima auto sul luogo dell’incidente è quella di un 27enne. Poi la macchina di una guardia giurata. Chiamano il 118, urlano che il ragazzo sta per morire. I medici li guidano al telefono. Il primo soccorritore si toglie la cintura dai pantaloni per fare un laccio emostatico alla prima gamba. La guardia giurata si toglie il cinturone della pistola per fare un laccio emostatico alla seconda gamba. Così il sangue fuoriesce più lento. Poi l’arrivo dell’ambulanza, la corsa in ospedale. Sembra spacciato, Christian.

E invece no, si salva, miracolosamente. Al suo risveglio però, quando solleva le coperte in ospedale, si accorge che le sue gambe non si sono più. Amputate. Panico, paura. «Una sensazione bruttissima, stavo per affogare in un bagno di depressione». Poi accade qualcosa. «È successo come quando stai per affogare in mare e il bagnino ti prende per la mano salvandoti. Mi sentivo al buio, abbandonato, poi ho visto mio padre e i miei fratelli, sono stati loro i bagnini che mi hanno salvato. E allora mi sono guardato e mi sono detto che ero ancora vivo, ho pensato che non dovevo guardare a quello che avevo perso, ma a quello che mi era rimasto e farne tesoro, sono stato così vicino alla morte da poter apprezzare la vita». E Christian rinasce. Guarda fuori dalla finestra e guarda il cielo. Un mare di cielo: «Non avevo mai guardato il cielo con quella intensità. Ero vivo, c’era il mondo attorno a me, quel giorno la morte è venuta da me, e forse, con lo stesso modo in cui sorrido a tutti, ho sorriso anche a lei, lasciandola tanto impressionata da darmi una seconda possibilità. Nei giorni seguenti all’operazione mi è capitato più e più volte di piangere, ma dalla felicità».

E Christian torna a sorridere, più forte di prima. Si scatta una foto sul letto d’ospedale che in pochi minuti diventa virale. I suoi amici lanciano una raccolta fondi per le protesi che in pochi giorni raggiunge 200mila euro (qui il link per donare gofundme.com/f/raccolta-fondi-per-chri). Scrive un post su Facebook: «Sì è vero, ho perso le gambe, ma non il cuore. Quindi vorrei cominciare a sfruttare questa seconda vita da qui, dicendovi solo una parola: amate. Amate il più possibile, perché la vita è troppo breve per essere mangiata dall’odio, dall’avidità, da tutti quei pensieri negativi che ognuno si porta sempre dietro come un grosso macigno che pesa sulla schiena. Liberatevene, perché non serve a niente, vi farà solo stare male e stancare senza motivo. Imparate ad apprezzare qualsiasi cosa la vita vi ponga davanti, dal più particolare al più banale dei gesti. Un fiore bellissimo, un tramonto, un abbraccio, il sorriso di un bambino». Poi il ritorno a casa, la sorpresa degli amici sotto il balcone ad applaudirlo. E lui, con la carrozzina sopra il tavolo per farsi vedere da tutti, fa partire i cori come fosse Freddie Mercury. Piange ancora, di gioia. E le sue parole, sembrano messaggi universali: «Ho perso qualcosa fuori, ma ho preso tanto dentro. La felicità non è avere tutto, ma godere di quel che si ha già». Christian è allenatore di canoa, non potrà più tornare a fare quello che faceva prima. Però sogna le Paraolimpiadi. «Voglio partecipare alla paracanoa a Parigi 2024. E voglio vincere». Ha comprato il libro di Alex Zanardi: «Non vedo l’ora di leggerlo, adesso per me lui è un esempio».

https://video.corriere.it/christian-l- ... 1d-11eb-97d8-c46abd749374

Data invio: 1/6 20:24
Crea PDF dal messaggio Stampa



 Top   Discussione precedente   Discussione successiva

 Registrati per inviare messaggi



Invia la tua risposta?
Account*
Nome   Password    
Messaggio:*


Non puoi inviare messaggi.
Puoi vedere le discussioni.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Non puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Pubblicita

 IL VIGILANTE

Disclaimer

"Questo portale viene aggiornato senza alcuna periodicità e non rappresenta una testata giornalistica né un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Gli autori non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali link o collegamenti posti all'interno del portale o del forum di discussione, o per i siti che forniscono link o collegamenti alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che questo portale fornisca eventuali collegamenti a siti esterni non implica tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli utenti sono i soli responsabili dei contenuti, contributi e commenti pubblicati; i moderatori si impegnano a rimuovere o oscurare i contenuti considerati falsi, lesivi di altrui dignità o diffamatori, ma data la natura interattiva degli strumenti utilizzati è impossibile operare un controllo in tempo reale di tutto il materiale pubblicati dagli utenti. Per segnalazioni o richieste di rimozione contenuti scrivere una mail all'indirizzo admin@guardieinformate.net con oggetto "Richiesta rimozione contenuti" "

Police Privacy di Guardieinformate