Naviga in questo forum:   1 Utenti anonimi


 In fondo   Discussione precedente   Discussione successiva  Registrati per inviare messaggi



Chat “private, nessuna diffamazione anche se si insulta il capo”, dice la Cassazione
Donatore GuardieInformate
Iscritto il:
5/8/2016 23:57
Da TORINO
Gruppo:
Utenti registrati
Collaboratore
Messaggi : 588
Offline
ROMA – Chat, mailing list e newsletter sono da considerare come corrispondenza privata, “chiusa e inviolabile”, la cui segretezza va “tutelata”. Per questo non è possibile attribuire una “valenza diffamatoria” ai messaggi diffusi all’interno di gruppi ristretti attraverso queste “nuove forme di comunicazione”. Con queste motivazioni la sezione lavoro della Corte di Cassazione ha confermato l‘illegittimità del licenziamento di un sindacalista – che ora dovrà essere reintegrato e risarcito dal datore di lavoro – sanzionato per le parole offensive con cui si era riferito all’amministratore delegato dell’azienda nel corso di una conversazione nel gruppo Facebook del sindacato.

La schermata della chat era stata stampata e inviata all’azienda da un anonimo e il sindacalista (guardia giurata dipendente di una società specializzata in vigilanza e sicurezza) era stato licenziato. Questo provvedimento era stato annullato dalla Corte d’appello di Lecce e la Cassazione ha rigettato il ricorso dell’azienda contro la decisione dei giudici di secondo grado.


Logicamente incompatibile con i requisiti propri della condotta diffamatoria”, che presuppone “la destinazione delle comunicazioni alla divulgazione nell’ambiente sociale”, mentre l’esigenza di “tutela della segretezza delle forme di comunicazione privata o chiusa preclude l’accesso di estranei al contenuto delle stesse”.


Nel caso in esame, la conversazione tra gli iscritti al sindacato “era da essi stessi intesa e voluta come privata e riservata, uno sfogo in un ambiente ad accesso limitato” che “porta ad escludere – si legge nell’ordinanza depositata oggi – qualsiasi intento o idonea modalità di diffusione denigratoria”.

Quindi i giudici di piazza Cavour concludono concordando sulla “mancanza del carattere illecito della condotta ascritta al lavoratore, riconducibile piuttosto alla libertà, costituzionalmente garantita, di comunicare riservatamente”.

https://www.blitzquotidiano.it/cronaca ... ate-diffamazione-2926729/

Data invio: 10/9 21:05
_________________
Cadi sette volte, rialzati otto.
Crea PDF dal messaggio Stampa



 Top   Discussione precedente   Discussione successiva

 Registrati per inviare messaggi



Invia la tua risposta?
Account*
Nome   Password    
Messaggio:*


Non puoi inviare messaggi.
Puoi vedere le discussioni.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Non puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Pubblicita

Disclaimer

"Questo portale viene aggiornato senza alcuna periodicità e non rappresenta una testata giornalistica né un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Gli autori non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali link o collegamenti posti all'interno del portale o del forum di discussione, o per i siti che forniscono link o collegamenti alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che questo portale fornisca eventuali collegamenti a siti esterni non implica tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli utenti sono i soli responsabili dei contenuti, contributi e commenti pubblicati; i moderatori si impegnano a rimuovere o oscurare i contenuti considerati falsi, lesivi di altrui dignità o diffamatori, ma data la natura interattiva degli strumenti utilizzati è impossibile operare un controllo in tempo reale di tutto il materiale pubblicati dagli utenti. Per segnalazioni o richieste di rimozione contenuti scrivere una mail all'indirizzo admin@guardieinformate.net con oggetto "Richiesta rimozione contenuti" "

Police Privacy di Guardieinformate