In fondo   Discussione precedente   Discussione successiva

(1) 2 3 4 ... 16921 »


Federazione Operatori di Polizia e Guardie Giurate quali Protocolli di sicurezza sanitaria?
Donatore GuardieInformate
Iscritto il:
23/6/2016 13:01
Da Parma
Gruppo:
Utenti registrati
Messaggi : 322
Offline
La Redazione del VaresePress di Roma, ha ricevuto la nota con cui il Sindacato Europeo Lavoratori – Federazione Operatori di Polizia, grazie al parere di uno dei suoi consulenti tecnici, Ennio Pietrangeli – Esperto di Terrorismo Internazionale, ha sensibilizzato il Ministero dell’interno con la di seguito missiva.
“Alla Cortese Attenzione di Sua Eccellenza Ministro dell’Interno
questa organizzazione sindacale, SEL, è a chiedere con urgenza l’attivazione dei protocolli di sicurezza sanitaria così come previsti dal protocollo internazionale Homeland Security, sentito il parere del nostro consulente tecnico, Ennio Pietrangeli – Esperto di Terrorismo Internazionale, il quale ritiene che per proteggersi veramente da questo virus, visto i numerosi casi crescenti sul territorio nazionale, visto che sappiamo essere resistente sulle cose materiali per n. 7 gg ed ha una incubazione di n. 20 gg, come relazione tecnica medico legale a firma di numerosi virologhi, essendo esistente un unico metodo di protezione, cioè il kit per la SARS, tuta e maschera tipo ANTIGAS, risultando ciò impraticabile al momento ai fini dell’ordine pubblico, al fine di garantire però il contenimento della pandemia, nonché l’efficienza dell’apparato di sicurezza pubblica e privata, siamo a chiedere alcune primarie linee guida, operative e di dotazioni obbligatorie per chi lavora in luoghi a rischio, come Pronto Soccorso, Stazioni Ferroviarie, Trasporti Terrestri, Aeroporti, ecc, istruendoli e dotandoli obbligatoriamente, come segue:
INDOSSARE SEMPRE I GUANTI,
USARE IN CASO AMUCHINA,
LAVARSI SPESSO LE MANI
(il lavaggio va fatto almeno di 3 minuti con acqua tiepida fino all’avambraccio e sapone),
-NON PORTARE NELLE DIMORE PRIVATE LE UNIFORMI
(in caso di SOSPETTO contatto, le uniformi andrebbero trattatate con detersivi antibatterici fuori dall’ambiente domestico e per gli operatori ordinati nei servizi anzidetti, consigliare il cambio uniformi sul luogo di lavoro, dotando gli stessi di sacche monouso per le uniformi da igienizzare in caso di sospetto contatto, nonché la possibilità di effettuare una doccia in occasione di cambio),
TENERE AL SEGUITO DURANTE IL SERVIZIO ALCUNE MASCHERINE MONOUSO IN TASCA, GUANTI IN LATTICE MONOUSO, SALVIETTE A BASE DI AMUCHINA.
DA NOTARE CHE :
Il virus si trasmette per via aerea, con lo starnuto e ogni liquido corporeo, quindi anche un colpo di tosse è sufficiente alla trasmissione.
E’ opportuno ricordare che i soggetti colpiti possono essere asintomatici e non avere sintomi, essendo però contagiosi.
Certi di un veloce intervento, restiamo a disposizione per qualsiasi chiarimento nell’interesse della sicurezza nazionale.
Per
Il Sindacato Europeo Lavoratori – Federazione Operatori di Polizia

