Naviga in questo forum:   1 Utenti anonimi


 In fondo   Discussione precedente   Discussione successiva  Registrati per inviare messaggi



CGIL – CISL – UIL protestano davanti al Tribunale di Rieti a sostegno dei vigilantes
Donatore GuardieInformate
Iscritto il:
5/8/2016 23:57
Da TORINO
Gruppo:
Utenti registrati
Collaboratore
Messaggi : 670
Offline
“Le Organizzazioni Sindacali – Filcams CGIL, Fisascat CISL e UilTucs UIL di Rieti – oggi, 5 dicembre 2018 (08.30 / 13.00), sono presenti presso il Tribunale di Rieti in Largo Bachelet, alla Manifestazione Pubblica delle lavoratrici e dei lavoratori, a sostegno della vertenza che vede coinvolti i dipendenti dell’appalto per i servizi di vigilanza armata presso lo stesso Tribunale, dove ad oggi, dopo oltre un mese di confronti avvenuti anche presso la Prefettura e l’Ispettorato del Lavoro, le aziende continuano a non trovare soluzioni per quanto riguarda i livelli occupazionali.

Tali atteggiamenti non possono essere più tollerati, qualsiasi siano le ragioni sostenute dalle Aziende -Cosmopol Security azienda entrante e Vigilanza Umbra Mondialpol azienda uscente – perché di fatto tali scaricano conseguenze negative soltanto sui lavoratori.

Lottiamo e manifestiamo per una risoluzione positiva della vertenza in corso, ma anche perché siamo convinti che non può passare sul territorio di Rieti tale principio, che
si tramuta in mancate assunzioni.

Staremo al fianco dei lavoratori per tutta la durata della vertenza e daremo assistenza legale, affinché venga garantito il diritto di riassunzione dei lavoratori che prestano servizio presso il Tribunale di Rieti, stazione appaltante, diritto tutelato dalla clausola sociale prevista dal Contratto Nazionale del Lavoro.

Abbiamo scelto di manifestare ed esporre pubblicamente le ragioni della vertenza in prossimità del Tribunale di Rieti, perché è l’ente che acquista i servizi di vigilanza privata e il soggetto giuridico che ha emesso il bando di gara, quindi ci aspettiamo un confronto e una presa di posizione tale da mettere fine alla vertenza e mantenere i livelli occupazionali nel rispetto della legalità.

Ad ogni cambio appalto è sempre più frequente che le aziende non si assumano le proprie responsabilità, scaricando, di fatto, il rischio di impresa sui lavoratori.
Vogliamo ricordare che gli appalti sono una parte importante dell’economia nazionale e che coinvolgono milioni di lavoratori, i quali garantiscono servizi di utilità pubblica e dei quali ne usufruiscono tutti i cittadini.

Non ci stiamo più ai continui tagli dei parametri orari in questo settore, alla precarietà sia a livello occupazionale che salariale. Per tali ragioni chiediamo una regolamentazione più robusta a tutela dei diritti occupazionali e reddituali dei lavoratori coinvolti in tale settore.”

Filcams CGIL
Fisascat CISL
UilTucs UIL di Rieti

https://www.rietinvetrina.it/cgil-cisl ... -sostegno-dei-vigilantes/

Data invio: 5/12 12:14
_________________
Cadi sette volte, rialzati otto.
Crea PDF dal messaggio Stampa



 Top   Discussione precedente   Discussione successiva

 Registrati per inviare messaggi



Invia la tua risposta?
Account*
Nome   Password    
Messaggio:*


Non puoi inviare messaggi.
Puoi vedere le discussioni.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Non puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Pubblicita

Disclaimer

"Questo portale viene aggiornato senza alcuna periodicità e non rappresenta una testata giornalistica né un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Gli autori non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali link o collegamenti posti all'interno del portale o del forum di discussione, o per i siti che forniscono link o collegamenti alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che questo portale fornisca eventuali collegamenti a siti esterni non implica tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli utenti sono i soli responsabili dei contenuti, contributi e commenti pubblicati; i moderatori si impegnano a rimuovere o oscurare i contenuti considerati falsi, lesivi di altrui dignità o diffamatori, ma data la natura interattiva degli strumenti utilizzati è impossibile operare un controllo in tempo reale di tutto il materiale pubblicati dagli utenti. Per segnalazioni o richieste di rimozione contenuti scrivere una mail all'indirizzo admin@guardieinformate.net con oggetto "Richiesta rimozione contenuti" "

Police Privacy di Guardieinformate