Naviga in questo forum:   1 Utenti anonimi


 In fondo   Discussione precedente   Discussione successiva  Registrati per inviare messaggi



Strage Tribunale di Milano, paga la guardia giurata
Webmaster
Iscritto il:
4/1/2007 19:21
Da VERONA
Gruppo:
Webmasters
Utenti registrati
Messaggi : 21625
Offline
Strage Tribunale di Milano, paga la guardia giurata 

La Corte d'Appello di Brescia ribalta la sentenza di assoluzione in primo grado. Gabriele: sentenza inaccettabile che colpisce l’anello debole per coprire più alte responsabilità

La Corte d'Appello di Brescia ha ribaltato la sentenza di primo grado del processo a carico di Roberto Piazza, la guardia giurata in servizio al Tribunale di Milano il 9 aprile 2015, quando Claudio Giardiello uccise tre persone.

Piazza, assolto in primo grado, è stato condannato a tre anni per omicidio plurimo colposo, accogliendo così la richiesta del sostituto procuratore generale Bonfigli. Secondo l'accusa, Piazza non avrebbe fermato Giardiello nonostante dai monitor si intravedessero delle macchie scure nella borsa che l'uomo stava introducendo nel palazzo, dove poi uccise il coimputato Giorgio Erba, l'avvocato Lorenzo Claris Appiani e il magistrato Fernando Ciampi.

Il legale di Roberto Piazza ha già annunciato ricorso in Cassazione avverso una sentenza rispetto alla quale, oltre all’evidente disappunto, ha preferito non pronunciarsi ulteriormente. A parlare è stato invece Aldo Claris Appiani, padre di Lorenzo, una delle vittime, che ha manifestato profonda delusione contro una sentenza inaspettata che ha reso la guardia giurata il “capro espiatorio di responsabilità ad altri livelli che non sono state messe in evidenza", uno scaricabarile senza precedenti da parte della dirigenza giudiziaria e amministrativa.

“Una sentenza inaccettabile - commenta Luigi Gabriele, Presidente di FederSicurezza - che ci lascia al tempo stesso allibiti ma purtroppo tutt’altro che sorpresi. Colpire l’anello terminale di una catena di possibili disfunzioni, certamente non riconducibili alla responsabilità attiva della guardia giurata incriminata, più che un atto di condanna o, absit iniuria verbis, di giustizia, sembra, a nostro parere, l’infelice espressione della ricerca di un momento assolutorio di ben altre responsabilità che, in questo modo, rimangono “coperte” nel peggiore dei modi.

Il costante riferimento che di recente politica e Governo fanno al problema sicurezza potrebbe, anzi dovrebbe, tra le altre cose - e ci attiveremo in tal senso -, dar luogo a un meccanismo virtuoso che dia modo di individuare i necessari correttivi alle attuali disfunzioni, in modo da evitare che la magistratura non trovi livelli diversi da quelli dell’operatore terminale da punire per soddisfare un malinteso senso di giustizia. Da parte nostra - conclude Gabriele - ci attiveremo rivolgendoci ai due Ministeri interessati, Interno e Giustizia”.

A.G.

http://www.federsicurezza.it/news.aspx?newId=232

Data invio: 30/10 12:55
Crea PDF dal messaggio Stampa


Re: Strage Tribunale di Milano, paga la guardia giurata
Donatore GuardieInformate
Iscritto il:
5/2/2007 23:45
Da provincia BAT
Gruppo:
Utenti registrati
Addetto ai Sondaggi
Messaggi : 1734
Offline
Ma la visione al monitor non dev'essere affiancata dall'allarme sonoro del metal detector?
D'accordo sulle macchie scure ma il sensore dei metalli, perchè non ha fatto scattare l'allarme?
Boh!!!

Data invio: 30/10 19:22
_________________
Un viaggio di mille miglia deve cominciare con un solo passo. (Lao Tzu)
Crea PDF dal messaggio Stampa



 Top   Discussione precedente   Discussione successiva

 Registrati per inviare messaggi



Invia la tua risposta?
Account*
Nome   Password    
Messaggio:*


Non puoi inviare messaggi.
Puoi vedere le discussioni.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Non puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Pubblicita

Disclaimer

"Questo portale viene aggiornato senza alcuna periodicità e non rappresenta una testata giornalistica né un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Gli autori non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali link o collegamenti posti all'interno del portale o del forum di discussione, o per i siti che forniscono link o collegamenti alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che questo portale fornisca eventuali collegamenti a siti esterni non implica tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli utenti sono i soli responsabili dei contenuti, contributi e commenti pubblicati; i moderatori si impegnano a rimuovere o oscurare i contenuti considerati falsi, lesivi di altrui dignità o diffamatori, ma data la natura interattiva degli strumenti utilizzati è impossibile operare un controllo in tempo reale di tutto il materiale pubblicati dagli utenti. Per segnalazioni o richieste di rimozione contenuti scrivere una mail all'indirizzo admin@guardieinformate.net con oggetto "Richiesta rimozione contenuti" "

Police Privacy di Guardieinformate