Naviga in questo forum:   1 Utenti anonimi


 In fondo   Discussione precedente   Discussione successiva  Registrati per inviare messaggi



Agenzia entrate, raid con ostaggi per un debito di mille euro
Donatore GuardieInformate
Iscritto il:
8/11/2010 6:25
Da Lombardia
Gruppo:
Utenti registrati
Collaboratore
Donatori
Messaggi : 6295
Offline
17:48 04 MAG 2012

(AGI) - Milano, 4 mag. - Un debito di mille euro per cartelle esattoriali, forse in parte gia' condonate. E' bastato a scatenare la follia del piccolo imprenditore, Luigi Martinelli, che ha fatto irruzione ieri con un fucile, 2 pistole e un coltello, negli uffici dell'Agenzia delle entrate di Romano di Lombardia in provincia di Bergamo, tenendo per ore in ostaggio un dipendente. L'uomo, che rischia 8 anni di carcere, si era rivolto due volte all'agenzia per spiegare i suoi problemi, ma, ha raccontato agli investigatori, era sempre stato "trattato in malo modo. Se fossi venuto prima a parlare con voi - ha detto ai carabinieri - forse, tutto questo non l'avrei fatto". "Non si tratta di una somma enorme - ha commentato il procuratore aggiunto di Bergamo, Massimo Meroni - ma non si sa mai che cosa puo' avvenire nella mente di una persona". Martinelli, durante il suo raid, ha anche chiesto di parlare col presidente del Consiglio, Mario Monti, che si era detto disponibile. "Ho visto che era molto arrabbiato, ma ho capito che era una persona normale, e ho puntato tutto sull'umanita'", ha spiegato il vice brigadiere dei carabinieri, Roberto Lorini che e' riuscito a convincerlo ad arrendersi e per il quale dovrebbe arrivare un encomio. "Abbiamo parlato della vita quotidiana, dei nostri figli, ho capito che era una persona semplice e gli ho anche parlato in dialetto bresciano. Gli ho anche detto che io, lui e l'ostaggio eravamo tre amici e lo saremmo rimasti per sempre".
Dopo l'arresto e' stato accompagnato alla Stazione dei carabinieri. Chi era con lui lo descrive "molto tranquillo, rassegnato, e consapevole di cio' che aveva fatto". Poi e' stato trasferito nel carcere di Bergamo con l'accusa di sequestro di persona. Intorno a lui non mancano comunque segni di solidarieta': il Codacons gli offre assistenza legale gratuita e il deputato leghista Alberto Torazzi dice: "Quando una persona normale e' indotta ad azioni folli e disperate dalle istituzioni che dovrebbero tutelarla ed invece con la loro indifferenza e inefficienza finiscono per tutelare solo i furbi e i disonesti, non e' un criminale e' una vittima". Gli uffici dell'Agenzia di Romano di Lombardia intanto hanno aperto regolarmente alle 8.30 di questa mattina. Unico assente Carmine Mormandi, l'impiegato sequestrato. "Non so perche' se l'e' presa con me - racconta - diceva 'tu non mi piaci, mi sei antipatico'. Ho davvero avuto paura. Ho pregato tanto". (AGI) .
http://www.agi.it/in-primo-piano/noti ... r_un_debito_di_mille_euro

Data invio: 4/5/2012 18:31
_________________
Open in new window
Crea PDF dal messaggio Stampa



 Top   Discussione precedente   Discussione successiva

 Registrati per inviare messaggi



Invia la tua risposta?
Account*
Nome   Password    
Messaggio:*


Non puoi inviare messaggi.
Puoi vedere le discussioni.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Non puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Pubblicita

Disclaimer

"Questo portale viene aggiornato senza alcuna periodicità e non rappresenta una testata giornalistica né un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Gli autori non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali link o collegamenti posti all'interno del portale o del forum di discussione, o per i siti che forniscono link o collegamenti alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che questo portale fornisca eventuali collegamenti a siti esterni non implica tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli utenti sono i soli responsabili dei contenuti, contributi e commenti pubblicati; i moderatori si impegnano a rimuovere o oscurare i contenuti considerati falsi, lesivi di altrui dignità o diffamatori, ma data la natura interattiva degli strumenti utilizzati è impossibile operare un controllo in tempo reale di tutto il materiale pubblicati dagli utenti. Per segnalazioni o richieste di rimozione contenuti scrivere una mail all'indirizzo admin@guardieinformate.net con oggetto "Richiesta rimozione contenuti" "

Police Privacy di Guardieinformate