Segnala messaggio:*
 

Re: penalizzare maggiormente chi rimane in malattia

Oggetto: Re: penalizzare maggiormente chi rimane in malattia
da beretta98 su 7/1/2008 2:28:37

Scusa il ritardo Anubis, è vero che chi stà in malattia per seri motivi purtroppo non prenderà il premio produzione, ma se si è arrivato a questo bisogna ringraziare i lavativi, chi la malattia la fa come feria aggiuntiva, se il problema e così sentito, vuol dire che il problema esiste, non lo si stà inventando, si sà che paga sempre il buono per il peccatore, poi non ci vuole la sfera magica per capire chi ne necessita e chi no, nella mia azienda lglie lo si legge in faccia a quelli che vanno in mutua per motivi non legati alla salute, be non ti nascondo che personalmente gli rendo la vita difficile sul lavoro, non mi vergogno ad ammetterlo, non si sbaglia ad individuare il lavativo, non esiste nessun pericolo di scambiare l'uno dall'altro, le malattie le fanno un pò tutti, ma chi in effetti stà male non rischia alcun chè, anzi spesso io come altri colleghi non gli abbiamo fatto iniziare il servizio, consigliandoli di andare al pronto soccorso, ma ti assicuro che qui si parla dei lavativi non di chi stà male per d'avvero, quindi non vedo la necessità di sentirsi colpiti di persona, per il C.I.P. e le modalità di calcolo, lo hanno voluto i sindacati in concerto con i titolari degli I.V.
Quindi ribadisco che almeno da parte mia non c'è una discriminazione generale del mutuante, ma credimi, non sono vecchio ma nemmeno sono alle prime armi, quindi sò capire bene chi finge e chi no.
Anzi aggiungo, il falso malato non solo lede il collega che deve fare quello che non può fare lui, ma lede soprattutto chi della malattia ne uso per effettive e giustificate ragioni.

Pubblicita

Disclaimer

"Questo portale viene aggiornato senza alcuna periodicità e non rappresenta una testata giornalistica né un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Gli autori non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali link o collegamenti posti all'interno del portale o del forum di discussione, o per i siti che forniscono link o collegamenti alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che questo portale fornisca eventuali collegamenti a siti esterni non implica tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli utenti sono i soli responsabili dei contenuti, contributi e commenti pubblicati; i moderatori si impegnano a rimuovere o oscurare i contenuti considerati falsi, lesivi di altrui dignità o diffamatori, ma data la natura interattiva degli strumenti utilizzati è impossibile operare un controllo in tempo reale di tutto il materiale pubblicati dagli utenti. Per segnalazioni o richieste di rimozione contenuti scrivere una mail all'indirizzo admin@guardieinformate.net con oggetto "Richiesta rimozione contenuti" "

Police Privacy di Guardieinformate