Naviga in questo forum:   1 Utenti anonimi


 In fondo   Discussione precedente   Discussione successiva  Registrati per inviare messaggi



Trenord, addio guardie: l'appalto non sarà rinnovato
Webmaster
Iscritto il:
4/1/2007 19:21
Da VERONA
Gruppo:
Webmasters
Utenti registrati
Messaggi : 21747
Offline
Trenord, addio guardie: l'appalto non sarà rinnovato

Fine della misura presa dopo il caso del capotreno aggredito col machete
di GIAMBATTISTA ANASTASIO
Ultimo aggiornamento il 15 giugno 2019 alle 07:05

Milano, 15 giugno 2019 - A bordo dei treni sono rimasti appena in trenta, come conferma Trenord. Un terzo di quanti fossero all’inizio. E l’inizio fu soltanto nel 2016. L’unico appalto in corso scadrà a dicembre di quest’anno e non sarà più rinnovato, come confermano di nuovo da Trenord ma anche dalla Regione. È durata poco più di tre anni l’avventura delle guardie giurate sui convogli che ogni giorno fanno viaggiare in Lombardia 803mila pendolari divisi tra 2.300 corse. Una misura che alla prova dei fatti si è rivelata poco utile. Due gli appalti per effetto dei quali i vigilantes operavano (e ancora per qualche mese opereranno) anche sui treni: il primo è scaduto ad aprile e non ha avuto seguito, il secondo, valido fino a dicembre, arriverà a scadenza per poi seguire la stessa sorte del primo, come detto.

Da gennaio 2020 non ci saranno più vigilantes a bordo. Tre i fattori che hanno portato all’insuccesso della misura: le difficoltà nel reclutamento, i limiti posti dalle norme alla loro effettiva operatività e, non ultimo, la scarsità dei fondi stanziati tra Trenord e la Regione per reclutarne un numero proporzionato ai volumi del traffico ferroviario lombardo. Risultato: le guardie scenderanno dai treni e si limiteranno a presidiare i depositi di Trenord e qualche stazione. Dall’azienda fanno sapere che stanno mettendo a punto un nuovo modello di sicurezza, che sarà dettagliato appena possibile. Certo è che l’arrivo dei vigilantes fu annunciato in pompa magna ad aprile 2016 dall’allora presidente della Regione, Roberto Maroni, che ne volle dare eco anche sui canali social, specificando che le guardie sarebbero state armate. Ancora fresco il ricordo di quanto accaduto a giugno 2015 sul passante ferroviario, vale a dire: l’aggressione a colpi di machete del capotreno Carlo Di Napoli. Sembrava che le guardie potessero essere una soluzione. Invece, dopo 3 anni, il commiato. «La misura non ha dato i frutti sperati – ammette Riccardo De Corato, assessore regionale alla Sicurezza –: meglio far salire i militari a bordo dei convogli».

https://www.ilgiorno.it/milano/cronaca/vigilantes-trenord-1.4647118

Data invio: 15/6 22:55
Crea PDF dal messaggio Stampa


Re: Trenord, addio guardie: l'appalto non sarà rinnovato
Donatore GuardieInformate Moderatore
Iscritto il:
29/7/2007 14:54
Gruppo:
Utenti registrati
Messaggi : 4093
Offline
Considerate le spese, e i costi, forse è meglio che il lavoro di cui sopra sia svolto dai militari...che cmq vengono retribuiti dallo stato, invece le gpg, sappiamo come funziona.

Data invio: 19/6 18:18
_________________
Vivo la vita per dominarla...non per esserne schiavo!
Crea PDF dal messaggio Stampa


Re: Trenord, addio guardie: l'appalto non sarà rinnovato
Allievo
Iscritto il:
15/9/2016 23:59
Gruppo:
Utenti registrati
Messaggi : 109
Offline
Un appalto nato male. Trenord ha ingaggiato un IVP che fornisse “bodyguard” a tutela dei propri capotreno ed all’occasione veri e propri “buttafuori” in grado di far scendere con la forza persone senza biglietto, gente alterata da alcool o stupefacenti, bande di teppisti.
In pratica nulla che possa rientrare nelle nostre specifiche attività, improntate alla salvaguardia di beni mobili e immobili ed alla pronta segnalazione alle ff.oo di qualsiasi atto illecito di cui abbiamo notizia/di cui siamo testimoni. Cosa avrebbero potuto mai fare i colleghi? Disarmati poiché non è consentito operare armati sui treni, nella condizione giuridica di non poter esigere a nessun titolo la pronta visione dei documenti di identità di eventuali rei, gettati in un comparto quanto mai variegato e imprevedibile. Quoto arma x, mentre in uno scenario come l’ingresso del duomo di Milano potremmo benissimo essere noi gpg a ispezionare borse e zaini e coordinare il flusso dei visitatori, sui treni potrebbero vegliare i militari.

Data invio: 24/6 13:53
_________________
Quando cala la notte la nostra guardia ha inizio.
Non ci son feste ne famiglia c’é solo il servizio.
La guardia giurata continua a vigilar.

Noi siam guardie giurate timore non abbiate.
Noi ci sacrifichiamo per ciò che ci affidate.
La guardia...
Crea PDF dal messaggio Stampa


Re: Trenord, addio guardie: l'appalto non sarà rinnovato
Donatore GuardieInformate Moderatore
Iscritto il:
29/7/2007 14:54
Gruppo:
Utenti registrati
Messaggi : 4093
Offline
Ringrazio heimdall per il quote, inatteso considerando che come sapete almeno per ora non faccio più parte del vostro settore, le gpg nascono per i compiti descritti da heimdall, per le altre cose ci sono le ff.oo o al limite le ff.aa...

Data invio: 24/6 14:36
_________________
Vivo la vita per dominarla...non per esserne schiavo!
Crea PDF dal messaggio Stampa



 Top   Discussione precedente   Discussione successiva

 Registrati per inviare messaggi



Invia la tua risposta?
Account*
Nome   Password    
Messaggio:*


Non puoi inviare messaggi.
Puoi vedere le discussioni.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Non puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Pubblicita

Disclaimer

"Questo portale viene aggiornato senza alcuna periodicità e non rappresenta una testata giornalistica né un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Gli autori non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali link o collegamenti posti all'interno del portale o del forum di discussione, o per i siti che forniscono link o collegamenti alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che questo portale fornisca eventuali collegamenti a siti esterni non implica tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli utenti sono i soli responsabili dei contenuti, contributi e commenti pubblicati; i moderatori si impegnano a rimuovere o oscurare i contenuti considerati falsi, lesivi di altrui dignità o diffamatori, ma data la natura interattiva degli strumenti utilizzati è impossibile operare un controllo in tempo reale di tutto il materiale pubblicati dagli utenti. Per segnalazioni o richieste di rimozione contenuti scrivere una mail all'indirizzo admin@guardieinformate.net con oggetto "Richiesta rimozione contenuti" "

Police Privacy di Guardieinformate