Naviga in questo forum:   1 Utenti anonimi


 In fondo   Discussione precedente   Discussione successiva  Registrati per inviare messaggi

« 1 (2) 3 4 5 ... 12 »


Re: Pirateria: Pdl, vigilantes anti-arrembaggio sulle navi italiane
Webmaster
Iscritto il:
4/1/2007 19:21
Da VERONA
Gruppo:
Webmasters
Utenti registrati
Messaggi : 21914
Offline
ma che dite?
chi e' preparato per affrontare i pirati?
e poi per 1200 € al mese
ma per favore...

Data invio: 9/2/2011 19:10
Crea PDF dal messaggio Stampa


Re: Pirateria: Pdl, vigilantes anti-arrembaggio sulle navi italiane
Webmaster
Iscritto il:
4/1/2007 19:21
Da VERONA
Gruppo:
Webmasters
Utenti registrati
Messaggi : 21914
Offline
Pirateria somala: Pdl preme per servizi armati privati a bordo navi mercantili
Inserito il 09 febbraio 2011 alle 16:22:00 da ferpel. IT - Esteri

Un evidente pressing quello dei parlamentari del centrodestra che ha poi, trovato la sponda nel ministro della Difesa, Ignazio La Russa. “Credo che la soluzione migliore sia una modifica normativa per equiparare le navi alle banche, che hanno bisogno di sicurezza che viene gestita da guardie giurate”, ha affermato il ministro.

