Naviga in questo forum:   1 Utenti anonimi


 In fondo   Discussione precedente   Discussione successiva  Registrati per inviare messaggi



Vigilanza privata: nuova Circolare su certificazione e qualificazione del settore 
Webmaster
Iscritto il:
4/1/2007 19:21
Da VERONA
Gruppo:
Webmasters
Utenti registrati
Messaggi : 21809
Offline
Vigilanza privata: nuova Circolare su certificazione e qualificazione del settore 

Il Ministero dell’Interno invita Prefetti e Questori a maggiori controlli

Come anticipato a seguito dell’incontro del 28 giugno scorso tra Parti Sociali, Ministero dell’Interno e Ministero del Lavoro, è stata appena diramata la Circolare del Ministero dell’Interno - Dipartimento della Pubblica Sicurezza, datata 7 luglio 2016, avente ad oggetto “Istituti di vigilanza privata. Verifica dell’attuazione delle disposizioni del decreto del Ministro dell’interno 4 giugno 2014, n. 115, in materia di certificazione della qualità dei servizi e degli istituti di vigilanza privata e contrasto al fenomeno dell’abusivismo nel settore”.

La circolare, come annunciato, preso atto della situazione di forte ritardo nell’adeguamento, da parte degli istituti di vigilanza, alle prescrizioni in tema di certificazione introdotte dal DM 115/2014 (solo il 30% degli istituti, infatti, a quasi un anno dalla scadenza dei termini, risulta in regola con la certificazione), invita espressamente tutti i Prefetti ad adottare ogni iniziativa ritenuta opportuna, tenendo conto degli strumenti previsti dalla normativa di settore, che consente, come noto, l’adozione di diffide o di provvedimenti di natura sanzionatoria.

A tal proposito, si ricorda che, come chiarito dalla circolare dell’11 settembre 2014, l’eventuale provvedimento sanzionatorio non dovrà essere adottato in virtù di un automatismo in base all’esito del processo di verifica della conformità da parte dell’Organismo di certificazione indipendente, ma dovrà costituire sempre il risultato del processo di valutazione autonoma operato dall’Autorità di Pubblica Sicurezza, nell’ambito del quale il mancato rilascio o la revoca della certificazione costituisce uno dei presupposti.

Per quanto riguarda invece il fenomeno dell’attività di vigilanza svolta da soggetti non autorizzati e, di conseguenza, la reiterata richiesta di una corretta distinzione tra attività decretate e non, la circolare, pur ribadendo come il quadro normativo attuale sia da ritenersi sufficientemente chiaro e definito (si vedano, in proposito: l’art. 256 bis del Regolamento di esecuzione del Tulps; l’Allegato D, punto 3.B.1 del DM 269/2010; la Determinazione Anac n. 9 del 22 luglio 2015; il Vademecum Operativo diffuso con la circolare del Ministero dell’Interno del 24 marzo 2011, ecc.), invita tutti i Questori a dare maggiore impulso all’attività ordinaria di controllo svolta sul territorio, tenendo conto anche dell’apporto fornito dagli Organismi di certificazione della qualità, nonché delle segnalazioni provenienti dalle Parti Sociali, anch’esse sollecitate a fornire la massima collaborazione, segnalando eventuali situazioni di illegalità.

Infine, la circolare annuncia che, per i profili attinenti il rispetto delle condizioni di lavoro delle guardie giurate, il Dipartimento di Pubblica Sicurezza del Ministero dell’Interno è in procinto di avviare un apposito Tavolo di confronto con l’Autorità Nazionale Anticorruzione e il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

N.B. Ricordiamo a tutti gli istituti che ancora non dovessero essere completamente in regola con le procedure di certificazione le convenzioni in vigore tra FederSicurezza e gli Organismi di certificazione indipendente UNITER e AJA REGISTARS.

In allegato la Circolare del Ministero dell'Interno - Dipartimento di Pubblica Sicurezza, del 7 luglio 2016.


http://www.federsicurezza.it/news.aspx?newId=98

Allega:


pdf CIRCOLAREVERIFICADISPOSIZIONIDM115.pdf Dimensione: 284.30 KB; Letture: 336

Data invio: 8/7/2016 11:58
Crea PDF dal messaggio Stampa


Re: Vigilanza privata: nuova Circolare su certificazione e qualificazione del settore 
Donatore GuardieInformate
Iscritto il:
5/2/2007 23:45
Da provincia BAT
Gruppo:
Utenti registrati
Addetto ai Sondaggi
Messaggi : 1871
Offline
Quant'è bella l'Italia...
Si fanno le leggi e poi si scarica sui prefetti e i questori la decisione di applicarle interamente o meno a seconda dei casi.
Ecco qual'è la differenza di serietà tra noi e i paesi del nord!
Leggi chiare e interpretazioni discrezionali.
La chiarezza e l'applicabilità univoca..., prima di tutto!
Il resto è solo fumo, fumo e nient'altro.

Data invio: 8/7/2016 13:45
_________________
Un viaggio di mille miglia deve cominciare con un solo passo. (Lao Tzu)
Crea PDF dal messaggio Stampa


Re: Vigilanza privata: nuova Circolare su certificazione e qualificazione del settore 
Guru
Iscritto il:
26/6/2007 17:03
Gruppo:
Utenti registrati
Messaggi : 2945
Offline
Le leggi vanno rispettate e basta. Ancora con la storia del rispetto? Chi non rispetta le regole deve essere sbattuto fuori del mercato del lavoro e basta. Io voglio sapere cosa devo fare e basta. Il portire deve sapere quello che deve fare e basta. Ma a chi propone leggi, decreti, circolari e quant'altro continua imperterrito a generare e far confusione e Non far rispettare le regole e...Non basta.

Data invio: 9/7/2016 8:59
_________________
L'Utopia mi spinge ad affermare che con persone giuste -al posto giusto- si potrebbero raggiungere miglioramenti delle problematiche nel Mondo...Tant'è ...Che Non è Così!
Io dico: la vita è una sola, la si deve rispettare!!
Crea PDF dal messaggio Stampa



 Top   Discussione precedente   Discussione successiva

 Registrati per inviare messaggi



Invia la tua risposta?
Account*
Nome   Password    
Messaggio:*


Non puoi inviare messaggi.
Puoi vedere le discussioni.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Non puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Pubblicita

Disclaimer

"Questo portale viene aggiornato senza alcuna periodicità e non rappresenta una testata giornalistica né un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Gli autori non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali link o collegamenti posti all'interno del portale o del forum di discussione, o per i siti che forniscono link o collegamenti alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che questo portale fornisca eventuali collegamenti a siti esterni non implica tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli utenti sono i soli responsabili dei contenuti, contributi e commenti pubblicati; i moderatori si impegnano a rimuovere o oscurare i contenuti considerati falsi, lesivi di altrui dignità o diffamatori, ma data la natura interattiva degli strumenti utilizzati è impossibile operare un controllo in tempo reale di tutto il materiale pubblicati dagli utenti. Per segnalazioni o richieste di rimozione contenuti scrivere una mail all'indirizzo admin@guardieinformate.net con oggetto "Richiesta rimozione contenuti" "

Police Privacy di Guardieinformate