Naviga in questo forum:   1 Utenti anonimi


 In fondo   Discussione precedente   Discussione successiva  Registrati per inviare messaggi



Guardia giurata prosciolto da reato tentato omicidio
Donatore GuardieInformate
Iscritto il:
5/8/2016 23:57
Da Piemonte
Gruppo:
Utenti registrati
Collaboratore
Messaggi : 916
Offline
Guardia giurata di Cerveteri prosciolto da reato tentato omicidio

Era stato accusato di tentato omicidio dopo aver sparato un colpo con la sua arma di servizio per spaventare due persone che insistentemente importunavano la sua fidanzata. Condannato in primo grado a sei mesi di reclusione con derubricazione in minacce aggravate dall’uso dell’arma, Nicola Picarella, guardia giurata di Cerveteri, si è visto prosciogliere in appello per la prescrizione del reato.

Si è chiusa così una vicenda risalente al novembre 2010, nata sulla base di una denuncia presentata da uno dei due uomini, un cittadino romeno. Picarella, aveva litigato con la fidanzata, la quale decise di uscire di casa per farsi un giro sul lungomare di Cerveteri.



Si accorse di essere seguita da due romeni, e contattò il fidanzato, il quale andò in soccorso portandosi dietro l’arma di servizio. Quando incrociò nuovamente i due, questi ultimi – secondo il suo racconto – nonostante la sua presenza continuarono a importunare la fidanzata.

L’effetto fu l’esplosione a scopo intimidatorio di un colpo di pistola che andò a conficcarsi nel montante dell’autovettura dei due. Picarella fu arrestato, prima in carcere per un mese e poi agli arresti domiciliari, dove rimase fino alla sentenza di Civitavecchia, con la quale il giudice riqualificò in minacce aggravate dall’arma l’originaria imputazione di tentato omicidio e lo condannò a sei medi di reclusione. La procura propose appello in tema di responsabilità; stessa cosa la difesa, rappresentata dall’avvocato Rocco Marsiglia, ma solo ai fini di una riduzione della condanna. Adesso i giudici d’appello hanno dichiarato la prescrizione dell’imputazione.



«Al di la del carcere espiato per quasi un anno, ovvero un mese di carcere e undici medi di domiciliari – ha commentato l’avvocato Marsiglia – questa storia è la fotografia di quello che si verificherà a partire dal prossimo primo gennaio con la riforma della prescrizione. Se la prescrizione si bloccherà con la sentenza di primo grado, e se questa è di assoluzione, uno rimane imputato a vita o quasi, come è successo a Picarella, che poteva rifarsi una vita e che invece ha dovuto continuare a fare l’imputato stante l’appello del pm, con conseguenza disastrose sulla vita lavorativa ed affettiva»

https://www.terzobinario.it/guardia-gi ... o-tentato-omicidio/191351

Data invio: 20/11/2019 6:55
_________________
Cadi sette volte, rialzati otto.
Crea PDF dal messaggio Stampa



 Top   Discussione precedente   Discussione successiva

 Registrati per inviare messaggi



Invia la tua risposta?
Account*
Nome   Password    
Messaggio:*


Non puoi inviare messaggi.
Puoi vedere le discussioni.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Non puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Pubblicita

Disclaimer

"Questo portale viene aggiornato senza alcuna periodicità e non rappresenta una testata giornalistica né un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Gli autori non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali link o collegamenti posti all'interno del portale o del forum di discussione, o per i siti che forniscono link o collegamenti alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che questo portale fornisca eventuali collegamenti a siti esterni non implica tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli utenti sono i soli responsabili dei contenuti, contributi e commenti pubblicati; i moderatori si impegnano a rimuovere o oscurare i contenuti considerati falsi, lesivi di altrui dignità o diffamatori, ma data la natura interattiva degli strumenti utilizzati è impossibile operare un controllo in tempo reale di tutto il materiale pubblicati dagli utenti. Per segnalazioni o richieste di rimozione contenuti scrivere una mail all'indirizzo admin@guardieinformate.net con oggetto "Richiesta rimozione contenuti" "

Police Privacy di Guardieinformate