In Italia è allarme per le navi italiane in giro per il mondo. Ieri l’ultimo episodio che ha visto protagonista la 'Savina Caylyn', petroliera italiana finita nelle mani dei pirati somali con 22 marinai a bordo, dei quali 5 italiani. Un episodio che ha innalzato di nuovo al rosso l’allerta per le navi italiane in navigazione nei mare del mondo. Dopo questo nuovo episodio di pirateria marittima in Italia si sta rispolverando l’idea di imbarcare Vigilantes anti-arrembaggio a bordo delle navi mercantili italiane. Uomini armati privati, dei contractor di fatto, che dovrebbero rendere sicura la navigazione delle navi italiane specie nelle acque infestate dai pirati. L’idea è fortemente sostenuta dal Pdl che in merito ha già presentato quattro proposte di legge sia alla Camera sia al Senato. I servizi armati di vigilanza a bordo dei loro mercantili li hanno adottati solo gli spagnoli in quanto la loro legislazione vieta che militari armati possano essere imbarcati su navi commerciali. Mentre francesi e belgi hanno optato, per la protezione delle loro navi mercantili, all’imbarco sulle medesime dei militari delle loro rispettive marine. Anche all’Italia nulla vieta di proteggere i propri connazionali e naviglio con militari della marina. Anzi è il contrario. In Italia non vi sono strumenti legislativi che consentano, alle navi mercantili, di imbarcare personale di sicurezza privato. Però, stranamente i parlamentari del Pdl firmatari delle iniziative di legge, e non solo, si stanno preoccupando di creare i presupposti contrari. Giusto ieri, nel giorno del sequestro della petroliera italiana, il senatore, Enrico Musso, gruppo Misto, ha sollecitato di calendarizzare la discussione del disegno di legge in materia di scorte armate alle unità mercantili e da pesca italiane. Il parlamentare ha definito questo ritardo come una colpevole inerzia del Parlamento, totalmente ingiustificata di fronte ad un fenomeno dilagante che costituisce un rischio per l'incolumità dei lavoratori marittimi e un significativo aumento dei costi della navigazione e del commercio internazionale. Il riferimento è al ddl presentato nel maggio 2010 da un gruppo di parlamentari. Un disegno di legge, che a detta di Musso, giace nelle due Commissioni alle quali è stato assegnato senza, di fatto, essere ancora stato preso in esame. Il senatore Musso non fa però, alcun accenno invece, al piano relativo all'impiego dei militari italiani su navi mercantili, predisposto lo scorso anno dallo Stato maggiore della Marina Militare e a cui i ministeri della Difesa e Infrastrutture non hanno mai dato risposta. Dello stesso avviso di Musso anche l’On Michele Scandroglio, Pdl, che ha chiesto di inserire urgentemente nei lavori della Commissione affari costituzionali la medesima proposta di legge. In più Scandroglio ha aggiunto: “Quello da noi proposto è un provvedimento a costo zero per il bilancio dello Stato e che metterebbe in sicurezza le navi italiane, sempre più spesso coinvolte in questo crescente fenomeno degli attacchi da parte dei pirati. E' un'iniziativa a nostro avviso indispensabile per garantire il diritto alla sicurezza e per scongiurare il rischio che l'armamento italiano si trovi nella condizione di dovere immatricolare le proprie unità con la bandiera di altro Stato, magari dell'Unione europea, con le evidenti negative ricadute economiche, fiscali e occupazionali che ne deriverebbero per il nostro Paese”. Un evidente pressing quello dei parlamentari del centrodestra che ha poi, trovato la sponda nel ministro della Difesa, Ignazio La Russa anche lui Pdl. Il ministro La Russa ha affermato che il governo sta valutando l'ipotesi di militari sulle navi mercantili che attraversano zone infestate dai pirati, ma non nasconde la sua perplessità, su quale fondamento non si capisce però, e preferisce l'idea dei contractor. Il ministro ha basato la sua affermazione spiegando che: “Credo che la soluzione migliore sia una modifica normativa per equiparare le navi alle banche, che hanno bisogno di sicurezza che viene gestita da guardie giurate”. Un affermazione, quella di La Russa, che è evidentemente in linea con il suo partito. Ancora il ministro ha spiegato che: “Mi pare difficile che militari possano essere sotto il comando di un pur bravo comandante civile mercantile”. Qui ci scappa un sorriso. Non esiste che militari siano posti al comando di un civile ed infatti, chi ha adottato questa misure, vedi Francia, Belgio e ultimamente la Corea del Sud, ha imbarcato una squadra al comando di un sottoufficiale e solo a lui fanno capo. Inoltre, finchè non vi sono atti di aggressione da parte dei pirati essi non hanno alcuna funzione sulla nave mercantile. Come se non ci fossero. Inoltre, il Belgio ha addirittura imposto agli armatori che ne richiedono l’ausilio il pagamento di una quota per il mantenimento dei militari a