SmartSection is developed by The SmartFactory (http://www.smartfactory.ca), a division of INBOX Solutions (http://inboxinternational.com)
Info, CCNL, Leggi e documenti > Mobbing > MOBBING: TUTELA IN SEDE PENALE
MOBBING: TUTELA IN SEDE PENALE
Publicato da ADMIN su 8/4/2008 (1888 Letto)
MOBBING: TUTELA IN SEDE PENALE


Come abbiamo già  detto, nel nostro ordinamento non vi sono norme penali che sanzionano atteggiamenti di vessazione morale o di dequalificazione professionale in quanto tali. Proprio le difficoltà  che l'interprete incontra nell'individuare, nell'attuale normativa, un'efficace tutela penale a favore della vittima di mobbing, hanno determinato il proliferare di nuove proposte anche in sede legislativa. Pur nella consapevolezza della difficoltà  di stabilire con precisione le fattispecie concrete degli atti e dei comportamenti attraverso i quali si verificherebbero la violenza e la persecuzione psicologica ai danni dei lavoratori; è evidente che il mobbing in quanto tale, può e deve avere autonoma rilevanza penale e trovare sanzione nell'ambito di una normativa non limitata al risarcimento del danno davanti al giudica del lavoro.Nella vigenza delle norme attuali, sono le singole figure di reato ad essere sussunte dall'interprete, allorché si determina l'insorgere di un procedimento per tali figure delittuose, nell'ambito del fenomeno mobbing.A parte i casi di ingiuria (offesa all'onore e al decoro) o di diffamazione (offesa della reputazione resa pubblica) previsti dal codice penale e sanzionati come delitti contro l'onore, l'individuazione delle ipotesi di reato a carico del soggetto che pone in essere attività  inquadrabili nel fenomeno del mobbing, si basa attualmente sugli effetti che tali azioni hanno sull'individuo che le subisce. Questo determina il fatto che la perseguibilità  degli stessi (dagli abusi sessuali ai ricatti lavorativi qualificabili come vere e proprie estorsioni) passa solo attraverso l'attuale paradigma normativo delle specifiche figure di reati, prescindendosi dal contesto lavorativo nel quale tali episodi si verifichino.
In base all'attuale normativa, fino a che non si dimostri in modo inequivocabile che il lavoratore mobbizzato si sia ammalato di mobbing, la tutela in ambito penalistico -nell'ambito del delitto di lesioni- non ha concreta praticabilità .
Ove fosse stabilito che è stata danneggiata la sua salute fisica o psichica o entrambe, il primo passo da compiere è accertare se la lesione sia stata causata effettivamente dal mobbing, se cioè, esiste un nesso di casualità  tra i comportamenti posti in essere nell'ambiente di lavoro e gli effetti subiti.
E' poi indispensabile accertare se la volontà  del soggetto agente (il datore di lavoro o il collega) sia frutto di un dolo (si basa sulla coscienza e volontà  della condotta e dell'evento offensivo)o di una colpa (si basa sulla coscienza e volontà  della condotta ma non dell'evento, che si realizza invece per negligenza, imprudenza, imperizia o violazione di leggi, regolamenti, ordini o discipline specifiche). Tale verifica si fonderà  innanzitutto sulla condotta del soggetto, ma anche sulle circostanze del fatto che hanno concorso all'azione criminosa, oltre che su altri elementi, quali le motivazioni dichiarate dal lavoratore stesso.
Il risultato di queste verifiche potrà  essere per esempio: l'eventuale connessione tra l'evento lesivo ed una attività  di contrasto del lavoratore legata alla necessità  dell'organizzazione aziendale (che venga ritenuta valida e legittima), per cui potrà  emergere eventualmente un delitto colposo; oppure la rilevazione di un comportamento (dalle finalità  preordinate e precise), ingiustificabile e non collegabile a valide scelte di organizzazione aziendale, tali per cui emergerà  un reato doloso che, in quanto tale, sarà  sanzionato più gravemente.Questi sono alcuni esempi, anche se dobbbiamo sempre tenere presente la specificità  di ogni singolo caso. La vera difficoltà , tuttavia, di tale percorso di tutela del lavoratore è quella di riuscire a provare l'esistenza di una connessione tra molestia morale e l'insorgere di una malattia fisica o psichica. E' quindi necessario definire il rapporto causale tra malattia contratta sul lavoro e la sua origine.
La Medicina Legale definisce il rapporto causale, tra un evento patologico determinatosi e una causa in relazione con esso, unica ed efficiente, capace di produrre quel fenomeno patologico. Analizzando quindi i due elementi di questo ipotetico rapporto causale, così come richiesto dalla normativa attuale e dalle proposte di legge presentate alle Camere, si evince che essi sono fattori variabili, infatti:1. i comportamenti del datore di lavoro che si connotano per il contenuto vessatorio e per le finalità  persecutorie possono variare da maltrattamenti verbali, alla svalutazione dei risultati ottenuti, ad impropri aumenti di carichi dai lavoro o ad esclusione da incarichi con la finalità  di ottenere l'isolamento del lavoratore sgradito;2. le conseguenze dell'azione mobbizzante presentano altresì connotazioni e stadi variabili, dall'assenza di sintomi a disagi psichici, fino alla vera e propria malattia depressiva.Il rapporto causale pertanto, così come lo intende la legge attuale è, in caso di mobbing, moto difficilmente dimostrabile.
Anzitutto perché la malattia psichica, seppur verificatasi, è per sua stessa definizione plurietiologica e riflette senza dubbio condizioni ambientali pluriconcorsuali.
Il fenomeno del mobbing dovrebbe allora essere perseguito "in sé", quale reato di pericolo a produrre l'evento, cioè, come reato di pura condotta, e non tanto per gli effetti prodotti. Il legislatore dovrebbe mirare a punire il comportamento lesivo sul luogo di lavoro al di là  del fatto che l'effetto dannoso si sia realmente prodotto.


fonte: www.sindacatonazionale.com

Naviga negli articoli
Precedente articolo MOBBING: TUTELA IN SEDE CIVILE LEGGE 626, MOBBING, BURN-OUT prossimo articolo
I commenti sono di proprietà degli autori. Si declina ogni responsibilità sul loro contenuto.
Autore
Contenuto

Pubblicita

Disclaimer

"Questo portale viene aggiornato senza alcuna periodicità e non rappresenta una testata giornalistica né un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Gli autori non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali link o collegamenti posti all'interno del portale o del forum di discussione, o per i siti che forniscono link o collegamenti alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che questo portale fornisca eventuali collegamenti a siti esterni non implica tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli utenti sono i soli responsabili dei contenuti, contributi e commenti pubblicati; i moderatori si impegnano a rimuovere o oscurare i contenuti considerati falsi, lesivi di altrui dignità o diffamatori, ma data la natura interattiva degli strumenti utilizzati è impossibile operare un controllo in tempo reale di tutto il materiale pubblicati dagli utenti. Per segnalazioni o richieste di rimozione contenuti scrivere una mail all'indirizzo admin@guardieinformate.net con oggetto "Richiesta rimozione contenuti" "

Police Privacy di Guardieinformate