Naviga in questo forum:   1 Utenti anonimi


 In fondo   Discussione precedente   Discussione successiva  Registrati per inviare messaggi



Due vigilantes condannati per falsa testimonianza sul licenziamento di due ex colleghi
Donatore GuardieInformate
Iscritto il:
23/6/2016 13:01
Da Parma
Gruppo:
Utenti registrati
Staff
Collaboratore
Messaggi : 799
Offline
Il tribunale di Alessandria li ha condannati a 1 anno e 4 mesi

ALESSANDRIA. Erano stati accusati di falsa testimonianza quando in aula testimoniarono sul licenziamento di due colleghi: il tribunale di Alessandria li ha condannati a 1 anno e 4 mesi.
La vicenda che ha riguardato due guardie giurate del Securpol Group, Ivan Fucile, 37 anni, di Castelceriolo, e Flavio Naliato, 61, di Alessandria (difesi dall’avvocato Piero Monti), era iniziata nel 2012. In quell’anno due colleghi dell’istituto di vigilanza, Archita Venia e Serafino Lista, furono licenziati perché accusati di aver anticipato almeno di una ventina di minuti l’uscita dal posto di lavoro a fine turno.
Le due guardie impugnarono il licenziamento ma in primo grado persero la causa. Assistiti dall’avvocato Alessio Invernizzi di Asti, Venia e Lista denunciarono i due ex colleghi: erano stati Fucile e Naliato ad avvertire la centrale Securpol che gli altri due non erano nel posto in cui avrebbero dovuto trovarsi tra le 23 del 18 giugno e le 6 del 19 giugno 2012.
Grazie all’acquisizione dei dati gps e dei tabulati telefonici, i due dipendenti licenziati contestarono le dichiarazioni che erano state fatte da Fucile e Naliato davanti al giudice del lavoro: avevano mentito sull’effettivo orario di uscita dal posto di lavoro dei due ex colleghi.
In un primo momento venne chiesta l’archiviazione da parte del pm Fabrizio Givri, che non aveva rilevato responsabilità da parte dei due. Per il gup Paolo Bargero la ricostruzione degli orari, grazie anche ai tabulati telefonici, non era chiara e dispose quindi l’imputazione coatta: Fucile e Naliato furono rinviati a giudizio nel marzo 2018.
A poco più di due anni il Tribunale ha condannato i due per falsa testimonianza e ha disposto la trasmissione degli atti alla Procura a carico di uno dei testimoni dei due imputati, Liberato Rizzo, ex capo servizio Securpol Group di Alessandria.
Soddisfatti per la sentenza i due ex dipendenti dell’istituto di vigilanza, che nel processo si sono costituiti parte civile, anche se non nascondono l’amarezza per una vicenda lunga e complessa. «Sono stati anni difficili dopo il licenziamento sia per me sia per il mio collega perché abbiamo avuto difficoltà per ricominciare una nuova vita lavorativa – ha detto Archita Venia –. Però questa prima sentenza ci rende giustizia».

https://www.lastampa.it/alessandria/20 ... ue-ex-colleghi-1.39140257

Data invio: 30/7 19:01
Crea PDF dal messaggio Stampa



 Top   Discussione precedente   Discussione successiva

 Registrati per inviare messaggi



Invia la tua risposta?
Account*
Nome   Password    
Messaggio:*


Non puoi inviare messaggi.
Puoi vedere le discussioni.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Non puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Pubblicita

Disclaimer

"Questo portale viene aggiornato senza alcuna periodicità e non rappresenta una testata giornalistica né un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Gli autori non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali link o collegamenti posti all'interno del portale o del forum di discussione, o per i siti che forniscono link o collegamenti alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che questo portale fornisca eventuali collegamenti a siti esterni non implica tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli utenti sono i soli responsabili dei contenuti, contributi e commenti pubblicati; i moderatori si impegnano a rimuovere o oscurare i contenuti considerati falsi, lesivi di altrui dignità o diffamatori, ma data la natura interattiva degli strumenti utilizzati è impossibile operare un controllo in tempo reale di tutto il materiale pubblicati dagli utenti. Per segnalazioni o richieste di rimozione contenuti scrivere una mail all'indirizzo admin@guardieinformate.net con oggetto "Richiesta rimozione contenuti" "

Police Privacy di Guardieinformate