Naviga in questo forum:   1 Utenti anonimi


 In fondo   Discussione precedente   Discussione successiva  Registrati per inviare messaggi

« 1 (2) 3 »


Re: Certificazione a norma – Parte seconda
Utente Vip
Iscritto il:
8/5/2008 0:19
Gruppo:
Utenti registrati
Utente Vip
Moderatore Armi e Dotazioni.
Messaggi : 926
Offline
Citazione:

Bafometto ha scritto:
... A dire il vero, sarebbe stato più corretto titolare con “Parte terza” questo attuale thread, ma la “parte seconda” è stata rimossa dall’Amministratore, perché con la mia risposta (simile a questa ma più mirata), non mi adeguavo alla pubblicità di una di queste aziende certificatrici sponsorizzata anche in questo sito (niente di personale Admim, ma mi pare di dire il vero)....


Seguo molto poco le discussioni che si pubblicano al di fuori della stanza delle armi...
Dalla data della mia registrazione su questo forum (2007), il 90% dei miei interventi è stato concentrato sull'argomento armi!
In quella stanza ho avuto anche il privilegio e l'onore, a cui oggi ho però rinunciato, di espletare la funzione di moderatore.
Quanto sopra citato, di cui sconosco assolutamente l'originario contenuto, è una cosa molto spiacevole
Nel 2008, nonostante la crisi economica che già a quella data era in atto, ho abbandonato la mia "carriera" di GpG, proprio per questo modo non chiaro di intendere la vigilanza privata e tutto ciò che ad essa ruota intorno internamente ed esternamente!

Data invio: 1/4/2012 15:28
_________________
Con la sua Glock 17, Gaston Glock ha introdotto l'unica vera "rivoluzione" nel mondo delle armi corte, dai tempi di John Moses Browning, ai giorni nostri.
Crea PDF dal messaggio Stampa


Re: Certificazione a norma – Parte seconda
Esperto
Iscritto il:
3/2/2012 19:23
Gruppo:
Utenti registrati
Messaggi : 697
Offline
Doveroso chiarire la questione per non lasciare ne dubbi o sospetti.

Data invio: 1/4/2012 18:18
Crea PDF dal messaggio Stampa


Re: Certificazione a norma – Parte seconda
Guru
Iscritto il:
26/6/2007 17:03
Gruppo:
Utenti registrati
Messaggi : 2945
Offline
Condivido quanto post. Da Bafometto, e il dire e ridire per l'ennesima volta: "purtroppo in Italia le cose vanno così"...è cosa conosciuta e che si perde nella notte dei tempi del modo di affrontare e portare a fatti concreti oppure disgreganti dell'italico pensiero. "Stò bene io fin quanto posso approfittare approfitto". Cosicchè la credibilità del popolo italiano -la dobbiamo sempre dimostrare davanti a tutti- è sempre messo in discussione dai nostri politici/burocrati in campo Nazionale (con tutto quello che ad es. deriva a livello sociale), Europeo (con le molteplici multe che ci proprina Bruxelles in svariati settori e non ULTIMO come LA VIGILANZA PRIVATA)e Mondiale (situazione giudiziaria dei Marinai del San Marco), quindi? Il concetto o per meglio dire il modo di operare - perchè questo è- è di SFRUTTARE nel campo della vigilanza le G.p.g. per il contributo che danno alla base della sicurezza in uno Stato che non riesce a far percepire la Sicurezza non solo personale e collettiva, attraverso le proprie istituzioni e forze preposte, ma anche economica che porta a non garantire i controlli necessari a far funzionare correttamente le cose nel Belpaese.

Data invio: 1/4/2012 18:18
_________________
L'Utopia mi spinge ad affermare che con persone giuste -al posto giusto- si potrebbero raggiungere miglioramenti delle problematiche nel Mondo...Tant'è ...Che Non è Così!
Io dico: la vita è una sola, la si deve rispettare!!
Crea PDF dal messaggio Stampa


Re: Certificazione a norma – Parte seconda
Guru
Iscritto il:
26/6/2007 17:03
Gruppo:
Utenti registrati
Messaggi : 2945
Offline
Sulla certificazione Uni En Iso 9001, penso che sia una cosa "internos", se la cantano e se la suonano da soli -gli Ivp- invece chi dovrebbe essere preposto al controllo vero anche di chi effettua le certificazioni è latitante.

Data invio: 1/4/2012 21:56
_________________
L'Utopia mi spinge ad affermare che con persone giuste -al posto giusto- si potrebbero raggiungere miglioramenti delle problematiche nel Mondo...Tant'è ...Che Non è Così!
Io dico: la vita è una sola, la si deve rispettare!!
Crea PDF dal messaggio Stampa


Re: Certificazione a norma – Parte seconda
Donatore GuardieInformate
Iscritto il:
25/4/2008 13:25
Da Nord(Napoli nel cuore!)
Gruppo:
Utenti registrati
Messaggi : 3247
Offline
Io concordo pienamente tutti vostri pensieri.
Secondo me il problema e'sempre e solo lo stesso,troppi Ivp in Italia da controllare.Gli organi di controllo con tutta la buona volonta'che hanno,ma non riescono a gestire e controllare con i mezzi a disposizione tutti gli istituti presenti sul territorio.Allora,come gia'detto in precedente discussione,si devono diminuire sensibilmente il numero di Ivp facendo assorbire i piccoli(quelli dove ci sono piu'problemi organizzativi e tirannie varie)da quelli piu'grandi e importanti:
1)Si riduce la tirannia e la sudditanza(mha!).
2)Si "gioca"piu'a carte scoperte,quindi questi Ivp ridotti sensibilmente,fanno si'che gli organi effettuino controlli(si spera)piu'mirati.
3)Noi guardie verremmo a conoscenza di eventuali abusi,che oggi ci "mostrano" nascosti,che sicuramente escono a galla piu'facilmente.