Fonte: https://varesepress.info/2020/02/21/si ... sanitaria-per-la-polizia/

Data invio: 22/2 12:54
Crea PDF dal messaggio Stampa
Topic | Forum


L'incidente in viale Regione, guardia giurata muore in ospedale
Donatore GuardieInformate
Iscritto il:
23/6/2016 13:01
Da Parma
Gruppo:
Utenti registrati
Messaggi : 322
Offline
L'incidente in viale Regione, Giuseppe Parisi muore in ospedale oltre un mese dopo
La caduta è avvenuta nei pressi di viale Lazio lo scorso 12 gennaio. Le condizioni di Giuseppe Parisi, 44 anni, sono improvvisamente peggiorate e nonostante gli sforzi dei medici l'uomo che prestava servizio in aeroporto è deceduto


Alla fine non ce l’ha fatta e dopo oltre un mese trascorso in ospedale si è spento. E' morto nel reparto di Neurorianimazione di Villa Sofia Giuseppe Parisi, la guardia giurata di 44 anni che lo scorso 12 gennaio ha avuto un incidente in viale Regione Siciliana, all’altezza di viale Lazio.

Secondo una prima ricostruzione l’uomo, che si trovava alla guida del suo scooter Yamaha X-City, avrebbe perso il controllo e sarebbe caduto con violenza sull’asfalto. Nessun altro mezzo è coinvolto nell'incidente, come invece ipotizzato in un primo momento. Immediato l’intervento del 118 e il trasporto al Trauma center. I medici hanno riscontrato una grave insufficienza cardiorespiratoria, un grave trauma cranico e altre lesioni.

Dopo un primo ricovero il suo quadro clinico, nel corso dei giorni, sembrava essere migliorato. Tanto che l'ospedale avrebbe preso contatti con il Giglio di Cefalù per iniziare la riabilitazione ma, forse per un problema di posti, il trasferimento è stato rinviato.

Ieri le condizioni sono precipitate e nonostante gli sforzi dei medici Parisi è deceduto. Già nella notte in tanti hanno raggiunto la camera mortuaria allestita in ospedale per dare un ultimo saluto alla guardia giurata che prestava servizio all’aeroporto Falcone-Borsellino.

Fonte: https://www.palermotoday.it/cronaca/in ... rto-21-febbraio-2020.html

Data invio: 21/2 13:48

Modificato da independent su 21/2/2020 14:07:13
Crea PDF dal messaggio Stampa
Topic | Forum


Usa il figlio per rubare al supermercato, scoperta aggredisce il vigilante: arrestata
Donatore GuardieInformate
Iscritto il:
23/6/2016 13:01
Da Parma
Gruppo:
Utenti registrati
Messaggi : 322
Offline
San Leonardo: i residenti fanno arrestare un pusher

Sono entrate in azione ieri al supermercato Aldi, scegliendo generi alimentari e mettendoli nei carrelli come i normali clienti. Arrivate alla cassa, però, faceva spingere il carrello al figlio minorenne. Secondo i piani il figlio avrebbe dovuto "passare" la cassa senza pagare. Il responsabile alla sicurezza, che aveva seguito l’intera azione, si è avvicinato per chiedere spiegazioni. La donna ha reagito spingendolo contro la vetrata del supermercato. Un gesto che le ha fato perdere la borsa. E proprio nel tentativo di recuperarla è stata bloccata dallo stesso addetto alla sicurezza. Nel frattempo erano state allertati gli agenti delle Volanti che, giunte sul posto, hanno identificato la donna. Che è risultata essere una giovane cittadina romena e un cosiddetto "nome noto" alle forze dell'ordine per i suoi precedenti. E' stata arrestata.

E ancora, ieri pomeriggio la sezione Antidroga della Mobile, ha arrestato un cittadino di origini nigeriane, classe 1996, in quanto intento a svolgere attività di spaccio lungo la via San Leonardo. Un'azione portata a termine dopo le numerose segnalazioni da parte dei residenti.

