Naviga in questo forum:   1 Utenti anonimi


 In fondo   Discussione precedente   Discussione successiva  Registrati per inviare messaggi



Vigilante morto dopo aggressione in Circum, l’azienda assume la figlia Lina Schiano
Webmaster
Iscritto il:
4/1/2007 19:21
Da VERONA
Gruppo:
Webmasters
Utenti registrati
Messaggi : 21735
Offline
Vigilante morto dopo aggressione in Circum, l’azienda assume la figlia Lina Schiano
La Service Group ha assunto Lina Schiano, la figlia di Gennaro, il vigilante morto dopo quattro mesi di ricovero per una frattura al cranio causata da una ginocchiata durante un’aggressione nei pressi della stazione La Trencia. Per quell’episodio è stato condannato a due anni con pena sospesa un giovane di 18 anni, ritenuto colpevole di aggressione dolosa.
Cronaca Napoli e Campania
Pianura
Ultime Notizie
6 giugno 2019 19:02
di Nico Falco

Lina Schiano, la figlia di Gennaro Schiano, la guardia giurata morta dopo un'aggressione alla stazione della Cumana di Trencia, è stata assunta nella azienda di vigilanza in cui lavorava il padre. Lo ha annunciato la Services Group oggi, 6 giugno, presso il Consiglio Regionale della Campania, in occasione della cerimonia di consegna di una targa commemorativa per l'uomo, 64 anni, deceduto il 9 settembre 2018 dopo quasi quattro mesi di agonia. Il ragazzo che lo ha colpito, 18 anni, è stato condannato agli inizi di marzo per aggressione dolosa (con pena sospesa): le perizie non hanno evidenziato la relazione tra la ferita causata da una ginocchiata alla testa e la morte. L'aggressione, l'8 maggio 2018, era avvenuta durante una lite, che era nata su un treno della Circumflegrea ed era proseguita in strada; Schiano quella sera stava tornando a casa dopo una giornata di lavoro al Centro Direzionale, sarebbe dovuto scendere a Quarto ma, questa la ricostruzione, era invece sceso a La Trencia seguendo il ragazzo; i due avrebbero continuato a provocarsi

All'incontro erano presenti la presidente del Consiglio Rosa D'Amelio, il consigliere Antonio Marciano, il presidente della Fondazione Polis della Regione Campania don Tonino Palmese e il segretario della Fondazione Enrico Tedesco.

"Auspichiamo che l'esempio e il coraggio di questa azienda e del suo amministratore Davide Liparulo, che sta procedere all'assuznione della figlia di una vittima della criminalità cosiddetta comune, siano seguiti da tanti altri soggetti – ha detto la Fondazione Polis – vogliamo semplicemente che quanto prescritto dalla legge a beneficio dei familiari delle vittime innocenti della criminalità venga rispettato. Desideriamo inoltre rivolgere un ringraziamento al Consiglio Regionale della Campania, che si è fatto carico di questa significativa istanza. Nulla potrà restituire Gennaro alla sua famiglia e a chi gli ha voluto bene, ma certamente quanto accaduto oggi rappresenta un importante segnale a favore della giustizia e della legalità".

continua su: https://napoli.fanpage.it/vigilante-mo ... e-la-figlia-lina-schiano/
http://napoli.fanpage.it/

Data invio: 6/6 21:49
Crea PDF dal messaggio Stampa



 Top   Discussione precedente   Discussione successiva

 Registrati per inviare messaggi



Invia la tua risposta?
Account*
Nome   Password    
Messaggio:*


Non puoi inviare messaggi.
Puoi vedere le discussioni.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Non puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Pubblicita

Disclaimer

"Questo portale viene aggiornato senza alcuna periodicità e non rappresenta una testata giornalistica né un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Gli autori non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali link o collegamenti posti all'interno del portale o del forum di discussione, o per i siti che forniscono link o collegamenti alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che questo portale fornisca eventuali collegamenti a siti esterni non implica tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli utenti sono i soli responsabili dei contenuti, contributi e commenti pubblicati; i moderatori si impegnano a rimuovere o oscurare i contenuti considerati falsi, lesivi di altrui dignità o diffamatori, ma data la natura interattiva degli strumenti utilizzati è impossibile operare un controllo in tempo reale di tutto il materiale pubblicati dagli utenti. Per segnalazioni o richieste di rimozione contenuti scrivere una mail all'indirizzo admin@guardieinformate.net con oggetto "Richiesta rimozione contenuti" "

Police Privacy di Guardieinformate