Naviga in questo forum:   1 Utenti anonimi


 In fondo   Discussione precedente   Discussione successiva  Registrati per inviare messaggi



Anche a Orio guardie giurate in sciopero Code ai controlli di sicurezza dello scalo
Webmaster
Iscritto il:
4/1/2007 19:21
Da VERONA
Gruppo:
Webmasters
Utenti registrati
Messaggi : 21761
Offline
Protesta nazionale. Le motivazioni della mobilitazione di Cgil, Cisl e Uil riguardano temi come il cambio d’appalto, la contrattazione di secondo livello, i salari bassi. Su questi nodi si è arenata la trattativa per il rinnovo del Contratto nazionale del comparto.
Clicca

Lunghe code si sono formate oggi, venerdì 6 settembre, ai controlli di sicurezza dello scalo aeroportuale di Orio al Serio, nel giorno dello sciopero nazionale delle guardie giurate della vigilanza privata e degli addetti ai servizi fiduciari.

«In questa vertenza sembra non essere rimasto altro strumento che quello della protesta», hanno commentato Mauro Rossi per la Filcams Cgil ed Eleonora Capelli della Fisascat Cisl di Bergamo. «Lo sciopero è riuscito pienamente, abbiamo dovuto garantire il personale minimo previsto dalla legge ma da parte di tutti i lavoratori in servizio ci sarebbe stata l’intenzione di scioperare». Le motivazioni della mobilitazione riguardano temi come il cambio d’appalto, la contrattazione di secondo livello, i salari bassi. Su questi nodi si è arenata la trattativa per il rinnovo del Contratto nazionale del comparto. I sindacati di categoria Filcams Cgil, Fisascat Cisl E Uiltucs Uil avevano già svolto altri due scioperi nazionali, a marzo e lo scorso anno. Ricordiamo che nella provincia di Bergamo sono oltre un migliaio i dipendenti delle società di vigilanza privata e dei servizi fiduciari. Tra questi, oltre duecento lavorano nell’aeroporto orobico.

«Si tratta di una trattativa iniziata più di tre anni fa e che oggi, nonostante le proposte concrete avanzate dalle organizzazioni sindacali, non ha ancora sciolto punti cruciali come quelli degli incrementi salariali, del cambio d’appalto, dell’inquadramento del personale, della salute e sicurezza e della contrattazione di secondo livello», avevano detto alla vigilia dello sciopero i due sindacalisti. «È inaccettabile che le associazioni datoriali continuino a presentarsi al tavolo con posizioni a totale svantaggio dei lavoratori su diversi temi. Gli incrementi salariali proposti sono a dir poco vergognosi, così come la richiesta di una flessibilità assoluta a favore delle sole imprese risulta irricevibile. Emerge una mancanza di rispetto nei confronti dei migliaia di lavoratori di un settore tanto delicato, quanto complesso, a maggior ragione per un comparto strategico per la sicurezza dei cittadini, dove le politiche di dumping contrattuale, in barba alle norme in materia di appalti, sono all’ordine del giorno».

https://www.ecodibergamo.it/stories/Hi ... ezza-dello-sc_1320915_11/

Data invio: 6/9 22:07
Crea PDF dal messaggio Stampa



 Top   Discussione precedente   Discussione successiva

 Registrati per inviare messaggi



Invia la tua risposta?
Account*
Nome   Password    
Messaggio:*


Non puoi inviare messaggi.
Puoi vedere le discussioni.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Non puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Pubblicita

Disclaimer

"Questo portale viene aggiornato senza alcuna periodicità e non rappresenta una testata giornalistica né un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Gli autori non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali link o collegamenti posti all'interno del portale o del forum di discussione, o per i siti che forniscono link o collegamenti alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che questo portale fornisca eventuali collegamenti a siti esterni non implica tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli utenti sono i soli responsabili dei contenuti, contributi e commenti pubblicati; i moderatori si impegnano a rimuovere o oscurare i contenuti considerati falsi, lesivi di altrui dignità o diffamatori, ma data la natura interattiva degli strumenti utilizzati è impossibile operare un controllo in tempo reale di tutto il materiale pubblicati dagli utenti. Per segnalazioni o richieste di rimozione contenuti scrivere una mail all'indirizzo admin@guardieinformate.net con oggetto "Richiesta rimozione contenuti" "

Police Privacy di Guardieinformate