Naviga in questo forum:   1 Utenti anonimi


 In fondo   Discussione precedente   Discussione successiva  Registrati per inviare messaggi



Vertenza guardie giurate. M5S: Chiesto tavolo congiunto con i ministri del Lavoro e dell’Interno
Donatore GuardieInformate
Iscritto il:
5/8/2016 23:57
Da Piemonte
Gruppo:
Utenti registrati
Collaboratore
Messaggi : 849
Offline
Vertenza guardie giurate. M5S: “Continua il nostro impegno. Chiesto tavolo congiunto con i ministri del Lavoro e dell’Interno”

Un tavolo congiunto tra ministero del Lavoro e ministero dell’Interno a cui possano prendere parte anche le sigle sindacali e datoriali per la risoluzione della vertenza che riguarda le guardie giurate. È la richiesta che il consigliere del Movimento 5 Stelle Gianluca Bozzetti e la deputata Anna Macina fanno ai ministri Nunzia Catalfo e Luciana Lamorgese dopo un nuovo incontro, che si è tenuto nei giorni scorsi a Brindisi, con una delegazione di guardie giurate.

“Ancora una volta abbiamo ribadito alle guardie giurate il nostro impegno per garantire loro migliori condizioni lavorative. Per questo abbiamo scritto al ministro dell’Interno Luciana Lamorgese per chiedere un incontro – spiegano i pentastellati – e avviare un proficuo confronto sui problemi della categoria delle guardie giurate. È necessario individuare soluzioni efficaci per un settore che costituisce un importante complemento del sistema nazionale di tutela della pubblica sicurezza. Vogliamo tenere alta l’attenzione sulle loro condizioni di lavoro, che si ripercuotono naturalmente sulla sicurezza dei cittadini. Per questo, sarà nostra cura proseguire il percorso già iniziato con il precedente Governo perché siano nuovamente convocate le parti sociali nell’ottica di dialogo e collaborazione istituzionale per giungere finalmente al tanto atteso rinnovo contrattuale”.

“L’impegno che il Movimento 5 Stelle aveva preso con il ministro del Lavoro Di Maio, prosegue anche ora con il nuovo Governo. La categoria delle guardie giurate – dichiarano i portavoce – svolge un lavoro rischioso, spesso in condizioni salariali inferiori a quanto espresso dal contratto collettivo e senza tutele, in un settore delicato come quello della sicurezza in appalto. Per questo continueremo nell’interlocuzione con il ministero del Lavoro che ha già prodotto i primi risultati. Adesso aspettiamo la calendarizzazione dell’incontro per la risoluzione della vicenda”.

https://www.metropolinotizie.it/verten ... del-lavoro-e-dellinterno/

Data invio: 25/9 16:00
_________________
Cadi sette volte, rialzati otto.
Crea PDF dal messaggio Stampa



 Top   Discussione precedente   Discussione successiva

 Registrati per inviare messaggi



Invia la tua risposta?
Account*
Nome   Password    
Messaggio:*


Non puoi inviare messaggi.
Puoi vedere le discussioni.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Non puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Pubblicita

Disclaimer

"Questo portale viene aggiornato senza alcuna periodicità e non rappresenta una testata giornalistica né un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Gli autori non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali link o collegamenti posti all'interno del portale o del forum di discussione, o per i siti che forniscono link o collegamenti alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che questo portale fornisca eventuali collegamenti a siti esterni non implica tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli utenti sono i soli responsabili dei contenuti, contributi e commenti pubblicati; i moderatori si impegnano a rimuovere o oscurare i contenuti considerati falsi, lesivi di altrui dignità o diffamatori, ma data la natura interattiva degli strumenti utilizzati è impossibile operare un controllo in tempo reale di tutto il materiale pubblicati dagli utenti. Per segnalazioni o richieste di rimozione contenuti scrivere una mail all'indirizzo admin@guardieinformate.net con oggetto "Richiesta rimozione contenuti" "

Police Privacy di Guardieinformate