Fonte: https://www.gazzettadiparma.it/parma/2 ... ilante_arrestata-2757792/

Data invio: 20/2 19:02
Crea PDF dal messaggio Stampa
Topic | Forum


Aggredisce e ruba smartphone a una donna, malvivente bloccato da vigilante e consegnato alle FF.OO
Donatore GuardieInformate
Iscritto il:
23/6/2016 13:01
Da Parma
Gruppo:
Utenti registrati
Messaggi : 322
Offline
Il fatto avvenuto nella notte, intorno alle 2.30 in via Belfiore nei pressi della stazione Porta Nuova

Rapina fallita a Torino. Questa notte, intorno alle 2.30 in via Belfiore nei pressi della stazione Porta Nuova, un malvivente di nazionalità straniera ha aggredito con violenza una donna italiana, strappandole dalle mani lo smartphone.
Le grida di aiuto della vittima sono state udite da una guardia giurata Sicuritalia di pattuglia in zona che l’ha subito soccorsa, trovandola a terra e dolorante ad un braccio. Il vigilante ha quindi rincorso il malvivente allertando contestualmente le Forze dell’Ordine.
L’uomo è stato dopo bloccato dopo una corsa per le vie attigue alla stazione ed è stato consegnato alla Polizia che hanno provveduto al fermo. Lo smartphone è stato riconsegnato intatto alla donna.

Fonte: http://www.torinoggi.it/2020/02/20/le ... e-consegnato-alil-fa.html

Data invio: 20/2 19:01
Crea PDF dal messaggio Stampa
Topic | Forum


Rapina al portavalori, i sindacati sollevano dubbi e perplessità
Donatore GuardieInformate
Iscritto il:
5/8/2016 23:57
Da Piemonte
Gruppo:
Utenti registrati
Collaboratore
Messaggi : 945
Offline
Guarracino (UilTucs) e Murazzo (Fisascat Cisl): «Può un servizio così importante essere fatto da una sola persona a turno?»
Intervengono sulla rapina ai danni di un istituto di vigilanza avvenuta qualche giorno fa nei pressi di Salcito i rappresentanti dei sindacati Fisascat Cisl e UilTucs Stefano Murazzo e Pasquale Guarracino. «Ancora una volta siamo costretti a registrare un fatto di cronaca che ha come protagonista un lavoratore di un Istituto di vigilanza. Nella giornata di sabato un portavalori di un noto istituto di vigilanza che opera nella nostra regione, durante l’espletamento del proprio servizio è stato assaltato da tre malviventi a volto coperto ed armati di fucile. La rapina è stata sventata dalla prontezza, dalla professionalità e dal grande coraggio della guardia giurata che, non perdendo la calma, è riuscito a fuggire dall’assalto dei malviventi. Da questo ennesimo episodio di cronaca scaturiscono domande e riflessioni. Può un servizio delicato quale il trasporto valori essere svolto da una sola guardia giurata? Possono le Istituzioni, e la Prefettura in particolare, non intervenire su questioni di tale rilevanza? Possono operare liberamente Istituti che pagano gli stipendi ai lavoratori ed Istituti che non li pagano? Possono coesistere Istituti che rispettano il CCNL ed Istituti che non lo rispettano, Istituti che garantiscono la regolarità contributiva ai dipendenti ed Istituti che non la garantiscono? Ma vi è di più. E’ proprio la professionalità di questi lavoratori che ogni giorno viene messa in discussione dalle associazioni datoriali che si oppongono al rinnovo contrattuale. Un comparto, quello della vigilanza privata, che aspetta il rinnovo del contratto scaduto, ormai, dal 31 dicembre 2015. Il negoziato prosegue a rilento ed a discapito dei lavoratori che da un triennio attendono risposte certe sugli aumenti salariali, welfare, bilateralità e cambio di appalto, quest’ ultimo di notevole importanza nel settore della vigilanza. Il settore in questione conta oltre 1320 imprese, di cui per il 53% sono piccole imprese micro fino a 9 dipendenti, dislocate prevalentemente nel mezzogiorno e nelle isole con una vita media di 12 anni e un fatturato che supera i 3miliardi e 265 milioni di euro. Il quadro che emerge, ad oggi, è una valutazione negativa sullo stato dei negoziati per il nuovo contratto nazionale scaduto nel 2015, applicato ai circa 70mila addetti, di cui oltre 41mila guardie particolari giurate. Il giorno 11 febbraio 2020 si è svolto l’incontro presso il Ministero del Lavoro a seguito della richiesta avanzata dai Segretari Generali di Filcams, Fisascat e Uiltucs corredata dalle firme degli addetti della Vigilanza Privata e dei Servizi Fiduciari. Si sono rappresentate le condizioni in cui versano i lavoratori del comparto rispetto al mancato rinnovo del CCNL scaduto dal 2015, e la situazione generale che vive il comparto stesso. I rappresentanti del Ministero del Lavoro, nel prendere atto di quanto esposto, si sono impegnati, a fare un passaggio con le Associazioni Datoriali per capire gli spazi utili a riattivare il tavolo di rinnovo del Contratto nazionale. Ad aggravare ancora di più la situazione in Molise è il continuo ritardo nel pagamento degli stipendi di alcuni Istituti di vigilanza. Nonostante tutto le lavoratrici e i lavoratori continuano a svolgere il proprio lavoro incuranti dei pericoli a cui vanno incontro ogni giorno con grande spirito di abnegazione».


