Naviga in questo forum:   1 Utenti anonimi


 In fondo   Discussione precedente   Discussione successiva  Registrati per inviare messaggi



Banconote segnate in casa: arrestata guardia giurata IVRI
Donatore GuardieInformate
Iscritto il:
5/8/2016 23:57
Da Piemonte
Gruppo:
Utenti registrati
Collaboratore
Messaggi : 849
Offline
Bari, banconote segnate in casa: arrestata guardia giurata IVRI. Dubbi su ammanchi e licenziamento colleghi
Di Antonio Loconte



Quaranta grammi di cocaina e poco meno di 50mila euro. È il bottino che la Polizia ha trovato nelle disponibilità di S.N., 40 anni, guardia giurata. L’uomo è accusato di aggressione fisica e di tentata violenza sessuale nei confronti di una conoscente. La perquisizione a casa, in auto, ma soprattutto in un’altra abitazione in fitto, è stata necessaria in considerazione della gravità dell’accusa fatta dalla donna. Alla guardia giurata, andriese ma residente a Bari, è stata anche ritirata la pistola d’ordinanza.

Una storia come tante, non fosse per le ulteriori indagini in corso. Alcune delle banconote in possesso dell’uomo, infatti, sono macchiate di inchiostro, tipico segno di riconoscimento delle cosiddette “mazzette civetta”, che si attivano in caso di rapina.



La guardia giurata arrestata lavorava all’IVRI e ha svolto anche la mansione di capo della Sala Contazione, ovvero il posto dove arrivano e da dove escono i soldi che le guardie giurate recuperano durante il servizio e che poi smistano in tutta la Puglia. La notizia ha fatto saltare dalle sedie i colleghi della guardia giurata, soprattutto quelli che anche a causa delle testimonianze sugli ammanchi fatte dall’arrestato, hanno perso il lavoro. Nessuna accusa, si capisce, ma la vicenda apre uno squarcio inquietante.

Alcune delle guardie contro cui è stato puntato il dito hanno perso il lavoro anche dopo 10 anni di servizio. Il sospetto venuto a molti è che i soldi macchiati di inchiostro ritrovati nella disponibilità del collega arrestato, possano essere quelli che le guardie giurate accusate di furto riportavano nel caveau dell’IVRI dopo averle recuperate nelle filiali di banca oggetto di furti e rapine. In tanti, per esempio, ricordano la spaccata che ha consentito l’asportazione del bancomat all’interno del centro commerciale Mongolfiera di Molfetta (a cui si riferiscono e foto pubblicate qui sotto).

La vicenda, insomma, presenta numerosi lati oscuri, che le indagini avviate dalla Polizia potrebbe chiarire. In tanti sperano non si tratti solo di una coincidenza.

https://bari.ilquotidianoitaliano.com/ ... nto-colleghi-253052.html/

Data invio: 8/11 7:08
_________________
Cadi sette volte, rialzati otto.
Crea PDF dal messaggio Stampa



 Top   Discussione precedente   Discussione successiva

 Registrati per inviare messaggi



Invia la tua risposta?
Account*
Nome   Password    
Messaggio:*


Non puoi inviare messaggi.
Puoi vedere le discussioni.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Non puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Pubblicita

Disclaimer

"Questo portale viene aggiornato senza alcuna periodicità e non rappresenta una testata giornalistica né un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Gli autori non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali link o collegamenti posti all'interno del portale o del forum di discussione, o per i siti che forniscono link o collegamenti alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che questo portale fornisca eventuali collegamenti a siti esterni non implica tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli utenti sono i soli responsabili dei contenuti, contributi e commenti pubblicati; i moderatori si impegnano a rimuovere o oscurare i contenuti considerati falsi, lesivi di altrui dignità o diffamatori, ma data la natura interattiva degli strumenti utilizzati è impossibile operare un controllo in tempo reale di tutto il materiale pubblicati dagli utenti. Per segnalazioni o richieste di rimozione contenuti scrivere una mail all'indirizzo admin@guardieinformate.net con oggetto "Richiesta rimozione contenuti" "

Police Privacy di Guardieinformate