Naviga in questo forum:   1 Utenti anonimi


 In fondo   Discussione precedente   Discussione successiva  Registrati per inviare messaggi



Giro di vite sulla certificazione nella vigilanza privata
Donatore GuardieInformate
Iscritto il:
5/8/2016 23:57
Da Piemonte
Gruppo:
Utenti registrati
Collaboratore
Messaggi : 766
Offline
La nota di Univ sulla Circolare del Capo della Polizia Gabrielli

Su 580 società autorizzate ad operare nella vigilanza privata, 120 non si sono ancora adeguate agli obblighi di certificazione. La rilevazione è freschissima e vede ancora un buon 20% di imprese del settore operare impunemente, pur senza soddisfare i requisiti minimi di qualità richiesti dalla norma. Ma la pacchia è finita, come è in voga dire: la circolare a firma del Capo della Polizia Gabrielli dà alle Prefetture il termine ultimo del 30 Aprile per fare il punto della situazione e presentare un cronoprogramma di iniziative che evidenzi il periodo entro il quale il processo di adeguamento totale si concluderà. E di tempo ne hanno avuto le imprese: la prima scadenza per l’adeguamento era – lo ricordiamo – al 2015 e al 2017 solo per le aziende già in qualche modo certificate. Ma a metà 2017 le imprese certificate secondo il nuovo regime erano ancora talmente poche da allarmare anche l’ANAC. La deadline fu quindi allungata al 31 gennaio 2018, ma esattamente un anno dopo scopriamo che mancano ancora all’appello ben 120 aziende. Mica bruscolini.

Interessante vedere come la circolare non si soffermi tanto sull’aspetto punitivo, quanto sul valore sotteso al processo di certificazione: tutelare l’utenza garantendo l’erogazione di servizi validi, assicurare che il personale di vigilanza operi in piena sicurezza, far sì che le imprese di sicurezza possano operare da deterrente contro la criminalità e assicurare adeguate possibilità di autodifesa a fronte di possibili attacchi. E, ovviamente, la concorrenza sleale verso chi ha investito tempo e denaro (che ha poi, almeno in parte, dovuto ricaricare sulle tariffe) per l’adeguamento.

E veniamo all’aut aut: la circolare ipotizza 4 situazioni nelle quali fa rientrare le 120 aziende che ad oggi ancora non sono certificate, formulando le rispettive indicazioni operative per le Prefetture.

1) primo rilascio di licenza (ma non sono ancora trascorsi i 6 mesi per la consegna del certificato di qualità e conformità): se passano 6 mesi senza consegnare il certificato, l’impresa subisce il ritiro della licenza;

2) richiesta di rinnovo di licenza senza certificazione allegata: la Prefettura dà un termine di massimo 30 giorni, superati i quali si procede al diniego del rinnovo;

3) richiesta di rilascio/rinnovo di licenza dopo l’entrata in vigore del DM 115/2014 ma decorsi i 16 mesi per l’annullamento: si interviene quando verrà richiesto il rinnovo;

4) per i casi in cui le Prefetture abbiano allungato i termini oltre il 31 gennaio 2018, si intima di non concedere più proroghe.

Per visualizzare la lista aggiornata degli Istituti certificati: https://www.poliziadistato.it/statics/ ... certificati11.03.2019.pdf

In allegato la Circolare sulla Certificazione nella Vigilanza Privata

http://www.federsicurezza.it/news.aspx?newId=254

Data invio: 29/3 14:28
_________________
Cadi sette volte, rialzati otto.
Crea PDF dal messaggio Stampa



 Top   Discussione precedente   Discussione successiva

 Registrati per inviare messaggi



Invia la tua risposta?
Account*
Nome   Password    
Messaggio:*


Non puoi inviare messaggi.
Puoi vedere le discussioni.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Non puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Pubblicita

Disclaimer

"Questo portale viene aggiornato senza alcuna periodicità e non rappresenta una testata giornalistica né un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Gli autori non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali link o collegamenti posti all'interno del portale o del forum di discussione, o per i siti che forniscono link o collegamenti alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che questo portale fornisca eventuali collegamenti a siti esterni non implica tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli utenti sono i soli responsabili dei contenuti, contributi e commenti pubblicati; i moderatori si impegnano a rimuovere o oscurare i contenuti considerati falsi, lesivi di altrui dignità o diffamatori, ma data la natura interattiva degli strumenti utilizzati è impossibile operare un controllo in tempo reale di tutto il materiale pubblicati dagli utenti. Per segnalazioni o richieste di rimozione contenuti scrivere una mail all'indirizzo admin@guardieinformate.net con oggetto "Richiesta rimozione contenuti" "

Police Privacy di Guardieinformate