bordo delle navi mercantili. Cosa che infatti, è anche previsto nel piano relativo all'impiego dei militari italiani su navi mercantili predisposto dallo Stato maggiore della Marina Militare in collaborazione con Confitarma. Un piano, consegnato lo scorso anno ai ministeri competenti, che prevede tra l’altro, l'imbarco di piccoli gruppi di militari della marina e che a sostenere i costi di queste ‘scorte’, in tutto o in parte, siano gli stessi armatori. In tal senso Confitarma, da tempo, sollecita il Governo a dare il via libera a questo piano che inspiegabilmente resta chiuso in un cassetto, mentre dall’altro lato si spinge per iniziative parlamentarti che escludono il ricorso a militari professionisti dando spazio a civili armati. Appare una forzatura quando qualcuno in Italia afferma che le navi italiane sono esposte ai rischi e pericoli della pirateria marittima perché non vi è una legislatura che consentano alle navi mercantili di imbarcare personale di sicurezza privato. Senza chiedersi invece, perché il legislatore non ha dotato l’ordinamento italiano di strumenti legislativi in tal senso. Indubbiamente qualcosa deve essere fatto e anche al più presto. Ormai è chiaro che il fenomeno e la conseguente problematica inerente è in forte crescita. I dati parlano chiaro, si registra un aumento degli attacchi e dei sequestri. E’ chiaro che il forte dispiegamento di navi militari internazionale non basta più a garantire la sicurezza dei mercantili quando attraversano i mari infestati dai pirati. Purtroppo, specie nel mare della Somalia e Oceano Indiano, oggi epicentri della pirateria marittima, quest’area da pattugliare è così ampia che il lavoro, che nemmeno 500 navi potrebbe svolgere, lo può fare una flotta di una quarantina di navi da guerra. Allora a questo punto occorre attuare misure complementari, ma che certo non favoriscano eventuali speculazioni. L’opzione di adottare scorte militari a bordo delle navi è valida. Però, è pur sempre una misura che da un lato aumenterebbe la sicurezza, ma dall’altro potrebbe provocare una reazione degli assalitori, che sapendo della presenza di guardie armate a bordo, potrebbero fare uso delle loro armi non più a scopo intimidatorio, come accade ora, ma per colpire. In questo caso, si comincerebbero a contare, dopo le navi e i marinai tenuti in ostaggio anche quanti ne vengono uccisi nel corso degli arrembaggio. Occorre valutare fino a che punto tutto ciò converebbe. Poi, va fatta anche un’altra considerazione. Quando si parla di guardie private a bordo delle navi erroneamente si porta a pensare a quelle che si vedono in giro per le città. Invece, non è così, ci si riferisce ai cosiddetti contractor, le guardie private ‘famose’ nel mondo per il loro modo di fare spiccio e che a volte ha portato a l’uccisione di tante vittime innocenti, come in Iraq. Nel caso invece di militari della marina si parla di personale addestrato e professionalmente qualificato. Non dimenticandosi che i militari italiani hanno fama nel mondo per la loro capacità interlocutoria e mediatoria, come in Afghanistan. Forse una soluzione più valida potrebbe venire dall’istituzione di un tribunale internazionale. Un’idea questa fortemente voluta da molti Paesi, Russia in testa, ma osteggiata da altri, Somalia in testa. Eppure è risaputo che le gang del mare che operano nel mare del Corno D’Africa sono sei o sette e al loro soldo non vi sono che 1500 al massimo 2mila uomini. Purtroppo accade spesso che, per l'assenza di un quadro legale internazionale, spesso se dei pirati vengono catturati, questi poi vengono rimessi in libertà. Un fatto questo che da loro la certezza dell’impunità e limita molto l’azione deterrente della flotta internazionale presente nel loro mare. Nel senso che se vengono presi sanno che non gli viene fatto nulla. Infatti, senza una regolamentazione internazionale i vari Paesi si regolano individualmente e nella gran parte dei casi si limitano a trattenerli per qualche giorno. Inoltre, se una nave mercantile viene catturata, nessuna nave militare delle varie missioni anti pirateria può intervenire in alcun modo. Si deve limitare solo a monitorarne la situazione. Un fatto questo che provoca da parte dei pirati un’ulteriore certezza dell’impunità. A testimoniarlo gli sberleffi e gesti di sfida che i pirati lanciano alle navi militari quando queste giungono nei pressi della nave mercantile ormai catturata. Due grossi limiti a cui pare che i parlamentari italiani non siano interessati visto che in tal senso non hanno alimentato alcun dibattimento. Intanto, i pirati somali continuano i loro attacchi nel mare del Corno d’Africa e nell’Oceano Indiano. Un azione che mette a rischio la libera navigazione specie per le navi commerciali dei Paesi occidentali che attraverso il canale di Suez raggiungono l’altro ‘capo del mondo’.
Ferdinando Pelliccia

