Naviga in questo forum:   1 Utenti anonimi


 In fondo   Discussione precedente   Discussione successiva  Registrati per inviare messaggi



Cesena, lo minaccia con un coltello: "Vieni al bancomat"
Donatore GuardieInformate
Iscritto il:
5/8/2016 23:57
Da Piemonte
Gruppo:
Utenti registrati
Collaboratore
Messaggi : 873
Offline
Cesena, lo minaccia con un coltello: "Vieni al bancomat con me"
Tentata rapina a un residente. Il malvivente messo in fuga dalla vigilanza della banca

Cesena, 16 settembre 2019 - Un coltello puntato a breve distanza, tenuto in netta evidenza, quindi l’ordine di andare insieme a un bancomat per effettuare un prelievo. Sono stati almeno venti minuti di terrore quelli trascorsi ieri notte da un cesenate di 32 anni che, verso le 4, tornava dal lavoro, ed è stato accolto così davanti a casa da un uomo con il volto travisato (aveva uno scaldacollo tirato su fino al volto, riporta la vittima) e con in mano ben saldo un coltello.

Teatro della vicenda è la zona che sta tra la stazione ferroviaria e Subborgo Comandini. Per fortuna la rapina è stata sventata dal provvidenziale intervento di una guardia giurata che si era insospettita dalla presenza di due individui davanti al bancomat, come ha chiarito alla vittima spiegando di avere notato attraverso le telecamere di sorveglianza una permanenza troppo lunga dei due davanti al terminale.

E' il fratello di colui che è stato minacciato, e tenuto sotto tiro per una ventina di minuti, a raccontare quello che è successo. Specificando che oltre alla guardia giurata dell’istituto di credito sono poi interveuti anche i carabinieri, e che verrà presentata denuncia.

Ma ecco il suo racconto: «Mio fratello stava rincasando quasi all’alba, aveva già visto quell’individuo in mezzo alla strada. Appena sceso dall’auto era davanti al cancello di casa quando questo giovane, che parlava in italiano ma con un accento che probabilmente tradiva un’inflessione dell’est, gli si è avvicinato brandendo un coltello e intimandogli di andare con lui a fare un prelievo al bancomat».

Per il 32enne cesenate è iniziato così il peregrinare della paura, sempre sotto la minaccia del coltello e ha avuto come prima tappa il postamat: «Mio fratello ha anche pensato di provare a scappare ma ha capito subito che non ci sarebbe riuscito. Era seguito a brevissima distanza da questo uomo che mostrava continuamente il coltello. Al postamat nulla da fare, non è stato possibile effettuare il prelievo. Così si sono diretti a un altro bancomat nelle vicinanze. Mentre erano lì davanti si è avvicinata e fermata quindi l’auto della vigilanza privata, insospettita da quei due uomini».

Il vigilante ha poi raccontato all’aggredito che era da un po’ che aveva notato qualcosa di strano grazie alle telecamere. «Il malvivente è fuggito a piedi – conclude il racconto – la guardia ha provato anche a inseguirlo. Rapina sventata ma la paura per mio fratello è stata tanta, quella zona è sempre meno sicura».

https://www.ilrestodelcarlino.it/cesen ... ltello-bancomat-1.4785227

Data invio: 17/9 1:40
_________________
Cadi sette volte, rialzati otto.
Crea PDF dal messaggio Stampa



 Top   Discussione precedente   Discussione successiva

 Registrati per inviare messaggi



Invia la tua risposta?
Account*
Nome   Password    
Messaggio:*


Non puoi inviare messaggi.
Puoi vedere le discussioni.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Non puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Pubblicita

Disclaimer

"Questo portale viene aggiornato senza alcuna periodicità e non rappresenta una testata giornalistica né un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Gli autori non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali link o collegamenti posti all'interno del portale o del forum di discussione, o per i siti che forniscono link o collegamenti alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che questo portale fornisca eventuali collegamenti a siti esterni non implica tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli utenti sono i soli responsabili dei contenuti, contributi e commenti pubblicati; i moderatori si impegnano a rimuovere o oscurare i contenuti considerati falsi, lesivi di altrui dignità o diffamatori, ma data la natura interattiva degli strumenti utilizzati è impossibile operare un controllo in tempo reale di tutto il materiale pubblicati dagli utenti. Per segnalazioni o richieste di rimozione contenuti scrivere una mail all'indirizzo admin@guardieinformate.net con oggetto "Richiesta rimozione contenuti" "

Police Privacy di Guardieinformate