Naviga in questo forum:   1 Utenti anonimi


 In fondo   Discussione precedente   Discussione successiva  Registrati per inviare messaggi



Dramma vigilantes Gruppo Secur, “Senza stipendio da 7 mesi e sfrattati dalla sede di via Grecale”
Donatore GuardieInformate
Iscritto il:
5/8/2016 23:57
Da Piemonte
Gruppo:
Utenti registrati
Collaboratore
Messaggi : 879
Offline
Dramma vigilantes Gruppo Secur – ex Vigilanza Sardegna: “Senza stipendio da 7 mesi e sfrattati dalla sede di via Grecale”
Nonostante non percepiscano la busta paga da ben 7 mesi, le guardie particolari giurate continuano a coprire turni e servizi: recentemente si è dimesso anche Gianni Cotza, ex presidente del Cda


Letteralmente sfrattati dalla storica sede della Cooperativa Vigilanza Sardegna, via Grecale, (traversa viale Poetto), perché sul mastodontico edificio a vetri 'pendevano' parecchi mesi d’affitto non pagati.

Di più, i vigilantes, (stando ad alcune cifre dei sindacati di categoria, sarebbero più di un centinaio alla fame), non percepiscono la busta paga da ben 7 mesi.

Ora, le pattuglie del Gruppo Secur Spa sono parcheggiate in una “centrale operativa provvisoria” in viale Monastir, proprio accanto al centro commerciale “Le Fornaci”, Risparmio Casa: il dramma delle famiglie delle guardie giurate è sotto gli occhi di tutti, ma dalla segreteria regionale della Uil, Andrea Lai, parla di rabbia, amarezza e soprattutto di poca attenzione delle Istituzioni competenti per un problema sociale gravissimo.

“C’è ben poco da dire su tutta questa vicenda davvero assurda – tuona Andrea Lai, Uil (nel riquadro della foto, in alto) – nonostante parecchie iniziative del nostro sindacato di categoria la realtà è che solo una piccola parte di vigilantes ricevono, seppur con qualche ritardo di un mese, la busta paga, parliamo di coloro che piantonano l’utenza Eni, mentre tutti gli altri dipendenti che fanno ronde, centrale operativa, amministrativa e altri servizi di sicurezza aspettano di essere pagati da ben 7 mesi. Un dramma – prosegue il sindacalista, Andrea Lai – in buona sostanza il gruppo Secur spa non ha liquidità per pagare gli stipendi, non c’è tfr versato, contributi, altre indennità, senza poi contare che durante gli scioperi i vigilantes, sebbene fossero e sono tuttora si può dire alla fame con parecchi stipendi arretrati, continuavano e continuano diligentemente ad andare a lavorare e a coprire i loro turni di guardia”.

L'appalto - Sanità e Regione

Il prossimo 18 ottobre 2019 c’è poi una data importante, è il termine ultimo per poter partecipare alla maxi gara d’appalto per la Vigilanza presso le utenze regionali e presso ospedali e guardie mediche nell'Isola: “Ora vedremo cosa accadrà in prossimità di quella data tanto attesa – conclude Andrea Lai – ci aspettiamo che chi di competenza, soprattutto in Regione, tenga conto di questa situazione paradossale e ci sia una presa di posizione rigorosa e d’obbligo”. Intanto, da indiscrezioni, pare che alcuni giorni fa abbia dato le dimissioni dal gruppo Secur Spa – ex Vigilanza Sardegna, anche Gianni Cotza, storica figura di via Grecale ed ex presidente del Consiglio di Amministrazione.

https://www.google.com/amp/s/www.sarde ... dalla-sede-di-via-grecale

Data invio: 25/9 16:09
_________________
Cadi sette volte, rialzati otto.
Crea PDF dal messaggio Stampa



 Top   Discussione precedente   Discussione successiva

 Registrati per inviare messaggi



Invia la tua risposta?
Account*
Nome   Password    
Messaggio:*


Non puoi inviare messaggi.
Puoi vedere le discussioni.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Non puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Pubblicita

Disclaimer

"Questo portale viene aggiornato senza alcuna periodicità e non rappresenta una testata giornalistica né un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Gli autori non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali link o collegamenti posti all'interno del portale o del forum di discussione, o per i siti che forniscono link o collegamenti alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che questo portale fornisca eventuali collegamenti a siti esterni non implica tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli utenti sono i soli responsabili dei contenuti, contributi e commenti pubblicati; i moderatori si impegnano a rimuovere o oscurare i contenuti considerati falsi, lesivi di altrui dignità o diffamatori, ma data la natura interattiva degli strumenti utilizzati è impossibile operare un controllo in tempo reale di tutto il materiale pubblicati dagli utenti. Per segnalazioni o richieste di rimozione contenuti scrivere una mail all'indirizzo admin@guardieinformate.net con oggetto "Richiesta rimozione contenuti" "

Police Privacy di Guardieinformate