Naviga in questo forum:   1 Utenti anonimi


 In fondo   Discussione precedente   Discussione successiva  Registrati per inviare messaggi



Angela, guardia giurata: “Io, vittima di discriminazione, vado al lavoro col terrore”
Donatore GuardieInformate
Iscritto il:
5/8/2016 23:57
Da TORINO
Gruppo:
Utenti registrati
Collaboratore
Messaggi : 476
Offline
Di Silvia Manzani

“Vado a lavorare con l’ansia, con la paura degli attacchi di panico. Dopo quindici anni di professione, la mia pace è finita. A sei anni dalla pensione”. Angela (la chiameremo così) è una guardia giurata che si è rivolta alla Consigliera di parità della provincia di Ravenna per denunciare quello che da qualche mese sta subendo nell’azienda per cui lavora. Una discriminazione, a suo parere, cominciata dopo aver segnalato che a fare i turni non dovessero essere due colleghe non preposte a farlo: “Non sono stata al gioco, ci ho messo la faccia. E da quel momento sono iniziate le rappresaglie”.

Durante l’estate, al rientro dalle ferie, Angela ha trovato la sorpresa: “Cinque ronde notturne alla settimana, turni da sette ore in cui, da sola, devo presidiare diverse zone completamente buie del litorale, totalmente prive di sicurezza. Con tutti i colleghi uomini e giovani che ci sono, proprio me hanno scelto. Eppure il mio capo, in maniera spietata, mi ha fatto notare che ho scelto questo lavoro e questo mi tocca”.


Una botta forte, alla sua età e dopo tante dimostrazioni di attaccamento al lavoro e professionalità: “Ho sempre lavorato nella portineria di una grande azienda, sono sempre stata stimata e orgogliosa del mio mestiere. Ma quando è subentrata un’altra società alla precedente cooperativa e il personale è stato assorbito, sono iniziati i guai. Mi mandano in zone dove non si vede nulla, dove il telefono non prende. Mi hanno fatto fare piantonamenti con la mia macchina personale, non rendendomi riconoscibile come guardia giurata. Vivo nel terrore, mi stanno distruggendo la vita”.

Eppure Angela, che ha intrapreso le vie legali, sta continuando a lavorare senza ricorrere ai congedi per malattie: “Non voglio degradarmi, ho una dignità. Sono una mamma, una nonna, sono alle soglia dei sessant’anni. Non mi calpesteranno. Sono convinta di essere vittima di una discriminazione. Ma continuo a svolgere il mio lavoro nel migliore dei modi”.

http://www.emiliaromagnamamma.it/2017 ... do-al-lavoro-col-terrore/

Data invio: 8/10 1:24
_________________
Cadi sette volte, rialzati otto.
Crea PDF dal messaggio Stampa


Re: Angela, guardia giurata: “Io, vittima di discriminazione, vado al lavoro col terrore”
Donatore GuardieInformate
Iscritto il:
5/2/2007 23:45
Da provincia BAT
Gruppo:
Utenti registrati
Addetto ai Sondaggi
Messaggi : 1578
Offline
La frustrazione più pesante per una gpg è sentirsi dire: questo è il lavoro prendere o lasciare!
Questo modo di pensare e agire è un retaggio borbonico, dove gli abusi e soprusi vengono abilmente mascherati nel modus operandi.
Che il nostro lavoro sia "particolare" è indiscutibile ma che qualcuno, si permetta di forzare la mano a discapito di alcuni colleghi/e che contestano decisioni arbitrarie: è solo una volgare persecuzione!
Questi personaggi, usano la punizione (cambi di postazione/turni sballati/servizi improponibili ecc., ecc.) solo per infierire con chi ha il coraggio di dire la propria opinione.
La “Giustizia” deve sempre prevalere anche se il suo cammino è molto lento.
Forza Angela tieni duro, la tua battaglia è uguale a quella condotta da molte altre gpg!

Data invio: 8/10 13:06
_________________
Un viaggio di mille miglia deve cominciare con un solo passo. (Lao Tzu)
Crea PDF dal messaggio Stampa



 Top   Discussione precedente   Discussione successiva

 Registrati per inviare messaggi



Invia la tua risposta?
Account*
Nome   Password    
Messaggio:*


Non puoi inviare messaggi.
Puoi vedere le discussioni.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Non puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Pubblicita

Disclaimer

"Questo portale viene aggiornato senza alcuna periodicità e non rappresenta una testata giornalistica né un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Gli autori non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali link o collegamenti posti all'interno del portale o del forum di discussione, o per i siti che forniscono link o collegamenti alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che questo portale fornisca eventuali collegamenti a siti esterni non implica tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli utenti sono i soli responsabili dei contenuti, contributi e commenti pubblicati; i moderatori si impegnano a rimuovere o oscurare i contenuti considerati falsi, lesivi di altrui dignità o diffamatori, ma data la natura interattiva degli strumenti utilizzati è impossibile operare un controllo in tempo reale di tutto il materiale pubblicati dagli utenti. Per segnalazioni o richieste di rimozione contenuti scrivere una mail all'indirizzo admin@guardieinformate.net con oggetto "Richiesta rimozione contenuti" "

Police Privacy di Guardieinformate