Naviga in questo forum:   1 Utenti anonimi


 In fondo   Discussione precedente   Discussione successiva  Registrati per inviare messaggi



Rapina simulata al portavalori, a tradire la guardia giurata la scelta dei cassetti da aprire
Webmaster
Iscritto il:
4/1/2007 19:21
Da VERONA
Gruppo:
Webmasters
Utenti registrati
Messaggi : 21834
Offline
Rapina simulata al portavalori, a tradire la guardia giurata la scelta dei cassetti da aprire

Potendone aprire solo alcuni, ha scelto quelli con più denaro. Decisivi per l'indagine pedinamenti, telecamere e tabulati telefonici
di D.Strizioli e A.Chiovelli - 19 Ottobre 2019 - 11:40

Pietra Ligure-Loano. E’ stato un dettaglio, in particolare, a tradire la guardia giurata che lo scorso 12 agosto, secondo i carabinieri di Albenga, ha simulato di essere stato rapinato mentre era al volante di un furgone portavalori: la scelta di aprire, tra i vari cassetti di cui aveva ottenuto i codici, quelli con la maggior quantità di denaro. Un particolare che, insieme ad alcune lacune nella ricostruzione e al fatto che al momento dell’allarme (secondo i colleghi) non sembrasse particolarmente preoccupato, ha contribuito ad incastrarlo.
carabinieri albenga

Sono dunque tre le persone finite in manette ieri mattina: la stessa guardia giurata della società “La Vigile” che aveva raccontato di essere stata rapinata e i due “rapinatori”. Ora dovranno rispondere dei reati di furto aggravato in concorso e simulazione di reato. Gli arresti sono scattato a Savona, Cengio e Cairo Montenotte, al termine di una minuziosa indagine che ha permesso ai carabinieri di Albenga di ricostruire l’accaduto.

Quel 12 agosto, verso le ore 15.30, il dipendente dell’istituto aveva chiamato il 112 segnalando di essere stato rapinato poco prima da due soggetti, di cui uno armato di pistola, che si erano impossessati della somma di 400 mila euro per poi narcotizzarlo. Subito erano scattate le ricerche dei presunti malviventi, ma senza esito.

Le indagini dei carabinieri della Sezione Operativa ingauna, coordinate dal sostituto procuratore Elisa Milocco, erano iniziate proprio con la ricezione della querela da pare del vigilante che ricostruiva i fatti: l’uomo aveva riferito di essersi recato al Cup del Santa Corona per prelevare il denaro e di essere stato avvicinato da un uomo armato di pistola mentre si trovava in bagno. Il malvivente aveva disarmato la guardia e lo aveva minacciato facendolo salire con lui sull’autovettura di servizio; da lì si erano diretti verso un parcheggio della Conad di Loano.

Lì ad attenderli c’era un secondo complice: i due, secondo il racconto, avevano intimato alla guardia di aprire i cassetti di sicurezza, costringendolo con la forza (uno dei due gli avrebbe stretto la mano dietro il collo). Terminato il prelievo di denaro (400 mila euro circa) lo avevano obbligato a salire sul veicolo e lo avevano narcotizzato; infine gli avevano restituito la pistola, riponendola in un cassetto porta oggetti. Verso le 15, quando aveva ripreso i sensi, aveva attivato l’allarme contattando la centrale e il 112.

Il racconto dell’uomo, però, ai militari è sembrato da subito poco convincente per alcune ragioni: tra queste il fatto che non sapeva identificare con decisione i due rapinatori e la coincidenza, appunto, potendo aprire solo alcuni cassetti, di aver scelto proprio quelli contenenti più denaro.

I militari hanno comunque passato al setaccio tutte le telecamere poste sul tragitto indicato, trovando riscontri sulla presenza di una macchina che aveva seguito il portavalori lungo il tragitto; dalla stessa auto notata al momento della rapina era sceso un uomo che si era diretto verso il Cup pochi secondo prima dell’arrivo della guardia giurata. Tramite l’intestatario del veicolo si è giunti all’identità del conducente dell’auto, che quel giorno non si era recato a lavorare.

L’esame dei tabulati telefonici ha poi confermato la presenza di entrambi gli uomini (il proprietario dell’auto e quello immortalato dalle telecamere) nei minuti e nei luoghi indicati, ed anche i contatti tra i due. A convincere i militari del coinvolgimento della guardia è stata invece la coincidenza dei tempi, con i “rapinatori” che hanno raggiungo l’ospedale pochi secondi prima di lui, come se fossero al corrente dei suoi movimenti (il prelievo di denaro, da procedura, non avviene mai a un’ora precisa).

Ulteriori indagini e pedinamenti alla fine hanno confermato la tesi degli investigatori: secondo loro i tre si sono messi d’accordo per rubare il denaro l’istituto di vigilanza. Ora si trovano nel carcere di Marassi, dove nelle prossime ore saranno chiamati a rispondere delle accuse davanti al Gip del tribunale di Savona. La refurtiva non è ancora stata trovata.

https://www.ivg.it/2019/10/rapina-simu ... a-dei-cassetti-da-aprire/

Data invio: 19/10/2019 18:35
Crea PDF dal messaggio Stampa



 Top   Discussione precedente   Discussione successiva

 Registrati per inviare messaggi



Invia la tua risposta?
Account*
Nome   Password    
Messaggio:*


Non puoi inviare messaggi.
Puoi vedere le discussioni.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Non puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Pubblicita

Disclaimer

"Questo portale viene aggiornato senza alcuna periodicità e non rappresenta una testata giornalistica né un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Gli autori non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali link o collegamenti posti all'interno del portale o del forum di discussione, o per i siti che forniscono link o collegamenti alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che questo portale fornisca eventuali collegamenti a siti esterni non implica tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli utenti sono i soli responsabili dei contenuti, contributi e commenti pubblicati; i moderatori si impegnano a rimuovere o oscurare i contenuti considerati falsi, lesivi di altrui dignità o diffamatori, ma data la natura interattiva degli strumenti utilizzati è impossibile operare un controllo in tempo reale di tutto il materiale pubblicati dagli utenti. Per segnalazioni o richieste di rimozione contenuti scrivere una mail all'indirizzo admin@guardieinformate.net con oggetto "Richiesta rimozione contenuti" "

Police Privacy di Guardieinformate