https://quotidianomolise.com/rapina-al ... vano-dubbi-e-perplessita/

Data invio: 20/2 18:11
_________________
Cadi sette volte, rialzati otto.
Crea PDF dal messaggio Stampa
Topic | Forum


Picchiava da anni moglie e figlie. Arrestata guardia giurata
Donatore GuardieInformate
Iscritto il:
23/6/2016 13:01
Da Parma
Gruppo:
Utenti registrati
Messaggi : 322
Offline
Una storia di violenze e vessazioni durata anni e ora - si spera - finita dopo che le vittime hanno avuto il coraggio di denunciare.
Una guardia giurata di origine coratina, alle dipendenze di un istituto di vigilanza ruvese e residente nella stessa città di Ruvo, è finita agli arresti domiciliari con la pesante accusa di maltrattamenti nei confronti della moglie e delle figlie.
Tutto è nato dalla denuncia che la moglie ha presentato nel novembre scorso alla Questura di Caserta, città dove le vittime si sono rifugiate per sfuggire alle angherie dell'uomo.
Come primo provvedimento, la Questura ha disposto il sequestro dell'arma in dotazione al vigilante. Le indagini avviate subito dopo hanno poi permesso agli inquirenti di documentare le violenze poste in essere dall'uomo nei confronti di moglie e figlie.
In base agli elementi riscontrati, il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha quindi emesso l'ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari nei confronti della guardia giurata, eseguita l'altro giorno dai carabinieri di Ruvo.

Fonte: https://www.coratolive.it/news/cronaca ... arrestata-guardia-giurata

Data invio: 20/2 14:47
Crea PDF dal messaggio Stampa
Topic | Forum


Fiom: «Dipendenti controllati dalle guardie giurate. Illegale».
Donatore GuardieInformate
Iscritto il:
23/6/2016 13:01
Da Parma
Gruppo:
Utenti registrati
Messaggi : 322
Offline
Fiom: «Dipendenti controllati dalle guardie giurate. Illegale». Fincantieri replica. Per la società, «la sospensione di un lavoratore fu causata dal violento alterco sfociato in minacce all'agente». Il sindacato: «Clima aziendale deteriorato. Società irrispettosa della legge»“

