Naviga in questo forum:   1 Utenti anonimi


 In fondo   Discussione precedente   Discussione successiva  Registrati per inviare messaggi



Investì e uccise due carabinieri e un vigilante: condannato a 4 anni e 6 mesi di reclusione
Donatore GuardieInformate
Iscritto il:
5/8/2016 23:57
Da Piemonte
Gruppo:
Utenti registrati
Collaboratore
Messaggi : 873
Offline
di Ignazio Riccio

L’automobilista spericolato aveva chiesto il patteggiamento della pena, ma il gip aveva respinto questa ipotesi, accettando però il rito del dibattimento immediato


Era la sera del 20 luglio 2018 quando i due carabinieri Vincenzo Ottaviano e Attilio Picoco e la guardia giurata Benigno De Gennaro furono investiti e uccisi sulla Strada Statale 7 bis Terra di Lavoro, all'altezza di Pomigliano d'Arco, nel Napoletano. L’automobilista 26enne, che a grande velocità travolse i militari e il vigilante, a distanza di poco più di un anno è stato condannato in primo grado a 4 anni e 6 mesi di reclusione, per omicidio stradale colposo. L’uomo dovrà pagare anche le spese processuali e risarcire i familiari delle vittime.

L’automobilista spericolato aveva chiesto il patteggiamento della pena, ma il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Nola aveva respinto questa ipotesi, accettando però il rito del dibattimento immediato. In questo modo l’imputato ha beneficiato della riduzione di un terzo della pena e delle attenuanti generiche. La sera dell’incidente l'appuntato scelto Vincenzo Ottaviano e il vicebrigadiere Attilio Picoco erano di pattuglia in strada, dove stavano effettuando i rilievi in seguito a un incidente stradale, insieme alla guardia giurata Benigno De Gennaro, che era il conducente della vettura incidentata sulla quale erano in corso gli accertamenti.


Da lontano, improvvisamente, sopraggiunse una Volkswagen Golf, a tutta velocità, che travolse i due militari dell’Arma e il vigilante. Per Vincenzo Ottaviano e Benigno De Gennaro, purtroppo, non ci fu nulla da fare: i soccorsi si rivelano inutili, poiché era già deceduti al momento dell’arrivo dell’ambulanza. Attilio Picoco, invece, fu trasferito in condizioni disperate all'ospedale San Giovanni Bosco di Napoli, dove purtroppo morì dopo dieci giorni di agonia. Altri due carabinieri si salvarono lanciandosi tra le sterpaglie ai bordi della strada.

Le indagini hanno stimato che la vettura guidata dall’imputato viaggiasse a circa 130 chilometri all'ora prima dell'impatto. Secondo i dati del Viminale, dal 1961 ad oggi sono 3.776 le vittime del dovere tra le forze dell’ordine, appartenenti a qualsiasi reparto delle forze armate, di polizia e vigili del fuoco. Come scrive il Ministero dell'Interno, per rientrare tra le vittime del dovere bisogna avere riportato lesioni nel contrasto ad ogni tipo di criminalità; nello svolgimento di servizi di ordine pubblico; nella vigilanza ad infrastrutture civili e militari; in operazioni di soccorso; in attività di tutela della pubblica incolumità; in attività di prevenzione e di repressione dei reati. Il numero di deceduti in servizio negli anni duemila risultano essere poco più di 700, per una media di 36 morti ogni anno. Per quanto riguarda i carabinieri, solo nel 2018 si contano 12 morti e circa 3mila uomini feriti - più o meno gravi - nel corso di operazioni ed interventi.

http://m.ilgiornale.it/news/napoli/in ... condannato-4-1790792.html

Data invio: 28/11 15:12
_________________
Cadi sette volte, rialzati otto.
Crea PDF dal messaggio Stampa



 Top   Discussione precedente   Discussione successiva

 Registrati per inviare messaggi



Invia la tua risposta?
Account*
Nome   Password    
Messaggio:*


Non puoi inviare messaggi.
Puoi vedere le discussioni.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Non puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Pubblicita

Disclaimer

"Questo portale viene aggiornato senza alcuna periodicità e non rappresenta una testata giornalistica né un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Gli autori non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali link o collegamenti posti all'interno del portale o del forum di discussione, o per i siti che forniscono link o collegamenti alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che questo portale fornisca eventuali collegamenti a siti esterni non implica tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli utenti sono i soli responsabili dei contenuti, contributi e commenti pubblicati; i moderatori si impegnano a rimuovere o oscurare i contenuti considerati falsi, lesivi di altrui dignità o diffamatori, ma data la natura interattiva degli strumenti utilizzati è impossibile operare un controllo in tempo reale di tutto il materiale pubblicati dagli utenti. Per segnalazioni o richieste di rimozione contenuti scrivere una mail all'indirizzo admin@guardieinformate.net con oggetto "Richiesta rimozione contenuti" "

Police Privacy di Guardieinformate