Naviga in questo forum:   1 Utenti anonimi


 In fondo   Discussione precedente   Discussione successiva  Registrati per inviare messaggi



Rischiare la vita per una paga misera: l’eroismo delle guardie giurate ed il lassismo di tutti
Webmaster
Iscritto il:
4/1/2007 19:21
Da VERONA
Gruppo:
Webmasters
Utenti registrati
Messaggi : 22020
Offline
Ricevo e pubblico :

12 sett - “L’assalto con sparatoria ad un furgone portavalori in cui il coraggio di una guardia giurata, e del suo collega, hanno contribuito ad evitare rischi per clienti, dipendenti e passanti di un centro commerciale di Mestre, è uno dei tantissimi casi in cui si comprende davvero il valore e l’importanza della presenza della sicurezza privata nelle città. Purtroppo, però, nemmeno questi episodi riescono ad “elevare” la figura della guardia giurata ed a scuotere la situazione in cui versa la categoria di appartenenza”.
Questo il commento del segretario generale della Fesica Bruno Mariani che, a guida della Federazione sindacale, in rappresentanza dei lavoratori di settore che rappresenta, ritorna a segnalare le condizioni delle guardie giurate in Italia.
“Di fronte al pericolo ed all’abnegazione per il lavoro, la riconoscenza della parte datoriale è minima ed inammissibile. Rischiare la vita ogni giorno e perlopiù per una paga misera è sicuramente un atto eroico e se dopo diversi anni, per uno strano gioco che sa molto di scaricabarile non è stato possibile rinnovare un contratto collettivo nazionale, qualcuno un segnale dovrà pur darlo. Le associazioni datoriali per ciò che concerne diritti e spettanze dei loro dipendenti – continua Mariani – di scioperi e situazioni al limite della legalità se ne sono infischiati; quei sindacati firmatari di contratto, invece, hanno perso ogni tipo di bussola sulla qualità ed efficacia della contrattazione ed i partiti, nemmeno in prossimità delle elezioni politiche, hanno come tema centrale il lavoro né tantomeno quello delle guardie giurate. Tutto questo e non solo questo – spiega il Segretario generale Fesica - dovrebbe far riflettere sull’importanza di riformare gli ‘apparati che contano’ e rivedere quelle personalità che incidono così pesantemente sulle scelte ed il futuro di un Paese, come il nostro, degno di un certo tenore”, conclude Bruno Mariani.

Data invio: 13/9 7:20
Crea PDF dal messaggio Stampa



 Top   Discussione precedente   Discussione successiva

 Registrati per inviare messaggi



Invia la tua risposta?
Account*
Nome   Password    
Messaggio:*


Non puoi inviare messaggi.
Puoi vedere le discussioni.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Non puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Pubblicita

Disclaimer

"Questo portale viene aggiornato senza alcuna periodicità e non rappresenta una testata giornalistica né un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Gli autori non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali link o collegamenti posti all'interno del portale o del forum di discussione, o per i siti che forniscono link o collegamenti alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che questo portale fornisca eventuali collegamenti a siti esterni non implica tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli utenti sono i soli responsabili dei contenuti, contributi e commenti pubblicati; i moderatori si impegnano a rimuovere o oscurare i contenuti considerati falsi, lesivi di altrui dignità o diffamatori, ma data la natura interattiva degli strumenti utilizzati è impossibile operare un controllo in tempo reale di tutto il materiale pubblicati dagli utenti. Per segnalazioni o richieste di rimozione contenuti scrivere una mail all'indirizzo admin@guardieinformate.net con oggetto "Richiesta rimozione contenuti" "

Police Privacy di Guardieinformate