Naviga in questo forum:   1 Utenti anonimi


 In fondo   Discussione precedente   Discussione successiva  Registrati per inviare messaggi



Massimina: assalto al portavalori, nuovi guai per l'ex guardia giurata basista del colpo
Donatore GuardieInformate
Iscritto il:
23/6/2016 13:01
Da Parma
Gruppo:
Utenti registrati
Collaboratore
Messaggi : 654
Offline
In manette anche la sorella. Il commando armato mise a segno il colpo milionario sulla via Aurelia nel giugno del 2018

Novi guai per l'ex guardia giurata già arrestata per l'assalto milionario ad un portavalori. Le indagini dei Carabinieri del Nucleo Investigativo di via In Selci, dirette dal Pubblico Ministero del pool della Procura di Roma - Reati contro il Patrimonio, coordinato dal Procuratore Aggiunto Lucia Lotti, hanno infatti fatto emergere importanti novità.
La rapina milionaria venne messa a segno al portavalori della società Sipro nel giugno del 2018 in via Aurelia 1287, Massimina Casal Lumbroso, da un commando di 4 persone armato fino ai denti.
All’epoca dei fatti, i malviventi, armati di fucili automatici, assaltarono il blindato e, dopo aver immobilizzato e disarmato le guardie giurate, asportarono oltre 1.800.000 euro.
I Carabinieri, a maggio dello scorso anno, chiusero la prima tranche di indagini, che portò all’arresto di 2 persone - tra queste, la guardia giurata che si trovava alla guida del furgone, risultato essere il basista del colpo – e alla sottoposizione dell’obbligo di presentazione all’P.G. di altre 2 persone che hanno rivestito il ruolo di riciclatori dell’ingente somma di denaro rapinata.
Assalto al furgone portavalori: il video
I Carabinieri del Nucleo Investigativo di via in Selci hanno notificato una nuova ordinanza che dispone misure cautelari per i reati di rapina e tentata estorsione, emessa dal Gip del Tribunale di Roma, nei confronti di 3 persone.
A finire nuovamente nel mirino degli inquirenti è stata l’ex guardia giurata infedele, oggi 42enne, che, come emerso dall’ulteriore attività investigativa condotta dai Carabinieri, nel periodo di detenzione precautelare dello stesso procedimento, con la complicità di sua sorella, ha costretto un imprenditore – poi accusato di aver riciclato parte del bottino della rapina, per cui finì in manette nella prima fase – a versare una cospicua somma di denaro (circa 150mila euro) per tenere la bocca chiusa in merito al suo pieno coinvolgimento nel colpo.
Il 42enne – già detenuto nel carcere di Regina Coeli - insieme alla sorella di 47 anni, incensurata – condotta agli arresti domiciliari - sono accusati, quindi, di estorsione in concorso.
Un terzo soggetto – un 46enne di Napoli, attualmente detenuto nel carcere di Secondigliano per un altro procedimento – è stato, invece, riconosciuto quale appartenente al commando che entrò in azione a giugno del 2018, ed è quindi accusato di rapina aggravata.

http://www.romatoday.it/cronaca/rapin ... lori-aurelia-arresti.html

Data invio: 22/5 20:51
Crea PDF dal messaggio Stampa



 Top   Discussione precedente   Discussione successiva

 Registrati per inviare messaggi



Invia la tua risposta?
Account*
Nome   Password    
Messaggio:*


Non puoi inviare messaggi.
Puoi vedere le discussioni.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Non puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Pubblicita

Disclaimer

"Questo portale viene aggiornato senza alcuna periodicità e non rappresenta una testata giornalistica né un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Gli autori non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali link o collegamenti posti all'interno del portale o del forum di discussione, o per i siti che forniscono link o collegamenti alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che questo portale fornisca eventuali collegamenti a siti esterni non implica tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli utenti sono i soli responsabili dei contenuti, contributi e commenti pubblicati; i moderatori si impegnano a rimuovere o oscurare i contenuti considerati falsi, lesivi di altrui dignità o diffamatori, ma data la natura interattiva degli strumenti utilizzati è impossibile operare un controllo in tempo reale di tutto il materiale pubblicati dagli utenti. Per segnalazioni o richieste di rimozione contenuti scrivere una mail all'indirizzo admin@guardieinformate.net con oggetto "Richiesta rimozione contenuti" "

Police Privacy di Guardieinformate