Segnala messaggio:*
 

Guardie giurate, si apre l'era del lavoro autonomo?

Oggetto: Guardie giurate, si apre l'era del lavoro autonomo?
da ADMIN su 11/11/2019 10:04:03

Guardie giurate, si apre l'era del lavoro autonomo?
vigilanza e dintorni 7 novembre 20193261 visualizzazioni
Il Consiglio di Stato, con parere n. 2531 del 25 settembre 2019 richiesto dal Ministero dell'Interno, ha osservato che la sentenza n. 118/2018 del TAR dell'Emilia, passata in giudicato, ha annullato l'art. 6 comma 2 del DM 269/2010, che presuppone un rapporto di lavoro subordinato per le guardie giurate, aprendo al lavoro autonomo. Di conseguenza, il 17 ottobre 2019 il Ministero dell'Interno ha emanato ai prefetti la circolare n. 14334/10089 per allineare le autorità territoriali alla nuova situazione.

Come viene sottolineato nella stessa circolare "Il passaggio da un sistema in cui la guardia giurata poteva erogare le sue prestazioni solo in regime di lavoro dipendente a uno in cui è ammesso anche l'esercizio di questo mestiere in forma di 'locatio operis' introdurrà significative novità nel complessivo sistema di governance del settore della sicurezza privata".

Clicca qui per leggere la Circolare del Ministero dell'Interno e il parere del Consiglio di Stato

https://www.securindex.com/news/leggi/ ... -lera-del-lavoro-autonomo

Pubblicita

Disclaimer

"Questo portale viene aggiornato senza alcuna periodicità e non rappresenta una testata giornalistica né un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Gli autori non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali link o collegamenti posti all'interno del portale o del forum di discussione, o per i siti che forniscono link o collegamenti alle risorse qui contenute. Il semplice fatto che questo portale fornisca eventuali collegamenti a siti esterni non implica tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli utenti sono i soli responsabili dei contenuti, contributi e commenti pubblicati; i moderatori si impegnano a rimuovere o oscurare i contenuti considerati falsi, lesivi di altrui dignità o diffamatori, ma data la natura interattiva degli strumenti utilizzati è impossibile operare un controllo in tempo reale di tutto il materiale pubblicati dagli utenti. Per segnalazioni o richieste di rimozione contenuti scrivere una mail all'indirizzo admin@guardieinformate.net con oggetto "Richiesta rimozione contenuti" "

Police Privacy di Guardieinformate