Naviga in questo forum:   1 Utenti anonimi


 In fondo   Discussione precedente   Discussione successiva  Discussione bloccata



Vigilante cade in Bacino e muore
Donatore GuardieInformate
Iscritto il:
25/5/2007 17:15
Gruppo:
Utenti registrati
Messaggi : 41
Offline
La Nuova Venezia - 28/06/2008

Alessio Maggio, 32 anni, di Sant’Elena lavorava per la Sicurglobal. Con lui un dipendente dell’azienda di trasporto che non ha potuto salvarlo

Passerella si stacca dall’imbarcazione mentre controlla i mezzi Actv

Morire a 32 anni per una passerella malridotta mentre si lavora a quattro passi da piazza San Marco dove centinaia di turisti si stanno gustando le bellezze di uno dei più nobili salotti del mondo. E’ morto così Alessio Maggio, 32 anni, di Cannaregio, vigilante della «Sicurglobal srl» caduto in acqua mentre era impegnato in un normale controllo di tre mezzi Actv alla Pietà. E’ successo ieri poco dopo mezzanotte.
Alessio Maggio se lo ricordano bene a Cannaregio. Da 5 anni lavorava alla «Sicurglobal» di Mestre, ex «Vigile San Marco». L’altra sera era già passato due volte davanti alla motonave «Bragora» per controllare l’imbarcazione trasformata in uffici e altri due mezzi dell’Actv. Entrambi ormeggiati a fianco della motonave. Sul posto ha trovato Moreno Spolaor dipendente dell’azienda di trasporti pubblici e addetto agli uffici per la notte. I due hanno iniziato il controllo, il terzo della serata, scendendo dalla Bragora a un motoscafo e quindi su un vaporetto della linea 18. Per passare da un’imbarcazione all’altra sono saliti su una passerella: in realtà si tratta di tavole di legno, che di «passerella» hanno solo il nome. Dopo la verifica i due tornano indietro. Spolaor precede Maggio di qualche metro. E’ lui il primo a salire sulla «Bragora». Ed è anche l’ultimo a vedere vivo Maggio.
Infatti qualche attimo dopo essere entrato negli uffici galleggianti sente un rumore provenire dall’esterno. Ritorna indietro. Chiama Alessio. Ma il giovane non risponde. Vede che la tavola usata come passerella è caduta in acqua. Guarda giù, ma non vede il vigilante. Il buio non permette di distinguere nulla. Chiama ancora. Ma non arriva alcuna risposta. Sono attimi, ma sembra l’eternità per Spolaor. A quel punto chiama i soccorsi. Avverte i vigili del fuoco, la polizia e il Suem. Sul posto una prima squadra dei pompieri si mette alla ricerca del giovane. Ma dall’acqua non emerge nulla. Sembra svanito nel nulla. Le ricerche durano ore, senza esito. Riprendono di buon’ora ieri mattina. Verso le 10 il corpo senza vita di Maggio viene ripescato, dai sommozzatori del vigili del fuoco. Si era incastrato sotto la poppa della «Bragora».
Le indagini sono affidate agli agenti del commissariato San Marco. Il pm di turno ha disposto l’autopsia per capire cosa ha causato la morte del giovane. Maggio sapeva nuotare: quindi o è stato vittima di un malore o cadento in acqua ha battuto la testa contro una delle due imbarcazioni, dopo che la tavola che fungeva da passerella si è staccata da dove era bloccata. Inquientante quanto dichiarato da Spolaor alla polizia: «Avevamo segnalato all’Actv che la passerella era ridotta male. L’abbiamo segnalato già il 2 di giugno». Quindi era una morte evitabile? Il dubbio per ora rimane.
Marina, la sorella di Maggio, dice: «E’ assurdo morire a 32 anni per un passerella non in regola. Deve essere fatta chiarezza». I sindacalisti delle guardie giurate e colleghi di lavoro di Alessio non usano mezzi termini per condannare l’ennesima morte sul lavoro.
«E’ assurdo morire perchè si scivola da una tavola che si rompe. Era una passerella norma? Non c’è da meravigliarsi di questo quando dei capiservizio fanno lavorare i colleghi anche 16 ore senza sosta», dichiara Sandro Ceccato, segretario nazionale del Sindacato autonomo guardie giurate. «Voglio vedere se Alessio aveva in dotazione l’equipaggiamento idoneo. Siamo solo carne da macello».