Data invio: 20/4/2012 15:44
_________________
Tutti sappiano che cio' che ho in animo non e' capriccio
di persona, non e' libidine di Governo, non e' passione ignobile, ma e' soltanto
amore sconfinato e possente per la PATRIA...
B.Mussolini.
Crea PDF dal messaggio Stampa


Re: Certificazione a norma – Parte seconda
Guru
Iscritto il:
21/12/2007 13:07
Gruppo:
Utenti registrati
Utente Vip
Messaggi : 4497
Offline
il punto è che è proprio il governo a non volerci organizzati e professionali; ed è proprio per questo che fa andare così la questione, riuscendo pure a far spacciare per una mala organizzazione, quello che invece è una organizzazione di poteri forti a tavolino.

Data invio: 20/4/2012 15:54
Crea PDF dal messaggio Stampa


Re: Certificazione a norma – Parte seconda
Donatore GuardieInformate
Iscritto il:
25/4/2008 13:25
Da Nord(Napoli nel cuore!)
Gruppo:
Utenti registrati
Messaggi : 3247
Offline
"La disciplina deve cominciare dall'alto,se si vuole che sia rispettata in basso"...

Data invio: 20/4/2012 16:07
_________________
Tutti sappiano che cio' che ho in animo non e' capriccio
di persona, non e' libidine di Governo, non e' passione ignobile, ma e' soltanto
amore sconfinato e possente per la PATRIA...
B.Mussolini.
Crea PDF dal messaggio Stampa


Re: Certificazione a norma – Parte seconda
Esperto
Iscritto il:
13/6/2008 7:37
Gruppo:
Utenti registrati
Messaggi : 1143
Offline
LUMAX non sono d'accordo, primo perché non li fanno proprio i controlli. Dalle mie parti ci sono una ventina di istituti e non mi venire a dire che sono troppi da controllare!? Il problema invece è che siccome alcuni istituti grossi fanno come gli pare perché probabilmente hanno degli agganci all'interno di chi dovrebbe controllare e far rispettare le regole allora nessuno interviene per non scatenare una guerra a catena di ripicche e denunce, meglio non muovere le acque se sotto c'è del zozzo!!

Data invio: 20/4/2012 18:05
Crea PDF dal messaggio Stampa


Re: Certificazione a norma – Parte seconda
Esperto
Iscritto il:
13/6/2008 7:37
Gruppo:
Utenti registrati
Messaggi : 1143
Offline
Altro punto è che uno o più dipendenti facilmente possono ribellarsi ad un pìccolo imprenditore, ma nulla possono contro grossi istituti dove neanche se ne accorgono di una vertenza sindacale. Quindi per me meglio tanti piccoli che pochi grossi. In più quando c'hanno problemi quelli grossi sono guai grossi per tanti, troppi e difficilmente si riescono a riassorbire centinaia e centinaia di lavoratori disoccupati.

Data invio: 20/4/2012 18:13
Crea PDF dal messaggio Stampa


Re: Certificazione a norma – Parte seconda
Esperto
Iscritto il:
13/6/2008 7:37
Gruppo:
Utenti registrati
Messaggi : 1143
Offline
Comunque per me queste certificazioni di presunte qualità sono solo un modo per spillare soldi a piccoli imprenditori già in grosse ed evidenti difficoltà , mentre servono ad agevolare sempre i grossi gruppi che li usano solo come specchietti per le allodole.
Parlano di soddisfazione del cliente, di gestione cartacea e di modulistica, qualche cavolata in merito alla sicurezza e niente più. Invece ci vorrebbero poche regole ben precise e fatte rispettare dagli organi competenti. Ma invece come al solito chi più soldi ha più sta a posto con la Legge.

Data invio: 20/4/2012 18:33
Crea PDF dal messaggio Stampa



 Top   Discussione precedente   Discussione successiva
« 1 (2) 3 »

 Registrati per inviare messaggi



Invia la tua risposta?
Account*
Nome   Password    
Messaggio:*


Non puoi inviare messaggi.
Puoi vedere le discussioni.
Non puoi rispondere.
Non puoi modificare.
Non puoi cancellare.
Non puoi aggiungere sondaggi.
Non puoi votare.
Non puoi allegare files.
Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

[Ricerca avanzata]


Pubblicita

Disclaimer

"Questo portale viene aggiornato senza alcuna periodicità e non rappresenta una testata giornalistica né un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Gli autori non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali link o collegamenti posti all'interno del portale o del forum di discussione, o per i siti che forniscono link o collegamenti alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che questo portale fornisca eventuali collegamenti a siti esterni non implica tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli utenti sono i soli responsabili dei contenuti, contributi e commenti pubblicati; i moderatori si impegnano a rimuovere o oscurare i contenuti considerati falsi, lesivi di altrui dignità o diffamatori, ma data la natura interattiva degli strumenti utilizzati è impossibile operare un controllo in tempo reale di tutto il materiale pubblicati dagli utenti. Per segnalazioni o richieste di rimozione contenuti scrivere una mail all'indirizzo admin@guardieinformate.net con oggetto "Richiesta rimozione contenuti" "

Police Privacy di Guardieinformate