Naviga in questo forum:   1 Utenti anonimi


 In fondo   Discussione precedente   Discussione successiva  Registrati per inviare messaggi



Carabinieri e guardia giurata indagati. Salvini: "Meritano un premio, non il processo"
Donatore GuardieInformate
Iscritto il:
5/8/2016 23:57
Da Piemonte
Gruppo:
Utenti registrati
Collaboratore
Messaggi : 771
Offline
Sparatoria a Ponte Felcino, carabinieri e guardia giurata indagati. Salvini: "Meritano un premio, non il processo"

Il Ministro dell'Interno: "Hanno rischiato la vita, hanno solo fatto il loro dovere". Squarta (Fdi): "Piena solidarietà". Marchetti (Lega): "La legge chi tutela?". Prisco (Fdi): "Più poteri alle forze dell'ordine"

Per il Ministro dell'Interno i due carabinieri e la guardia giurata iscritti dalla Procura di Perugia nel registro degli indagati per omicidio colposo dopo la sparatoria di Ponte Felcino, terminata con la morte di uno dei ladri, "meritano un premio, non il processo".
Lo scrive Matteo Salvini, in un post su Facebook: "Carabinieri e Guardia Giurata, che hanno rischiato la vita, hanno solo fatto il loro dovere: non meritano un processo, semmai un premio".


Segue a ruota il deputato umbro della Lega Riccardo Augusto Marchetti: "Quanto accaduto a Ponte Felcino riflette a pieno la vergogna tutta italiana ereditata dai precedenti governi di centrosinistra in base alla quale chi lavora per garantire ordine e sicurezza é meno tutelato rispetto a chi delinque. Che legge é quella che punisce la guardia e tutela il ladro?".
E ancora: "Quei criminali hanno rapinato una tabaccheria, sono fuggiti e - sottolinea l'esponente leghista - hanno forzato un posto di blocco, mettendo a repentaglio la vita degli agenti che cercavano di fermarli e dei cittadini che si trovavano lì. La loro pericolosità era evidente. Cos'altro avrebbero dovuto fare gli agenti per fermarli? La Lega è - e sempre sarà - dalla parte delle forze dell'ordine e di chi difende i cittadini, l'ordine pubblico e la legalità anche a rischio della propria vita. In attesa dell'esito delle indagini, ribadiamo loro il nostro pieno sostegno".

Stessa linea per la Lega di Perugia: "Carabinieri e guardie giurate indagati per omicidio colposo? Noi stiamo dalla parte delle forze dell'ordine", scandisce il segretario comunale Gianluca Drusian. "Pur trattandosi di un atto dovuto da parte della Procura non possiamo non difendere l'operato di quelle persone che, giorno e notte, rischiano la propria pelle per difenderci. Abbiamo già troppe volte assistito a casi contrari di uomini in divisa uccisi per mano di banditi. Non vorremmo assistere più a processi che abbiano l'unica finalità di ricerca di risarcimento danni per presunte parti lese. La gente- proseguono del direttivo- ha bisogno di sicurezza, di normalità ma ne hanno bisogno anche le nostre forze dell'ordine. In situazioni come quelle della rapina di ponte felcino e della presunta sparatoria, inseguimento che ne sarebbe seguito, di pericolo e anormalità, diventiamo tutti noi parti lese".

Il consigliere regionale Valerio Mancini, invece, attacca la sinistra: "I paradossi di una sinistra ipocrita e buonista che negli anni di governo si è schierata a fianco di immigrati clandestini, detenuti e delinquenti. Questi agenti sono degli eroi, non meritano un processo ma delle medaglie. Ieri il Presidente Mattarella ha firmato il decreto sicurezza, il tempo del cambiamento è arrivato. Esprimo solidarietà e vicinanza agli agenti".

Il capogruppo di Fratelli d'Italia in consiglio regionale, Marco Squarta, rincara con una nota: “Piena solidarietà ai due carabinieri e alla guardia giurata che sarebbero stati iscritti nel registro degli indagati con l’ipotesi di omicidio colposo per la morte del bandito coinvolto nell’assalto alla tabaccheria di Ponte Felcino dell’altra notte".


Il portavoce del centrodestra, sempre nella nota, ribadisce “rispetto e piena fiducia nell’attività della Procura” sottolinea l’esigenza di approvare “quanto prima nuove leggi che garantiscano una maggiore tutela ai rappresentanti delle forze dell’ordine e della sicurezza nell’esercizio, difficile e sempre più rischioso, del delicato compito al servizio dei cittadini”.
Per Squarta una siffatta revisione normativa “permetterebbe un esercizio meno incerto e più efficace dell’azione dei tutori dell’ordine e, soprattutto, eviterebbe il rischio che a noi sembra molto reale di disincentivare e demotivare questi servitori dello Stato impegnati quotidianamente nella tutela e salvaguardia del corretto vivere sociale”.

Il deputato e assessore comuale di Perugia, Emanuele Prisco, chiede al Governo "Più poteri e maggiori garanzie per le forze dell’ordine, che, facendo il proprio lavoro al servizio dello Stato e dei cittadini, si ritrovano ad essere loro stessi oggetto di provvedimenti giudiziari". E ancora: "L’augurio - viene detto in una nota - è che la magistratura possa rapidamente accertare i fatti restituendo piena dignità a coloro che si sono trovati a operare in situazioni estreme a servizio dello Stato e della legalità". Conclusione: "Mi aspetto - dichiara Prisco - che il governo prenda spunto da questo episodio per intervenire con provvedimenti di legge atti a tutelare le forze dell’ordine nello svolgimento delle proprie competenze".

Potrebbe interessarti: https://www.perugiatoday.it/politica/s ... ieri-guardia-giurata.html
Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/pages/PerugiaToday/100142986753754

Data invio: 6/10/2018 23:01
_________________
Cadi sette volte, rialzati otto.
Crea PDF dal messaggio Stampa



 Top   Discussione precedente   Discussione successiva

 Registrati per inviare messaggi



Invia la tua risposta?
Account*
Nome   Password    
Messaggio:*


Non puoi inviare messaggi.
Puoi vedere le discussioni.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Non puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Pubblicita

Disclaimer

"Questo portale viene aggiornato senza alcuna periodicità e non rappresenta una testata giornalistica né un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Gli autori non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali link o collegamenti posti all'interno del portale o del forum di discussione, o per i siti che forniscono link o collegamenti alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che questo portale fornisca eventuali collegamenti a siti esterni non implica tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli utenti sono i soli responsabili dei contenuti, contributi e commenti pubblicati; i moderatori si impegnano a rimuovere o oscurare i contenuti considerati falsi, lesivi di altrui dignità o diffamatori, ma data la natura interattiva degli strumenti utilizzati è impossibile operare un controllo in tempo reale di tutto il materiale pubblicati dagli utenti. Per segnalazioni o richieste di rimozione contenuti scrivere una mail all'indirizzo admin@guardieinformate.net con oggetto "Richiesta rimozione contenuti" "

Police Privacy di Guardieinformate