SmartSection is developed by The SmartFactory (http://www.smartfactory.ca), a division of INBOX Solutions (http://inboxinternational.com)
Info, CCNL, Leggi e documenti > Leggi & Sentenze > Sentenza III livello in centrale operativa
Sentenza III livello in centrale operativa
Publicato da ADMIN su 2/2/2009 (22991 Letto)
REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
TRIBUNALE DI CAMPOBASSO
II Tribunale di Campobasso, in persona della dott.ssa Federica D'Auria, in
funzione di giudice del lavoro, all'udienza del 6.2.2008 ha pronunziato la
seguente
SENTENZA 102 /08
nella causa iscritta al n. 184/05 R.G.L.
TRA
xxxxxxxxxxxxx, rappresentato e difeso, per procura a margine del ricorso
dall'avv. Giovanni Baranello, presso il quale elettivamente domiciliata in
Campobasso, via del castello n. 3 ;
RICORRENTE
E
IVRI s.r.L, in persona del legale rappresentante p.t., rappresentato e difeso
dall'avv. Tommaso R. Ciampoli, presso il quale elettivamente domicilia in
Campobasso, C.da Colle delle Api, Zona Industriale;
CONVENUTO
Oggetto: riconoscimento qualifica superiore.
Conclusioni: come in atti.
SVOLGIMENTO DEL PROCESSO
Con ricorso depositato in data 10.3.2005, il ricorrente, premesso di essere
dipendente dell'IVRI s.r.l. dal 1.3.1983, attualmente inquadrato nel IV livello del


CCNL per i dipendenti degli istituti di vigilanza privata, deduceva che, a partire
dal 1.5.2002 e fino al 30.11.2002, aveva svolto ininterrottamente e
continuativamente mansioni superiori, riconducibili a quelle di operatore unico di
centrale operativa con autonomia decisionale, figura inquadrabile nel III livello
del CCNL applicabile. Pertanto, in applicazione dell'art. 2103 c.c. e 30 del citato
CCNL, chiedeva all'adito giudicante di accertare il suo diritto all'inquadramento
nel III livello e di condannare il datore di lavoro al pagamento delle differenze
retributive maturate per effetto dell'attribuzione della superiore qualifica, oltre
interessi e rivalutazione monetaria, spese vinte.
Si costituiva il convenuto il quale preliminarmente eccepiva la nullità  del ricorso
per carenza dei requisiti di cui all'ari. 414 c.p.c.; nel merito ne chiedeva il rigetto,
evidenziando che del tutto legittima era l'assegnazione del ricorrente alla centrale
operativa, espressamente consentita dal CCNL che, all'art. 29, prevedeva
l'erogazione di apposita indennità , regolarmente corrisposta al xxxxxxxxxx
Deduceva comunque che le mansioni svolte nel periodo di assegnazione alla
centrale operativa non erano riconducibili al III livello contrattuale, in quanto il
ricorrente non era dotato di autonomia decisionale. Insisteva pertanto per il rigetto
della domanda, con vittoria di spese,
Espletata la prova testimoniale, depositate note illustrative autorizzate, all'odierna
udienza la causa è stata discussa e decisa e del dispositivo è stata data pubblica
lettura.
MOTIVI DELLA DECISIONE
La domanda è fondata e va accolta come precisato nella motivazione che segue.

....
continua la lettura scaricando l'allegato

Files linkati a questo articolo
Nome file Publicato il visto
Scarica questo file Sentenza centrale operativa
Sentenza centrale operativa
3/2/2009 1607

Naviga negli articoli
Precedente articolo Vinta la vertenza-pilota sulla retribuzione dei "tempi di percorrenza" Mobilità  dei dipendenti nell'azienda in crisi impiegati nel reparto lavorativo soppresso o ridotto prossimo articolo
I commenti sono di proprietà degli autori. Si declina ogni responsibilità sul loro contenuto.
Autore
Contenuto

Pubblicita

Disclaimer

"Questo portale viene aggiornato senza alcuna periodicità e non rappresenta una testata giornalistica né un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Gli autori non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali link o collegamenti posti all'interno del portale o del forum di discussione, o per i siti che forniscono link o collegamenti alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che questo portale fornisca eventuali collegamenti a siti esterni non implica tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli utenti sono i soli responsabili dei contenuti, contributi e commenti pubblicati; i moderatori si impegnano a rimuovere o oscurare i contenuti considerati falsi, lesivi di altrui dignità o diffamatori, ma data la natura interattiva degli strumenti utilizzati è impossibile operare un controllo in tempo reale di tutto il materiale pubblicati dagli utenti. Per segnalazioni o richieste di rimozione contenuti scrivere una mail all'indirizzo admin@guardieinformate.net con oggetto "Richiesta rimozione contenuti" "

Police Privacy di Guardieinformate