Segnala messaggio:*
 

Vietato sparlare dei colleghi via email

Oggetto: Vietato sparlare dei colleghi via email
da alcatraz su 23/4/2008 7:21:16

A ribadirlo è la Corte di Cassazione: si rischia una denuncia per ingiuria.

La Corte di Cassazione ha stabilito che sparlare di un collega di lavoro tramite la posta elettronica è equivalente all'ingiuria. Si tratta di un caso realmente accaduto, sottolineato dalla Cassazione con la sentenza 16425 della Quinta sezione penale.

I fatti risalgono al 2005. Amelia G., impiegata presso una ditta di Bassano del Grappa, aveva scoperto che Gino F. aveva inviato un'email ai colleghi criticando il suo comportamento: secondo Gino, infatti, Amelia avrebbe abusato dei congedi parentali in maniera fin troppo sfacciata.

L'email era arrivata a tutti i colleghi, tranne Amelia, che però era in seguito venuta a sapere della cosa (si parla di un ritrovamento dell'email stampata in un cassetto, anche se è più presumibile un forward) e aveva sporto querela nei confronti di Gino.

Tanto in primo quanto in secondo grado di giudizio, ad Amelia era stato dato torto dal giudice di pace di Bassano del Grappa: Gino era stato assolto "perché il fatto non sussiste". Ma Amelia è arrivata fino in Cassazione, ribaltando il giudizio.

Gli ermellini spiegano nella motivazione della sentenza: "trattandosi di ingiurie epistolari, anche se lo scritto è stato inviato a persone diverse dall'offeso, il delitto si perfeziona a condizione che l'agente, all'atto dell'invio, abbia avuto indubbia consapevolezza che lo stesso sarebbe stato comunicato all'offeso".

Fonte www.zeusnews.it

Pubblicita

Disclaimer

"Questo portale viene aggiornato senza alcuna periodicità e non rappresenta una testata giornalistica né un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Gli autori non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali link o collegamenti posti all'interno del portale o del forum di discussione, o per i siti che forniscono link o collegamenti alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che questo portale fornisca eventuali collegamenti a siti esterni non implica tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli utenti sono i soli responsabili dei contenuti, contributi e commenti pubblicati; i moderatori si impegnano a rimuovere o oscurare i contenuti considerati falsi, lesivi di altrui dignità o diffamatori, ma data la natura interattiva degli strumenti utilizzati è impossibile operare un controllo in tempo reale di tutto il materiale pubblicati dagli utenti. Per segnalazioni o richieste di rimozione contenuti scrivere una mail all'indirizzo admin@guardieinformate.net con oggetto "Richiesta rimozione contenuti" "

Police Privacy di Guardieinformate