Naviga in questo forum:   1 Utenti anonimi


 In fondo   Discussione precedente   Discussione successiva  Registrati per inviare messaggi



«Noi aggrediti e spesso sfruttati», a Napoli protesta delle guardie giurate
Donatore GuardieInformate
Iscritto il:
5/2/2007 23:45
Da provincia BAT
Gruppo:
Utenti registrati
Addetto ai Sondaggi
Messaggi : 1917
Offline
Faranno sentire la loro voce mercoledì 23 ottobre in piazza del Plebiscito, luogo simbolo della città di Napoli da cui prenderà il via la manifestazione nazionale delle guardie particolari giurate. Un appuntamento a cui non mancheranno gli agenti di vigilanza privata vittime di aggressioni ed episodi di violenza che, negli ultimi mesi, si sono verificati in molti ospedali napoletani.
La manifestazione che si svolgerà a partire dalle ore 10, ha come obiettivo quello di portare all'attenzione delle istituzioni e della cittadinanza le necessità di una categoria sempre più coinvolta nella tutela dei beni pubblici e nelle attività di guardiania anche di strutture pubbliche.
«Abbiamo deciso di scendere in piazza per far capire i rischi e i bisogni che comporta una professione come la nostra - ha spiegato Giuseppe Alviti leader dell'Associazione Nazionale Guardie Particolari Giurate - è in corso un isolamento lavorativo che da anni segnaliamo perché manca una giusta e corretta riforma giuridica».
«Siamo disciplinati da fonti di diritto non conformi con i principi istituzionali della Comunità Europea e da un regolamento che risale al lontano anno 1931-aggiunge Alviti - stiamo parlando di una categoria di lavoratori sfruttati, senza tutele che da anni chiedono un loro e proprio status, un riconoscimento che possa provvedere ad una qualificazione migliore». I numeri rendicontano 50 mila guardie particolari giurate nell'intera penisola, da nord a sud e la manifestazione punta proprio ad essere il fulcro nazionale delle proteste dei vigilantes.
«Chiediamo nuove riforme - spiegano le guardie - dalla terminologia da usare con parole come "incaricati di pubblico servizio" alla qualifica di agente di Polizia Giudiziaria e Ufficiali di Polizia Giudiziaria fino a un nuovo regolamento accantonando il Regio Decreto del 1931, l'uso del lampeggiante di colore blu e sirena per i blindati trasporto valori, una legge che stabilisca per tutta la Nazione un'uniforme e una riforma organica che dia dignità agli operatori del settore».
Alla manifestazione, l'associazione ha invitato «il direttore generale della Asl Napoli 1, Ciro Verdoliva,il Sindaco di Napoli Luigi De Magistris, il Governatore della Campania Vincenzo De Luca - come ha annunciato Alviti - chiediamo l'attenzione del Prefetto e del Questore e la partecipazione anche dei rappresentanti dei lavoratori Whirlpool per una piazza che possa riflettere I veri bisogni di questa città e del paese, primo di tutti il diritto al lavoro ».
Lunedì 21 Ottobre 2019, 15:20

https://www.ilmattino.it/napoli/cronac ... a_23_ottobre-4811684.html

Data invio: 21/10/2019 19:50
_________________
Un viaggio di mille miglia deve cominciare con un solo passo. (Lao Tzu)
Crea PDF dal messaggio Stampa



 Top   Discussione precedente   Discussione successiva

 Registrati per inviare messaggi



Invia la tua risposta?
Account*
Nome   Password    
Messaggio:*


Non puoi inviare messaggi.
Puoi vedere le discussioni.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Non puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Pubblicita

Disclaimer

"Questo portale viene aggiornato senza alcuna periodicità e non rappresenta una testata giornalistica né un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Gli autori non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali link o collegamenti posti all'interno del portale o del forum di discussione, o per i siti che forniscono link o collegamenti alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che questo portale fornisca eventuali collegamenti a siti esterni non implica tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli utenti sono i soli responsabili dei contenuti, contributi e commenti pubblicati; i moderatori si impegnano a rimuovere o oscurare i contenuti considerati falsi, lesivi di altrui dignità o diffamatori, ma data la natura interattiva degli strumenti utilizzati è impossibile operare un controllo in tempo reale di tutto il materiale pubblicati dagli utenti. Per segnalazioni o richieste di rimozione contenuti scrivere una mail all'indirizzo admin@guardieinformate.net con oggetto "Richiesta rimozione contenuti" "

Police Privacy di Guardieinformate