Naviga in questo forum:   1 Utenti anonimi


 In fondo   Discussione precedente   Discussione successiva  Registrati per inviare messaggi



Pistoia: vigilante vince causa di lavoro. Reintegrato dopo tre anni
Webmaster
Iscritto il:
4/1/2007 19:21
Da VERONA
Gruppo:
Webmasters
Utenti registrati
Messaggi : 21830
Offline
La sentenza del Tribunale

Pistoia: vigilante vince causa di lavoro. Reintegrato dopo tre anni

di Redazione - giovedì, 29 marzo 2018 18:07 - Cronaca

Stampa Stampa





PISTOIA – La battaglia legale è stata lunga, ma alla fine l’ha vinta. Una guardia giurata, 49 anni, è stata reintegrata nel posto di lavoro tre anni dopo il licenziamento e ora riceverà tutti gli arretrati dopo aver vinto una causa in tribunale. Il caso riguarda un vigilante in servizio presso Il Globo Vigilanza, società con sede a Pistoia, ed è arrivato in tribunale «grazie alla determinazione del nostro Rsa – spiega il responsabile regionale sicurezza per la Uiltucs, Gennaro Cotugno – e al sindacato di cui facciamo parte che ha assistito il lavoratore per tutti questi anni».

A far scattare il licenziamento del 49enne erano state alcune contestazioni per alcuni suoi presunti atteggiamenti non corretti sul luogo di lavoro, come ad esempio non aver apposto i bigliettini attestanti l’avvenuto servizio di controllo alle porte delle aziende. Contestazioni che, secondo il legale del vigilante, sarebbero state però troppo vaghe e non ben circostanziate. Da qui il ricorso presentato in tribunale che ha portato al risultato per il lavoratore pistoiese licenziato a maggio 2015 e seguito in questa battaglia, passo dopo passo, dall’avvocato Silvia Dal Pino, che con attenzione e professionalità ha curato il ricorso. «Le nostre battaglie – conclude Cotugno – continuano con una spinta in più, in particolare adesso dopo questo eccellente risultato che conferma la necessità e la bontà di questo genere di ricorsi per far valere i propri diritti».


https://www.firenzepost.it/2018/03/29/ ... eintegrato-dopo-tre-anni/

Data invio: 30/3/2018 7:53
Crea PDF dal messaggio Stampa


Re: Pistoia: vigilante vince causa di lavoro. Reintegrato dopo tre anni
Donatore GuardieInformate
Iscritto il:
5/2/2007 23:45
Da provincia BAT
Gruppo:
Utenti registrati
Addetto ai Sondaggi
Messaggi : 1884
Offline
___"A far scattare il licenziamento del 49enne erano state alcune contestazioni per alcuni suoi presunti atteggiamenti non corretti sul luogo di lavoro, come ad esempio non aver apposto i bigliettini attestanti l’avvenuto servizio di controllo alle porte delle aziende."___

Nell'era tecnologica, devono esistere ancora i bigliettini di controllo?!
Tra orologi elettronici e telecamere a gogò, è davvero sconfortante tale procedura.
E' vero che ci sono utenze "fissate" con sti benedetti bigliettini ma è anche vero che non è un elemento dissuasore per la delinquenza, in quanto, una volta posti, il ladro sa che siamo già passati e quindi può procedere tranquillamente nel suo intento criminale.
Inoltre, la stragrande maggioranza delle utenze ha già un sistema d'allarme radiocollegato con l' IV che garantisce una buona sicurezza contro eventuali intromissioni.
A mio avviso, i giri ispettivi "pazzi," senza una determinata ora sono da preferire in quanto, la gpg non da nessuna informazione sul suo passaggio e quindi è meno controllata.
Diverse volte mi è capitato di sorprendere dei ladri in fragranza di reato, proprio perchè ho volutamente modificato i miei giri.

Data invio: 30/3/2018 10:03
_________________
Un viaggio di mille miglia deve cominciare con un solo passo. (Lao Tzu)
Crea PDF dal messaggio Stampa


Re: Pistoia: vigilante vince causa di lavoro. Reintegrato dopo tre anni
Matricola
Iscritto il:
23/3/2010 15:56
Gruppo:
Utenti registrati
Messaggi : 37
Offline
Concordo in pieno con FFS.

Ho sempre pensato che avendo i passaggi di controllo anzichè fare da deterrente agevoliamo anzi l'azione criminosa per l'appunto col fatto che una volta che andiamo via sanno che da li per un bel pò non ci passeremo più.

Io la zona la lascerei completamente libera tra gli utenti, senza orari o controlli prefissati e soprattutto solo a passaggio con controllo visivo in modo che gli operatori siano liberi, se hanno dubbi su qualche situazione, di avere il tempo di fare accertamenti senza l'ansia di non finire tutto in tempo e di conseguenza essere anche liberi di intervenire più rapidamente su segnalazione d'allarme.

Il cliente paga e vuole avere una prova del passaggio ma allora c'è una mancanza di fiducia a priori verso il nostro servizio.
Anche le tasse che noi paghiamo allo Stato comprendono il servizio di sicurezza pubblica. Allora che facciamo? Per essere sicuro che li spendano bene anche li la volante dovrebbe lasciare una prova per ogni civico davanti a cui passa per far vedere che ha controllato?

E questo non cambia da privato a pubblico, ognuno in questo caso sta pagando per un servizio e ne vuole evidenza.

Data invio: 6/4/2018 14:30
Crea PDF dal messaggio Stampa



 Top   Discussione precedente   Discussione successiva

 Registrati per inviare messaggi



Invia la tua risposta?
Account*
Nome   Password    
Messaggio:*


Non puoi inviare messaggi.
Puoi vedere le discussioni.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Non puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Pubblicita

Disclaimer

"Questo portale viene aggiornato senza alcuna periodicità e non rappresenta una testata giornalistica né un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Gli autori non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali link o collegamenti posti all'interno del portale o del forum di discussione, o per i siti che forniscono link o collegamenti alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che questo portale fornisca eventuali collegamenti a siti esterni non implica tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli utenti sono i soli responsabili dei contenuti, contributi e commenti pubblicati; i moderatori si impegnano a rimuovere o oscurare i contenuti considerati falsi, lesivi di altrui dignità o diffamatori, ma data la natura interattiva degli strumenti utilizzati è impossibile operare un controllo in tempo reale di tutto il materiale pubblicati dagli utenti. Per segnalazioni o richieste di rimozione contenuti scrivere una mail all'indirizzo admin@guardieinformate.net con oggetto "Richiesta rimozione contenuti" "

Police Privacy di Guardieinformate