Naviga in questo forum:   1 Utenti anonimi


 In fondo   Discussione precedente   Discussione successiva  Registrati per inviare messaggi



Roma: ex guardia giurata uccide la moglie e si spara. Il figlio è in grave condizioni
Donatore GuardieInformate
Iscritto il:
23/6/2016 13:01
Da Parma
Gruppo:
Utenti registrati
Collaboratore
Messaggi : 654
Offline
Avrebbe ucciso la ex moglie e ferito,con un colpo di pistola, il figlio che tentava di difenderla poiha premuto nuovamente il grilletto verso di sé. Tragedia stamattina in un appartamento alla periferia di Roma. Nicola Russo ex guardia giurata di 67 anni e la sua ex moglie di 63 anni Gerarda Di Gregorio sono morti poco dopo in ospedale, dove erano stati trasportati in condizioni critiche. In gravi condizioni il figlio 44enne, ferito con un colpo di pistola. A dare l'allarme alcuni vicini e la nuora che hanno sentitogli spari provenire dall'abitazione di via Francesco Maria Torrigio, a Primavalle, quartiere periferico della Capitale. All'arrivo della polizia la situazione è apparsa in tutta la sua drammaticità: in casa c'era molto sangue, padre, madre e figlio erano feriti all'interno dell'appartamento. Così sono scattati i soccorsi e il trasferimento d'urgenza in ospedale. Fin da subito gli investigatori hanno ipotizzato che a sparare sia stato l'uomo. E' stato così piantonato per alcune ore in ospedale dagli agenti, poi sia lui che la ex moglie sono deceduti. A quanto ricostruito finora, madre e figlio erano andati insieme a prendere alcune cose nell'abitazione. La coppia era,infatti, separata e non abitava più insieme. Forse è nata una discussione legata a qualcosa da dividere che è poi degenerata. L'uomo avrebbe prima colpito la ex moglie all'addome con un coltello e poi ha sparato ferendo sia lei sia il figlio, che tentava di difenderla. Infine, avrebbe puntato l'arma contro di sé per togliersi la vita. In casa sono stati effettuati a lungo i rilievi della polizia scientifica e sulla vicenda indaga ora la Squadra Mobile di Roma. Si scava nella vita della famiglia per capire cosa possa aver spinto il 67enne a compiere quel gesto estremo. Non è escluso che alla base possano esserci stati dei dissapori legati alla separazione e alla divisione di alcuni beni.Gli investigatori sono al lavoro in queste ore per fare piena luce sull'accaduto. Ascoltati vicini, conoscenti e familiari che potrebbero fornire informazioni utili alle indagini. Resta la tragedia di una famiglia.


http://www.rainews.it/dl/rainews/arti ... ef-824d-16f9d1fde86f.html

Data invio: 23/5 20:15
Crea PDF dal messaggio Stampa



 Top   Discussione precedente   Discussione successiva

 Registrati per inviare messaggi



Invia la tua risposta?
Account*
Nome   Password    
Messaggio:*


Non puoi inviare messaggi.
Puoi vedere le discussioni.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Non puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Pubblicita

Disclaimer

"Questo portale viene aggiornato senza alcuna periodicità e non rappresenta una testata giornalistica né un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Gli autori non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali link o collegamenti posti all'interno del portale o del forum di discussione, o per i siti che forniscono link o collegamenti alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che questo portale fornisca eventuali collegamenti a siti esterni non implica tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli utenti sono i soli responsabili dei contenuti, contributi e commenti pubblicati; i moderatori si impegnano a rimuovere o oscurare i contenuti considerati falsi, lesivi di altrui dignità o diffamatori, ma data la natura interattiva degli strumenti utilizzati è impossibile operare un controllo in tempo reale di tutto il materiale pubblicati dagli utenti. Per segnalazioni o richieste di rimozione contenuti scrivere una mail all'indirizzo admin@guardieinformate.net con oggetto "Richiesta rimozione contenuti" "

Police Privacy di Guardieinformate