Letto : 30 | Torna indietro


Vuoi commentare la notizia? Invia una mail a redazione@liberoreporter.it

http://www.liberoreporter.it

Data invio: 9/2/2011 19:11
Crea PDF dal messaggio Stampa


Re: Pirateria: Pdl, vigilantes anti-arrembaggio sulle navi italiane
Matricola
Iscritto il:
20/12/2007 14:21
Da Torino
Gruppo:
Utenti registrati
Messaggi : 13
Offline
Speriamo che questa novità dia anche una svolta per una possibile riforma del ruolo. Anche se sono scettico, comunque più posti di lavoro è sempre una buona notizia...secondo voi le guardie giurate verranno dotate di mitra o fucili? Non la vedo intelligente affrontare pirati armati di kalashnikov con la sola beretta e poi spero che siano due le guardie sulla nave(anche qui sono scettico)...non trovate??

Data invio: 9/2/2011 20:40
Crea PDF dal messaggio Stampa


Re: Pirateria: Pdl, vigilantes anti-arrembaggio sulle navi italiane
Esperto
Iscritto il:
30/1/2009 23:32
Da ovunque ed in nessun posto!
Gruppo:
Utenti registrati
Messaggi : 503
Offline
e da ridere tutto ciò, sia per le vostre risposte sia per quello che vale la gpg ma, allo stesso tempo mi incazzo pure.
meglio le gpg che i militari dice l'illustrissimo ministro?
perchè le gpg costano meno? se le gpg son state nominate, quindi per lo stato son presenti ma di poco conto. "mettiamo le gpg tanto son carne da macello"
ma smettiamola! fatevi valere invere di essere sempre sfruttati!
e poi rispondendo a PEX85, chi darà fucili e mitra alle gpg in servizio sulle navi?
non siete statali, non venite pagate dallo stato, ma solo arrangiarvi con le vostre semiautomatiche e con limitazioni sulle cartucce per lo più a spese vostre!
SVEGLIA!

Data invio: 9/2/2011 21:00
Crea PDF dal messaggio Stampa


Re: Pirateria: Pdl, vigilantes anti-arrembaggio sulle navi italiane
Webmaster
Iscritto il:
4/1/2007 19:21
Da VERONA
Gruppo:
Webmasters
Utenti registrati
Messaggi : 21914
Offline
apparte che una roba cosi non andra' mai in porto,e cmq dato che siamo in Italia..e tutto e' possibile,i primi piu soggetti saranno i colleghi che lavorano nelle citta' di mare.
Se mai la mia azienda dovesse prendere un appalto del genere vorra' dire che sara' la volta buona che mi licenzio,
gia siamo carne da macello,diventare anche cibo per pirati e' il colmo..
riflettete bene su quello che siamo e quanto contiamo,rambo lasciamolo a Stallone e ai film americani.

Data invio: 9/2/2011 21:06
Crea PDF dal messaggio Stampa


Re: Pirateria: Pdl, vigilantes anti-arrembaggio sulle navi italiane
Esperto
Iscritto il:
10/5/2008 21:36
Da roma
Gruppo:
Utenti registrati
Messaggi : 1193
Offline
MA LASCIAMO STARE CAPITANO UNCINO e pensassero alla riforma delle guardie in ITALIA ED IL CONTRATTO NAZIONALE peter pan non è daccordo dice che ci pensa lui non le GUARDIE GIURATE per queste cose quando c'è da sacrificare una vita pensano alle guardie e non gli bastano i caduti in italia ma ci andassero loro a giocare alla guerra cosi noi facciamo comodo? ma andate a fa....o che non vi siete degnati di dire uno stralcio di parola per i colleghi caduti e di tutti gli assalti ai porta valori e feriti siamo il nulla qui immaginate in mezzo all'oceano che film hanno visto RAMBO mandateci gli steuard ONORE EGLORIA AI CADUTI si carnevale sta arrivando e arrivano le PAGLIACCIATE dimostrate veramente che volete fare qualcosa per noi. le gpg di morti gia danno in italia ONOREEEEEE E RISPETTO

Data invio: 9/2/2011 21:13
Crea PDF dal messaggio Stampa


Re: Pirateria: Pdl, vigilantes anti-arrembaggio sulle navi italiane
Esperto
Iscritto il:
10/5/2008 21:36
Da roma
Gruppo:
Utenti registrati
Messaggi : 1193
Offline
risparmiano sui FUNERALI DI STATO pex85 MA DAVVERO vorresti incontrare CAPITANO UNCINO?con mitra mortaletti e bombe a mano anzi con qualche razzo terra aria da come ai formulato la domanda sembra che ne fossi entusiasta credimi la realtà è tutt'altro e perdona il mio sarcasmo ma ste cose si vedono nei film da guerra. RIFATECE ER CONTRATTO SCADUTO poi pensamo alle favolette