CHI ERA. Lavorava come guardia giurata da 7 anni

Nato e cresciuto a Sant’Elena giocava a calcetto vicino a casa


Alessio Maggio viveva con la madre e la sorella a Sant’Elena, in Calle Pasubio 10. Nato nel 1975, era conosciuto in zona, dove abitava sin da quando era giovane. Lo descrivono con un ragazzo buono, sempre disponibile, che frequentava il patronato in via Garibaldi. Lascia due fratelli e due sorelle. Il fratello Gianpaolo abita in via Garibaldi, non lontano dalla casa della madre. Alessio lavorava come guardia giurata da circa sette anni e i colleghi lo ricordano come una persona sempre attenta al lavoro, meticolosa, che svolgeva la sua mansione con interesse. Il testimone che ha visto per l’ultima volta Alessio Maggio lo ricorda come un amico: «Lo incontravo la sera durante il lavoro, magari prima di iniziare il turno o quando finiva: andavamo al bar e si facevano due parole assieme. Una persona davvero gentile, mai arrogante e da sempre appassionata di computer. La notte che l’acqua lo ha inghiottito gli avevo dato un dépliant di un ipermercato, perché voleva guardare i prezzi dei telefonini di nuova generazione, sua grande passione. Sono davvero triste per quanto accaduto, perché ieri è morto un amico», spiega Moreno, marinaio dell’Actv.
Alessio aveva la patente nautica, anche perché spesso conduceva l’imbarcazione della Sicuglobal, ex Vigile San Marco. Inoltre stare in barca gli piaceva. I parenti ieri si sono chiusi nel dolore. «Gli avevo detto di alleggerire la divisa, proprio poche ore prima che cadesse. Gli avevo chiesto se non avesse caldo con la pistola e gli scarponi addosso, ma lui voleva rispettare le regole», racconta sempre il marinaio Moreno. Alessio aveva lavorato, oltre che in riva degli Schiavoni, anche ai cantieri Actv di Sant’Elena, che lo ricordano esprimendo il proprio cordoglio alla famiglia. Gli amici ricordano i momenti vissuti da giovani: «Gli piaceva tanto giocare a calcetto nel campo di Sant’Elena. Quando aveva trovato lavoro alla San Marco era stato felice». Il responsabile della Sicurglobal ieri ha espresso il cordoglio proprio e dell’azienda alla famiglia di Alessio Maggio.

(Giacomo Cosua)

Data invio: 28/6/2008 7:34
Crea PDF dal messaggio Stampa


Re: Vigilante cade in Bacino e muore
Webmaster
Iscritto il:
4/1/2007 19:21
Da VERONA
Gruppo:
Webmasters
Utenti registrati
Messaggi : 21797
Offline
Abbiamo gia aperto una discussione in merito a questo triste episodio.
Clicca qui

INoltre ho aperto un altra con il comunicato denuncia dell ugl.

Clicca qui

grazie cmq per la news aggiornata.

Data invio: 28/6/2008 7:35
Crea PDF dal messaggio Stampa



 Top   Discussione precedente   Discussione successiva

 Discussione bloccata


Non puoi inviare messaggi.
Puoi vedere le discussioni.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Non puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Pubblicita

Disclaimer

"Questo portale viene aggiornato senza alcuna periodicità e non rappresenta una testata giornalistica né un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Gli autori non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali link o collegamenti posti all'interno del portale o del forum di discussione, o per i siti che forniscono link o collegamenti alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che questo portale fornisca eventuali collegamenti a siti esterni non implica tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli utenti sono i soli responsabili dei contenuti, contributi e commenti pubblicati; i moderatori si impegnano a rimuovere o oscurare i contenuti considerati falsi, lesivi di altrui dignità o diffamatori, ma data la natura interattiva degli strumenti utilizzati è impossibile operare un controllo in tempo reale di tutto il materiale pubblicati dagli utenti. Per segnalazioni o richieste di rimozione contenuti scrivere una mail all'indirizzo admin@guardieinformate.net con oggetto "Richiesta rimozione contenuti" "

Police Privacy di Guardieinformate