Fiom: «Dipendenti controllati dalle guardie giurate. Illegale». Fincantieri replica

archivio
APPROFONDIMENTI
Riprende lo scontro tra Fincantieri e Fiom: "Posizioni inaccettabili"
Riprende lo scontro tra Fincantieri e Fiom: "Posizioni inaccettabili"
10 giugno 2015
«Guardie giurate utilizzate illegalmente per controllare e contestare i lavoratori». Sarebbero ormai diverse, secondo Fiom, le lettere di contestazione giunte ai lavoratori di Fincantieri a causa di «segnalazioni operate dalle guardie addette alla tutela del patrimonio aziendale». Per i metalmeccanici veneziani «la normativa stabilisce chiaramente che il potere gerarchico, di controllo e disciplinare cui i dipendenti dell’azienda sono sottoposti va esercitato direttamente e non può essere appaltato a società terze». Roberto D’Andrea, coordinatore nazionale Fincantieri per la Fiom-Cgil e Michele Valentini, segretario Fiom-Cgil Venezia tornano su una contestazione disciplinare che ha portato a un provvedimento nei confronti di un dipendente dello stabilimento di Marghera, a novembre scorso, che ha portato a un giorno di sospensione, secondo quanto riferito, «a seguito a quanto dichiarato da una guardia giurata».

La replica

«Fincantieri ha sanzionato un dipendente per il violento alterco sfociato in minaccia nei confronti di una guardia», scrive la società. «Contrariamente a quanto traspare dalla nota della Fiom, non è avvenuto in un reparto produttivo, ma in banchina, in un’area dedicata al transito veicolare. La guardia non ha fatto altro che interdire il passaggio al fine esclusivo di garantire la sicurezza e l’incolumità dei lavoratori. Un'esigenza - scrive Fincantieri - posta all’attenzione della direzione aziendale anche dai rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza (rls) dello stabilimento. D’accordo con gli stessi, era stata condivisa la volontà di interdire l’area anche mediante l’utilizzo di una guardia giurata a supporto di altro personale impiegato». «Eventuali mancanze da imputare ai lavoratori vanno segnalate da personale diretto di Fincantieri - ribadisce Fiom - . Vigilanza e controllo del perimetro aziendale sono una cosa diversa dal controllo dei lavoratori. Lo Statuto dei Lavoratori disciplina chiaramente questa materia e i limiti all’utilizzo delle guardie giurate armate. Se anche le rls avessero chiesto di usare le guardie - conclude Fiom - Fincantieri avrebbe dovuto sottolineare l'illegalità della cosa. Le leggi valgono per tutti».

Fonte: https://www.veneziatoday.it/cronaca/fi ... -fincantieri-maghera.html

Data invio: 20/2 14:45
Crea PDF dal messaggio Stampa
Topic | Forum


Re: Turni in bianco e ferie forzate
Donatore GuardieInformate Moderatore
Iscritto il:
29/7/2007 14:54
Gruppo:
Utenti registrati
Messaggi : 4123
Offline
Quoto FFS...con sta cosa dei contratti a scadenza, penso che non ho fatto male a non accettare di tornare nelle gpg, con un contratto di 6 mesi, come illustro in sez. aspiranti

Data invio: 19/2 20:12
_________________
Vivo la vita per dominarla...non per esserne schiavo!
Crea PDF dal messaggio Stampa
Topic | Forum


Re: Turni in bianco e ferie forzate
Donatore GuardieInformate
Iscritto il:
5/2/2007 23:45
Da provincia BAT
Gruppo:
Utenti registrati
Addetto ai Sondaggi
Messaggi : 1898
Offline
___"Col senno di poi...."___
A questo punto, ti conviene andare direttamente da un bravo avvocato, esperto in cause di lavoro.
L'avvocato, dovrebbe visionare attentamente il nostro CCNL e trovare appigli per intentare una causa (previo avviso di conciliazione).
Tanto ormai sei fuori e personalmente credo che tentare non nuoce.

Data invio: 19/2 18:02
_________________
Un viaggio di mille miglia deve cominciare con un solo passo. (Lao Tzu)
Crea PDF dal messaggio Stampa
Topic | Forum


Correzzana più sicura: vigilanza privata per il controllo del patrimonio immobiliare
Donatore GuardieInformate
Iscritto il:
23/6/2016 13:01
Da Parma
Gruppo:
Utenti registrati
Messaggi : 322
Offline
Diventeranno operativi dal prossimo 2 marzo, a Correzzana, i pattugliamenti di vigilanza privata. La proposta di convenzione è stata avanzata al Comune brianzolo direttamente dall’Istituto di vigilanza notturna e diurna di Monza, in cambio di visibilità e una forma di pubblicità sulla zona.

