Naviga in questo forum:   1 Utenti anonimi


 In fondo   Discussione precedente   Discussione successiva  Registrati per inviare messaggi



Coronavirus, il vigilantes: "Viviamo sotto stress e non è facile gestire i clienti"
Donatore GuardieInformate
Iscritto il:
23/6/2016 13:01
Da Parma
Gruppo:
Utenti registrati
Collaboratore
Messaggi : 654
Offline
Il racconto di un lavoratore che "gestisce" gli ingressi all'interno di un supermercato della grande distribuzione

Al tempo del coronavirus anche un'operazione prima semplice come fare la spesa è diventata complessa. A garantire sicurezza e ordine vi sono i vigilantes che prima si occupavano di assistere il cliente e "prevenire" i furti mentre adesso sono divenuti dei veri e propri "vigili urbani" agli ingressi per controllare il rispetto delle disposizioni di sicurezza.
Una categoria di lavoratori "in prima linea" per un servizio essenziale così come i cassieri e i dipendenti degli esercizi pubblici rimasti aperti. Come ci racconta Giovanni, dipendente di un'azienda che si occupa di vigilanza e che presta servizio in una catena della grande distribuzione, non è sempre semplice gestire questa fase emergenziale.

"Abbiamo cambiato il nostro modo di lavorare - spiega il vigilantes - e regoliamo i flussi in entrata dei clienti. E' spesso difficile perché abbiamo a che fare con attese spesso lunghe e con lo stato d'animo dei clienti: c'è chi ha paura, chi crea allarmismo, chi è nervoso e scarica su di noi le ansie di questo periodo lamentandosi per i tempi di ingresso. Siamo spesso insultati e presi come un bersaglio ma nonostante tutto cerchiamo di essere sempre sereni e di non perdere la calma".
"Tutte le misure prese, come il metro di distanza e l'ingresso a scaglioni, le facciamo applicare perché sono disposizioni a garanzia della salute ma non tutti lo capiscono", aggiunge il lavoratore che deve fare i conti con la penuria di presidi di sicurezza.
"Non potevamo aspettare che le aziende ci fornissero guanti e mascherine - spiega - e abbiamo fatto da noi a nostre spese. C'è anche tanto timore quando torniamo a casa nonostante tutte le precauzioni adottate perché c'è sempre lo spettro di un possibile contagio ma, spesso, ci basta una parola gentile di un cliente o un ringraziamento per lavorare più serenamente sperando che l'emergenza passi presto".

Fonte: http://www.cataniatoday.it/cronaca/co ... lienti-27-marzo-2020.html

Data invio: 27/3 11:39
Crea PDF dal messaggio Stampa



 Top   Discussione precedente   Discussione successiva

 Registrati per inviare messaggi



Invia la tua risposta?
Account*
Nome   Password    
Messaggio:*


Non puoi inviare messaggi.
Puoi vedere le discussioni.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Non puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Pubblicita

Disclaimer

"Questo portale viene aggiornato senza alcuna periodicità e non rappresenta una testata giornalistica né un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Gli autori non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali link o collegamenti posti all'interno del portale o del forum di discussione, o per i siti che forniscono link o collegamenti alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che questo portale fornisca eventuali collegamenti a siti esterni non implica tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli utenti sono i soli responsabili dei contenuti, contributi e commenti pubblicati; i moderatori si impegnano a rimuovere o oscurare i contenuti considerati falsi, lesivi di altrui dignità o diffamatori, ma data la natura interattiva degli strumenti utilizzati è impossibile operare un controllo in tempo reale di tutto il materiale pubblicati dagli utenti. Per segnalazioni o richieste di rimozione contenuti scrivere una mail all'indirizzo admin@guardieinformate.net con oggetto "Richiesta rimozione contenuti" "

Police Privacy di Guardieinformate