Naviga in questo forum:   1 Utenti anonimi


 In fondo   Discussione precedente   Discussione successiva  Registrati per inviare messaggi



I lavoratori licenziati dopo il cambio di appalto devono essere reintegrati: Ivri condannata
Donatore GuardieInformate
Iscritto il:
5/2/2007 23:45
Da provincia BAT
Gruppo:
Utenti registrati
Addetto ai Sondaggi
Messaggi : 1867
Offline
Vittoria della Filcams Cgil: il contratto collettivo nazionale per la vigilanza privata, infatti, prevede che l'azienda che subentra nel servizio debba assumere gli operatori presenti“
Erano stati licenziati lo scorso marzo, quando la società Ivri era subentrata alla Italpol Global Security nel servizio di portierato del centro commerciale Megalò. Ma questo comportamento violava il contratto collettivo nazionale della vigilanza privata, il quale prevede che i lavoratori, dopo il licenziamento dalla vecchia società, debbano essere reintegrati nella nuova. Così, due vigilanti che per anni hanno lavorato nel centro commerciale, afficanti dalla Filcams Cgil di Chieti, hanno intrapreso una battaglia legale vinta lo scorso 24 ottobre.
Dopo sei mesi, il tribunale di Chieti ha riconosciuto che i due lavoratori avevano ragione. "Esprimiamo particolare soddisfazione per questa decisione - commenta Elena Zanola, segretaria generale Filcams Cgil Chieti - non solo per la vicenda personale dei due lavoratori coinvolti, ma anche perché questa sentenza sancisce l'importanza delle regole stabilite nel contratto nazionale della vigilanza privata. In un settore così difficile come quello degli appalti, dove la precarietà e gli affidamenti al massimo ribasso possono avere un effetto devastante sulla vita delle persone coinvolte, l'applicazione e l'esistenza di regole collettive rappresentano l'elemento cardine per garantire diritti e tutele a lavoratori che altrimenti sarebbero in balia delle convenienze aziendali e del mercato.
"Un contratto collettivo nazionale - denuncia Zanola - le cui retribuzioni purtroppo non vengono più aumentate da diversi anni. La discussione con le nostre controparti datoriali è infatti ferma da oltre 3 anni, proprio perchè le imprese chiedono di arretrare su alcuni diritti fondamentali, come quelli della tutela della malattia, del riposo e del cambio appalto. Crediamo infine che questa notizia sia utile per tutti i lavoratori del settore, perché dimostra che, ribellandosi e non rassegnandosi alle ingiustizie, è possibile far valere i propri diritti".


https://www.chietitoday.it/cronaca/ivr ... lOxstRusYHWGvTkIGA4jevX-0

Data invio: 7/11 15:34
_________________
Un viaggio di mille miglia deve cominciare con un solo passo. (Lao Tzu)
Crea PDF dal messaggio Stampa



 Top   Discussione precedente   Discussione successiva

 Registrati per inviare messaggi



Invia la tua risposta?
Account*
Nome   Password    
Messaggio:*


Non puoi inviare messaggi.
Puoi vedere le discussioni.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Non puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Pubblicita

Disclaimer

"Questo portale viene aggiornato senza alcuna periodicità e non rappresenta una testata giornalistica né un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Gli autori non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali link o collegamenti posti all'interno del portale o del forum di discussione, o per i siti che forniscono link o collegamenti alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che questo portale fornisca eventuali collegamenti a siti esterni non implica tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli utenti sono i soli responsabili dei contenuti, contributi e commenti pubblicati; i moderatori si impegnano a rimuovere o oscurare i contenuti considerati falsi, lesivi di altrui dignità o diffamatori, ma data la natura interattiva degli strumenti utilizzati è impossibile operare un controllo in tempo reale di tutto il materiale pubblicati dagli utenti. Per segnalazioni o richieste di rimozione contenuti scrivere una mail all'indirizzo admin@guardieinformate.net con oggetto "Richiesta rimozione contenuti" "

Police Privacy di Guardieinformate