Naviga in questo forum:   1 Utenti anonimi


 In fondo   Discussione precedente   Discussione successiva  Registrati per inviare messaggi



Antiriciclaggio e Vigilanza Privata: criticità e proposte
Donatore GuardieInformate
Iscritto il:
5/8/2016 23:57
Da Piemonte
Gruppo:
Utenti registrati
Collaboratore
Messaggi : 849
Offline
All'indomani del Seminario Assovalori in tema di antiriciclaggio, con il patrocinio di FederSicurezza, Vigilanza Privata Online intervista il consigliere Giuseppe Gabriele, institore e security manager per ARGO Srl – IVRI SpA.

Chi custodisce e trasporta contante o valori rientra tra i destinatari della normativa antiriciclaggio: su queste imprese di sicurezza e vigilanza privata gravano quindi una serie di oneri che non di rado generano criticità, a partire dalla stessa individuazione delle figure responsabili. Esternalizzare queste funzioni quanto meno nelle imprese meno dimensionate, potrebbe essere un’idea.
Ne abbiamo parlato con Giuseppe Gabriele, Institore e security manager per ARGO Srl – IVRI SpA.

Qual è l’attuale quadro normativo antiriciclaggio e in che modo coinvolge gli istituti di vigilanza privata?

Con il decreto 90/2017, coloro che esercitano le attività di custodia e trasporto di denaro contante e di titoli o valori a mezzo di guardie particolari giurate sono stati inseriti nell’elenco dei soggetti destinatari degli obblighi previsti dalla normativa antiriciclaggio, con particolare riferimento agli obblighi di adeguata verifica della clientela, conservazione dei dati ed obblighi di segnalazione, in caso di rapporti continuativi o per operazioni occasionali superiori ai 15 mila euro.

Nello svolgimento di questa funzione si sono manifestate delle criticità per le imprese?

Le criticità sono numerose, a partire dalla difficoltà nell’individuazione e formazione delle figure responsabili, delle procedure e degli strumenti necessari, passando per l’introduzione di un’attività di analisi con componenti soggettive, non proprie della attività di impresa, fino ad arrivare ad un sistema sanzionatorio decisamente gravoso.

Assovalori propone una forma di esternalizzazione di queste funzioni quanto meno per le imprese meno dimensionate: cosa ne pensa?

La sezione IV del decreto prevede la possibilità di esternalizzare a terzi l’esecuzione delle procedure richieste, chiarendo sin da subito che “i responsabili finali dell’assolvimento di tali obblighi continuano a essere gli enti e le persone soggetti al presente decreto, che ricorrono a terzi.”

Come già specificato nella comunicazione del marzo 2012 di Banca d’Italia, la normativa prevede comunque la nomina di un responsabile interno, con il compito di monitorare il servizio svolto in esternalizzazione e di assicurarne il corretto svolgimento da parte dell’outsourcer.

La proposta è comunque da accogliere con favore, certi che gli oneri residui sarebbero comunque meno gravosi laddove esistesse un fornitore affidabile (ancor meglio se garantito da un meccanismo di verifica da parte degli stessi organi di controllo previsti dalla normativa) ed accreditato presso banca d'Italia.

http://www.federsicurezza.it/news.aspx?newId=247

Data invio: 28/2 16:12
_________________
Cadi sette volte, rialzati otto.
Crea PDF dal messaggio Stampa


Re: Antiriciclaggio e Vigilanza Privata: criticità e proposte
Donatore GuardieInformate
Iscritto il:
5/8/2016 23:57
Da Piemonte
Gruppo:
Utenti registrati
Collaboratore
Messaggi : 849
Offline

Data invio: 28/2 16:13
_________________
Cadi sette volte, rialzati otto.
Crea PDF dal messaggio Stampa



 Top   Discussione precedente   Discussione successiva

 Registrati per inviare messaggi



Invia la tua risposta?
Account*
Nome   Password    
Messaggio:*


Non puoi inviare messaggi.
Puoi vedere le discussioni.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Non puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Pubblicita

Disclaimer

"Questo portale viene aggiornato senza alcuna periodicità e non rappresenta una testata giornalistica né un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Gli autori non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali link o collegamenti posti all'interno del portale o del forum di discussione, o per i siti che forniscono link o collegamenti alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che questo portale fornisca eventuali collegamenti a siti esterni non implica tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli utenti sono i soli responsabili dei contenuti, contributi e commenti pubblicati; i moderatori si impegnano a rimuovere o oscurare i contenuti considerati falsi, lesivi di altrui dignità o diffamatori, ma data la natura interattiva degli strumenti utilizzati è impossibile operare un controllo in tempo reale di tutto il materiale pubblicati dagli utenti. Per segnalazioni o richieste di rimozione contenuti scrivere una mail all'indirizzo admin@guardieinformate.net con oggetto "Richiesta rimozione contenuti" "

Police Privacy di Guardieinformate