SmartSection is developed by The SmartFactory (http://www.smartfactory.ca), a division of INBOX Solutions (http://inboxinternational.com)
Info, CCNL, Leggi e documenti > Leggi & Sentenze > Vinta la vertenza-pilota sulla retribuzione dei "tempi di percorrenza"
Vinta la vertenza-pilota sulla retribuzione dei "tempi di percorrenza"
Publicato da ADMIN su 4/11/2009 (19942 Letto)
Vinta la vertenza-pilota sulla retribuzione dei "tempi di percorrenza", l' UGL-Sicurezza Civile di Perugia ristabilisce il principio.
Si è conclusa positivamente il 15 Ottobre u.s., la vertenza sindacale mossa dalla UGL-Sicurezza Civile di Perugia nei confronti dell' Istituto Vigilanza Umbra S.r.l., che dal lontano 2005 vedeva protagoniste tre Guardie Giurate dipendenti del suddetto Istituto le quali, non avendo mai percepito alcuna retribuzione per il tempo necessario a raggiungere il luogo nel quale erano comandate in servizio con inizio dello stesso, inteso quello della sede centrale dell'Istituto, si vedevano costrette a ricorrere tramite il Sindacato per vie legali e forti del fatto che la legittimità  del contendere era già  espressa nel CCNL di categoria e ribadito in secondo tempo dalla Cassazione sez. lav. Con sentenza n. 5496,14.3.2006.; idem n.5775/2003. Il tribunale del lavoro di Perugia, presieduto dalla Dott.ssa Liscio, non ha potuto far altro che risentenziare a favore dei tre lavoratori, ristabilendo così il principio per il quale un dipendente deve essere retribuito dal momento in cui prende servizio c/o la sede principale per reperire il materiale necessario allo svolgimento del servizio, fino al raggiungimento del posto di lavoro comandatogli e ritorno, condannando l'Istituto a rinfondere ai tre dipendenti le spettanti somme non versate, considerando interessi e svalutazione monetaria corrente.
-"Una piccola vittoria locale, ma di grande valore per l'intera categoria , poichè il caso della Vigilanza Umbra non è nient'altro che uno dei tanti che purtroppo si trovano a dover affrontare molti colleghi dipendenti anche da altri Istituti dislocati sul territorio Nazionale, che oltretutto devono combattere ogni giorno contro l'ostracismo esercitato da parte dello Stato e delle Istituzioni ai quali prestano, tra l'altro, solenne Giuramento, ma che vengono da quest'ultimi puntualmente delusi lasciando questa categoria ancora normativata da un obsoleto e quanto mai inadatto, ai giorni nostri, Regio Decreto datato 1931. Auspico infine che da ora in avanti ci possa essere più attenzione ed equità  nella corrispondenza delle retribuzioni a tutti i lavoratori del settore e che se anche altri poi fossero costretti a dover ricorrere al giudizio legale, questa sentenza possa dare, finalmente, un valido sostegno giurisprudenziale". Questo è il commento del Segretario Provinciale della UGL-Sicurezza Civile di Perugia in merito alla vicenda che vede ancora una volta questo Sindacato sempre pronto, attento e sempre più motivato a difendere i diritti dei lavoratori del comparto VIGILANZA "Privata".


UGL Sicurezza Civile

IL SEGRETARIO PROVINCIALE
(Fabrizio Ragonese)

Perugia, li 22/10/2009

Settore: Sicurezza Civile

Oggetto: Comunicato stampa


Segreteria Provinciale – Via Savonarola n. 74 – 06100 Perugia – Tel. 075/5837526 – Fax 075/3124050

Naviga negli articoli
Precedente articolo Deve essere risarcita la guardia particolare giurata licenziata ( sentenza n. 1524/2010 ) Sentenza III livello in centrale operativa prossimo articolo
I commenti sono di proprietà degli autori. Si declina ogni responsibilità sul loro contenuto.
Autore
Contenuto

Pubblicita

Disclaimer

"Questo portale viene aggiornato senza alcuna periodicità e non rappresenta una testata giornalistica né un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Gli autori non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali link o collegamenti posti all'interno del portale o del forum di discussione, o per i siti che forniscono link o collegamenti alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che questo portale fornisca eventuali collegamenti a siti esterni non implica tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli utenti sono i soli responsabili dei contenuti, contributi e commenti pubblicati; i moderatori si impegnano a rimuovere o oscurare i contenuti considerati falsi, lesivi di altrui dignità o diffamatori, ma data la natura interattiva degli strumenti utilizzati è impossibile operare un controllo in tempo reale di tutto il materiale pubblicati dagli utenti. Per segnalazioni o richieste di rimozione contenuti scrivere una mail all'indirizzo admin@guardieinformate.net con oggetto "Richiesta rimozione contenuti" "

Police Privacy di Guardieinformate