Data invio: 9/2/2011 21:29
Crea PDF dal messaggio Stampa


Re: Pirateria: Pdl, vigilantes anti-arrembaggio sulle navi italiane
Maestro
Iscritto il:
15/7/2007 6:22
Da Genova
Gruppo:
Utenti registrati
Messaggi : 413
Offline
fucili, mitra, mmmhhh
una gpg ed uno o due portieri al massimo a fronteggiare i pirati, questo sarà quallo che nella migliore delle ipotesi accadrà

anni fa scortammo una cinquantina di respinti, ci imbarcammo a Genova tre gpg e cinque portieri, noi gpg rigorosamente disarmate, li prendemmo in carico dopo averli registrati uno per uno assieme alla Polmare, poi al momento della partenza della nave la Polmare è scesa e ce li hanno mollati a noi fino al rimpatrio e si deve solo essere conteti che questi sono stati bravi una settimana senza fare casino.

Se la cosà andrà in porto per noi saranno solamente guai e piangeremo dei morti

Data invio: 9/2/2011 23:24
_________________
Un Popolo per giungere alla potenza ha bisogno della Disciplina
Crea PDF dal messaggio Stampa


Re: Pirateria: Pdl, vigilantes anti-arrembaggio sulle navi italiane
Matricola
Iscritto il:
2/3/2010 22:00
Gruppo:
Utenti bloccati
Messaggi : 3
Offline
Scusa Gringo, e tu pensi che cio accada? Ovvero ci farebbero fare dei corsi anti-arrembaggio? io ne dubito.

Data invio: 10/2/2011 0:34
Crea PDF dal messaggio Stampa


Re: Pirateria: Pdl, vigilantes anti-arrembaggio sulle navi italiane
Donatore GuardieInformate
Iscritto il:
8/11/2010 6:25
Da Lombardia
Gruppo:
Utenti registrati
Collaboratore
Donatori
Messaggi : 6295
Offline
in effetti si creerebbero nuovi posti di lavoro,però per come veniamo considerati e pagati e pure trattati,,forse forse e meglio che se la sbrighino i nostri statali,va a finire che ci mandano come al solito allo sbaraglio senza preparazione alcquna,magari uno o due al massimo con la nostra sola pistoletta contro i pirati,,e ci mancano solo i pirati adesso per crearci guai,già se non ne avessimo abbastanza di grane a cui pensare....

Data invio: 10/2/2011 1:24
Crea PDF dal messaggio Stampa



 Top   Discussione precedente   Discussione successiva
« 1 (2) 3 4 5 ... 12 »

 Registrati per inviare messaggi



Invia la tua risposta?
Account*
Nome   Password    
Messaggio:*


Non puoi inviare messaggi.
Puoi vedere le discussioni.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Non puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Pubblicita

Disclaimer

"Questo portale viene aggiornato senza alcuna periodicità e non rappresenta una testata giornalistica né un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Gli autori non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali link o collegamenti posti all'interno del portale o del forum di discussione, o per i siti che forniscono link o collegamenti alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che questo portale fornisca eventuali collegamenti a siti esterni non implica tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli utenti sono i soli responsabili dei contenuti, contributi e commenti pubblicati; i moderatori si impegnano a rimuovere o oscurare i contenuti considerati falsi, lesivi di altrui dignità o diffamatori, ma data la natura interattiva degli strumenti utilizzati è impossibile operare un controllo in tempo reale di tutto il materiale pubblicati dagli utenti. Per segnalazioni o richieste di rimozione contenuti scrivere una mail all'indirizzo admin@guardieinformate.net con oggetto "Richiesta rimozione contenuti" "

Police Privacy di Guardieinformate