Naviga in questo forum:   1 Utenti anonimi


 In fondo   Discussione precedente   Discussione successiva  Registrati per inviare messaggi



Vigilanza privata, è sciopero negli aeroporti
Donatore GuardieInformate
Iscritto il:
5/8/2016 23:57
Da Piemonte
Gruppo:
Utenti registrati
Collaboratore
Messaggi : 802
Offline
Braccia incrociate venerdì 6 settembre in tutti gli scali italiani per chiedere il rinnovo del contratto nazionale scaduto nel 2015. Sindacati: "Salario, appalti, contrattazione di secondo livello, sicurezza, questi i temi delle nostre rivendicazioni"
Incroceranno le braccia domani (venerdì 6 settembre) gli addetti alla vigilanza nei siti aeroportuali. La mobilitazione, indetta da Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil per il rinnovo del contratto nazionale della vigilanza privata e dei servizi fiduciari scaduto nel 2015, segue lo sciopero articolato a livello territoriale gli scorsi 1 e 2 agosto, registrando una massiccia partecipazione con una media di adesione superiore al 70 per cento, con punte del 100 per cento nel comparto del trasporto valori e del 90 in quello della vigilanza fissa.

Il fronte sindacale rilancia sulla necessità di rinnovare la contrattazione nazionale siglata dalle associazioni maggiormente rappresentative e invita le associazioni imprenditoriali (Univ, Anivip, Assiv, Legacoop Produzione e Servizi, Confcooperative Federlavoro e Servizi e Agci Servizi) a fare un passo indietro rispetto alle posizioni assunte al tavolo di trattativa, al palo nonostante le numerose sollecitazioni dei sindacati.

“Salario, cambio di appalto, bilateralità, contrattazione di secondo livello, classificazione del personale, salute e sicurezza e welfare contrattuale – si legge in una nota dei sindacati – sono solo alcune delle nostre rivendicazioni per respingere fermamente le proposte imprenditoriali sul mercato del lavoro, sull'orario e sul trattamento economico della malattia e dell’infortunio, volte a ridurre i diritti e a introdurre una flessibilità senza regole gestita ad appannaggio esclusivo delle imprese”.

Per Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil, “l’elusione delle norme contrattuali e di legge fa il paio con la proliferazione dei contratti pirata che irrimediabilmente riducono diritti e tutele e abbassano drasticamente il corrispettivo economico ai limiti della sostenibilità. Sullo sfondo la radicale trasformazione del comparto dei servizi in seguito alle recente evoluzione della compagine imprenditoriale (Sicuritalia-Ivri) e alle recenti acquisizioni, nonché al lungo elenco di aziende cessate per mala gestione che evidenziano una mancanza di controlli puntuali e costanti da parte delle autorità competenti”.

I sindacati, in conclusione, rilevano la necessità di “un intervento decisivo da parte dei ministeri del Lavoro e dell’Interno per risanare il settore della sicurezza e per ridare dignità alle migliaia di lavoratrici e lavoratori chiamati a garantire la sicurezza di beni e persone”. Per le tre federazioni “rinnovare un contratto significa adeguare le norme e la retribuzione ma soprattutto riconoscere il ruolo fondamentale che gli addetti del comparto della sicurezza privata svolgono per tutta la cittadinanza”.

https://www.rassegna.it/mobile/articol ... -sciopero-negli-aeroporti

Data invio: 6/9 0:11
_________________
Cadi sette volte, rialzati otto.
Crea PDF dal messaggio Stampa



 Top   Discussione precedente   Discussione successiva

 Registrati per inviare messaggi



Invia la tua risposta?
Account*
Nome   Password    
Messaggio:*


Non puoi inviare messaggi.
Puoi vedere le discussioni.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Non puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Pubblicita

Disclaimer

"Questo portale viene aggiornato senza alcuna periodicità e non rappresenta una testata giornalistica né un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Gli autori non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali link o collegamenti posti all'interno del portale o del forum di discussione, o per i siti che forniscono link o collegamenti alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che questo portale fornisca eventuali collegamenti a siti esterni non implica tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli utenti sono i soli responsabili dei contenuti, contributi e commenti pubblicati; i moderatori si impegnano a rimuovere o oscurare i contenuti considerati falsi, lesivi di altrui dignità o diffamatori, ma data la natura interattiva degli strumenti utilizzati è impossibile operare un controllo in tempo reale di tutto il materiale pubblicati dagli utenti. Per segnalazioni o richieste di rimozione contenuti scrivere una mail all'indirizzo admin@guardieinformate.net con oggetto "Richiesta rimozione contenuti" "

Police Privacy di Guardieinformate