Naviga in questo forum:   1 Utenti anonimi


 In fondo   Discussione precedente   Discussione successiva  Registrati per inviare messaggi



Eni, la protesta della guardie giurate a Vibo Marina
Webmaster
Iscritto il:
4/1/2007 19:21
Da VERONA
Gruppo:
Webmasters
Utenti registrati
Messaggi : 21637
Offline
Eni, la protesta della guardie giurate a Vibo Marina

10 ottobre 2018 ore 16.12


"Lavoratori senza stipendio da dieci mesi", denuncia la Filcams



Questa mattina, di fronte ai cancelli dei depositi costieri dell’Eni di Vibo Marina, i lavoratori dell’Istituto di Vigilanza notturna e diurna di Catanzaro, hanno dato vita ad un sit-in di protesta, con l’obiettivo dichiarato “di sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni in merito alle diverse problematiche che ci riguardano”. Da oltre dieci mesi, infatti, i lavoratori non ricevono alcuna retribuzione, ma a ciò si aggiungono anche altre criticità. A spiegarle è Pinuccia Cosmano, segretaria della Filcams Cgil di Vibo Valentia: “Oltre ai ritardi nei pagamenti dei salari, dobbiamo registrare anche la mancata fruizione dei riposi settimanali, delle ferie e il mancato pagamento di numerose ore di straordinario. La situazione, per questi lavoratori, è divenuta ormai insostenibile”.

Dal canto loro, i lavoratori, benché provati dalla drammatica situazione che stanno vivendo, si dichiarano pronti ad andare avanti nella battaglia per il riconoscimento dei loro diritti. “Basta far finta di non vedere e di non sentire, qui ci sono delle famiglie che soffrono. Facciamo appello alla Prefettura, affinché prenda in mano la situazione. Dopo più di dieci mesi senza stipendi, siamo allo stremo delle forze. Le nostre famiglie sono disperate. Ma non ci tiriamo indietro: abbiamo la volontà e la determinazione per porte portare avanti questa battaglia per il riconoscimento dei nostri diritti”.

Quella di oggi è solo la prima di una serie di manifestazioni che i lavoratori hanno deciso di programmare, come iniziative di rivendicazione delle loro “legittime richieste”. La vertenza rientra in una delicata vicenda che vede coinvolti anche altri territori calabresi, che da Crotone fino a Reggio, passando per Vibo Valentia, ha come protagonista appunto l’Istituto di Vigilanza notturna e diurna di Catanzaro. In merito è intervenuto anche Luigi Scarnati, segretario generale della Filcams Cgil Calabria, il quale ha fatto sapere che è già arrivata una convocazione per l’apertura di un tavolo alla Prefettura a Catanzaro. “Ma anche in questo caso – spiega il dirigente sindacale – contestiamo il metodo: vogliamo che al tavolo con noi, oltre all’azienda, siedano anche gli enti appaltanti, soprattutto quelli pubblici, che sono chiamati direttamente in causa per dare delle risposte serie alle violazioni che stiamo contestando. Quello che noi vogliamo, è ristabilire la legalità ed il rispetto delle norme e dei contratti. Quello di oggi è solo un primo passo. Insieme ai lavoratori, siamo pronti ad andare fino in fondo”.

Archiviato in: Scioperi e vertenze

http://www.rassegna.it/articoli/eni-l ... die-giurate-a-vibo-marina

Data invio: 10/10 16:27
Crea PDF dal messaggio Stampa



 Top   Discussione precedente   Discussione successiva

 Registrati per inviare messaggi



Invia la tua risposta?
Account*
Nome   Password    
Messaggio:*


Non puoi inviare messaggi.
Puoi vedere le discussioni.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Non puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Pubblicita

Disclaimer

"Questo portale viene aggiornato senza alcuna periodicità e non rappresenta una testata giornalistica né un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Gli autori non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali link o collegamenti posti all'interno del portale o del forum di discussione, o per i siti che forniscono link o collegamenti alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che questo portale fornisca eventuali collegamenti a siti esterni non implica tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli utenti sono i soli responsabili dei contenuti, contributi e commenti pubblicati; i moderatori si impegnano a rimuovere o oscurare i contenuti considerati falsi, lesivi di altrui dignità o diffamatori, ma data la natura interattiva degli strumenti utilizzati è impossibile operare un controllo in tempo reale di tutto il materiale pubblicati dagli utenti. Per segnalazioni o richieste di rimozione contenuti scrivere una mail all'indirizzo admin@guardieinformate.net con oggetto "Richiesta rimozione contenuti" "

Police Privacy di Guardieinformate