“Il progetto non comporterà alcun costo – spiega il sindaco Marco Beretta – questo grazie ad un contratto di sponsorizzazione, reso possibile da recenti disposizioni normative che prevedono forme di collaborazione tra soggetti privati e pubblica amministrazione per tutelare il patrimonio”.

Il progetto avrà una durata iniziale di sei mesi, prorogabili. Ad essere interessati saranno il Municipio, in Via De Gasperi e la zona del Cimitero, percorrendo anche gran parte di Via Principale, nella fascia temporale che va dalle 17 alle 20.

L’obiettivo è quello di avere un controllo del patrimonio immobiliare del Paese: “non si tratta di una ronda che va ad integrare il lavoro delle Forze dell’Ordine, alle quali spetta il controllo del territorio – ha specificato il Sindaco – Qui si parla di una cosa diversa, del controllo del patrimonio pubblico. Ha una funzione preventiva perchè Correzzana non è particolarmente interessata da furti o atti di vandalismo. Certo è che, passando sul territorio, avranno anche una funzione deterrente e se noteranno qualcosa di sospetto lo segnaleranno prontamente alle Forze dell’Ordine”.

Installate anche videocamere ai varchi del Paese.
Non solo la vigilanza privata. A controllare il territorio sono in arrivo anche 9 videocamere, installate nei varchi di accesso al Paese: su via Kennedy, al confine con Campofiorenzo ed agli estremi di via Principale, verso Lesmo e Besana in Brianza. I varchi sono già stati installati, si è ora in fase di collaudo delle telecamere che dovrebbero essere attive da marzo. Un controllo elettronico che permetterà, grazie al collegamento diretto con la motorizzazione, di verificare anche i veicoli che transitano nel territorio non in regola con l’assicurazione, del bollo o la revisione.

Non è prevista, per il momento, la creazione di gruppi di controllo di vicinato che in altri Comuni della Provincia sta prendendo piede e anche con buoni risultati: i dati mostrano una diminuzione tra il 70 e l’80% di furti e truffe. Un progetto non escluso a priori dal sindaco che però precisa: “Stiamo andando per gradi, per ora abbiamo adottato queste misure in materia di sicurezza. Dovesse già migliorare ulteriormente la situazione con le telecamere e la vigilanza potrebbe non essere più necessario ricorrere anche a questo forma di controllo. Valuteremo e studieremo attentamente la situazione”.

Fonte: https://www.mbnews.it/2020/02/correzza ... trollo-immobili-pubblici/

Data invio: 19/2 16:46
Crea PDF dal messaggio Stampa
Topic | Forum



 Top
(1) 2 3 4 ... 16921 »



[Ricerca avanzata]


Pubblicita

Disclaimer

"Questo portale viene aggiornato senza alcuna periodicità e non rappresenta una testata giornalistica né un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Gli autori non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali link o collegamenti posti all'interno del portale o del forum di discussione, o per i siti che forniscono link o collegamenti alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che questo portale fornisca eventuali collegamenti a siti esterni non implica tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli utenti sono i soli responsabili dei contenuti, contributi e commenti pubblicati; i moderatori si impegnano a rimuovere o oscurare i contenuti considerati falsi, lesivi di altrui dignità o diffamatori, ma data la natura interattiva degli strumenti utilizzati è impossibile operare un controllo in tempo reale di tutto il materiale pubblicati dagli utenti. Per segnalazioni o richieste di rimozione contenuti scrivere una mail all'indirizzo admin@guardieinformate.net con oggetto "Richiesta rimozione contenuti" "

Police Privacy di Guardieinformate