Re: Certificazione UNI EN ISO 9001

Inviato da  xxxxxxxxxx il 12/5/2008 18:30:15
Citazione:

gpgaa ha scritto:
Si Baffometto,
ma comunque Informatica, IVP o altro, il discorso non cambia, le regole ISO sono le stesse con qualche variante relativa al settore.


Aimè, proprio perché le regole non cambiano ma le aziende non pongono le stesse problematiche i risultati non sono gli stessi.

Le verifiche UNI EN ISO 9001 vengono effettuate nelle sedi degli IVP dove praticamente ha "alloggiamento" la "mente" dell'azienda composta da uffico direttivo, operativo ed amministrativo. Un proverbio dice: "il cane non sporca dove mangia".

Il "braccio" delle aziende di vigilanza, laddove sono svolti di concreto i servizi di varia natura legata al controllo e alla vigilanza, dove cioè le verifiche dovrebbero essere effettuati non solo per una Certificazione ma più semplicemente per un adeguamento a delle normative vigenti, la materia è a dire poco vergognosamente lacunosa.

Anche semplicemente leggendo le testimonianze nei siti dedicati, che sono poca cosa in confronto alla mera realtà, è evidente che sussistano in modo conclamato delle quotidianeità che ben superano in negativo quel confine di legittimità o addirittura legalità che dovrebbe caratterizzare le aziende in questione.

Zone con settori di oltre 300 km a notte; straordinari senza regola; riposi, ferie e permessi a discrezione dei superiori; dotazioni incomplete; automezzi usurati; vestiario inadatto; servizi non compiuti a danno del cliente; professionalità inesistente; corsi a onere del dipendente; servizi di oltre 12 ore all'aiaccio pure d'inverno; piantonamenti in luoghi insalubri o addirittura in cantieri aperti senza alcune norme per la sicurezza; corpi di guardia assolutamente inadatti e privi di servizi igenici per i dipendenti; strumenti di verifica come orologi e lettori, utilizzati a fine di controllo; ispezioni irregolari; servizi non di mansione; situazioni di Mobbing; queste e molte altre sono le problematiche che caratterizzano indiscutibilmente la ns categoria e neppure le aziende certificate UNI EN ISO 9001 sono esenti a questo rischio.

Scrivo per cognizione di causa.

Per questo ho interpellato sicurezza per capire di quale azienda trattavasi per poter dare una risposta più precisa. Comunque il chiarimento non cambia.

Per quanto riguarda il facilmente superabile limite di verifica tra gli abbonati, quelle rare volte che le aziende vengono invitate ai sopraluoghi, forniscono per questione di privacy e non dimentichiamo di sicurezza, solo i dati di clienti pre-informati e in accordo, ma soprattutto sono resi noti solo i dati di quegli abbonati dove per natura stessa della mansione, il servizio viene svolto in modo impeccabile.

Il gioco è fatto . La differenza tra una azienda che opera principalmente all'interno delle proprie mura è colossale nei confronti di un'altra che opera come gli IVP, praticamente fuori, in strada.

Questo post era da: http://www.guardieinformate.net/newbb/viewtopic.php?forum=5&topic_id=3306&post_id=40246